Terra Nuda

Effetti del negazionismo

Le azioni di quanti hanno cavalcato strumentalmente la questione Xylella fastidiosa portò, due anni fa, a distorcere il significato del messaggio espresso dal ricercatore del Cnr Donato Boscia, attribuendogli la volontà e la richiesta di abbattere un milione di piante, oltre a farne bersaglio di linciaggio mediatico e oggetto di attenzioni di carattere giudiziario. Oggi, le amare riflessioni del presidente di Aprol Lecce

Pantaleo Greco

Effetti del negazionismo

Circa due anni fa, era il 5 marzo 2015, nel corso di un forum tenutosi a Lecce Donato Boscia, ricercatore del CNR impegnato in prima linea nello studio dell’epidemia di Xylella, pressato dalle domande dei giornalisti che chiedevano “numeri”, disse che, in mancanza di dati ufficiali, combinando le osservazioni di campo e le segnalazioni della rete di tecnici salentini con cui era in contatto, era verosimile che il territorio provinciale interessato dall’infezione fosse del 10% circa, corrispondente ad un milione di olivi.

Numeri suscettibili di importanti oscillazioni, che aiutavano a dare un’idea della magnitudo del fenomeno, fino ad allora fuorviata dalle poche centinaia dei rapporti ministeriali, che però attingevano non dall’inventario delle piante infette ma dal monitoraggio effettuato per delimitare le zone esenti.

Nonostante lo scopo fosse di dimostrare che l’ampiezza del fenomeno era ormai troppo ampia per pensare ad un intervento definitivo di “eradicazione”, e che invece da quei numeri bisognava partire per pensare ad una gestione condivisa ma razionale del fenomeno,la prevenzione e la strumentalizzazione di ben note frange negazioniste portò a distorcere il significato di quel messaggio, attribuendo al ricercatore la volontà e la richiesta di abbattere un milione di piante, a farne un bersaglio di linciaggio mediatico ed oggetto di attenzioni di carattere giudiziario.

Oggi, a due anni di distanza, leggiamo che il dirigente del dipartimento agricoltura della Regione Puglia parla di 10 milioni di piante infette e di un miliardo di danni.
Ogni commento è puramente superfluo.

Iscriviti alle
newsletter