Terra Nuda

Etichettare l’olio non è un gioco

Sembra facile, mettere in bottiglia un olio e metterci l’etichetta. Invece sono tante le possibili insidie, per chi non soddisfa quanto disposto dal legislatore. Le norme non sono chiare, e sono oltretutto tante; e, anche laddove possono essere state chiarite, c’è sempre l’incognita dell’interpretazione che ne fa il controllore. E’ possibile districarsi?

Olio Officina

Etichettare l’olio non è un gioco

E’ uno degli otto workshop cui si può assistere, con ingresso libero nela giornata di giovedi 5 novembre. Embra fcaile etichettare un olio, ma non lo è. Si rischia tanto a sbagliare. Per questo si è pensato di organizzare un workshop per chiarire ogni aspetto, anche quelli con risovolti penali. Ci vuole un po’ di santa pazienza e la giusta attenzione. Così, a Milano, nell’ambito del Simei, i dubbi principali possono essere in qualche misura superati.


WORKSHOP ETICHETTATURAGiovedì 5 novembre 2015Ore 14.30 – 17.30

Il tema dal quale si parte è il seguente: “Esiste l’etichetta perfetta? E’ possibile stare sul mercato, affascinare e sedurre il consumatore senza tuttavia venir meno alle disposizioni di legge? Lo stato dell’arte”

La questione etichettatura è la più spinosa da affrontare. La bulimia di leggi mette in seria difficoltà le aziende nel gestire una etichettatura sempre più complessa, a rischio di sanzioni pesanti. Come è possibile allora gestire tale problematica? Come si può etichettare un olio secondo le norme vigenti, rendendo l’etichettatura anche un modo per comunicare meglio, supportati da azioni di marketing efficaci?

Già, perché non dimentichiamo che con l’etichetta si vende un olio, ed è molto importante avvalersi della necessaria capacità di attrarre il consumatore proprio attraverso una etichetta bella e convincente, capace di indirizzare all’acquisto e invogliare. Farlo però senza venir meno alle imposizioni di legge non è facile, da qui il workshop pensato proprio per tale scopo.


Moderatore: Luigi Caricato, direttore Olio Officina

Intervengono:

Massimo Occhinegro, esperto di marketing: “Norme chiare, corretta informazione e prodotto sicuro. Le esigenze di trasparenza verso il consumatore senza trascurare nel contempo le esigenze del marketing e della comunicazione”

Antonella Carbone, Giorgia Antonia Leone, Centro Studi Diritto Alimentare: “Etichettatura degli oli da olive, come destreggiarsi e gestire la complessità di una legislazione in continua evoluzione”

L’ingresso, come per tutti gli otto workshop è libero. Per chi voglia saperne di più, si può consultare QUI la pagina con tutti gli otto seminari in programmazione. Per chi voglia entrare in fiera a Milano Rho, senza far code, può precompilare un modulo e ottenere il pass anzitempo QUI.

Per iscriversi al workshop sui frantoi inviate una mail specificando workshop frantoi all’indirizzo redazione@olioofficina.it

LEGGI ANCHE: Etichetta olio, quanto serve sapere

La foto di apertura è di Olio Officina

Iscriviti alle
newsletter