Terra Nuda

Il Consiglio oleicolo internazionale ha sviluppato uno strumento per la stima del bilancio del carbonio di olio d'oliva

Olio Officina

Si tratta di uno dei risultati del lavoro svolto con l'assistenza, molto apprezzata, di un gruppo di esperti creato dal Coi nel 2012.
Negli ultimi anni, i consumatori hanno iniziato a chiedere sempre di più informazioni su ciò che consumano come alimenti, nel rispetto dell'ambiente. I vari quadri normativi sono stati sviluppati con l'obiettivo comune di quantificare gli impatti ambientali, in particolare le emissioni di gas a effetto serra utilizzando l'impronta di carbonio come indicatore.
Con diversi studi scientifici pubblicati finora si documentano i possibili effetti positivi sull'ambiente in olivicoltura - in termini di biodiversità, miglioramento del suolo e quale barriera contro la desertificazione, ecc - e mostrano inoltre, tali studi, come certe pratiche agricole aumentino la capacità di fissare CO2 atmosferica nel terreno e delle piante.
I quadri normativi sviluppati finora, per la quantificazione e la comunicazione delle emissioni di gas ad effetto serra, si basano su un approccio di valutazione del ciclo di vita. In questi quadri di legge, l'effetto potenziale di cattura e stoccaggio di CO2 da oliveti di una relazione separata dalle emissioni globali. Quindi, non esiste un unico indicatore specifico per segnalare il vero e proprio effetto positivo della olivicoltura come un ecosistema che cattura CO2 dall'atmosfera e lo memorizza su una base a lungo termine nelle piante e del suolo. Proprio per questo motivo, il Coi vuole condividere la prima versione di questa applicazione bilancio del carbonio con eventuali parti interessate nel settore dell'olio di oliva. Chi è interessato può prendere visione QUI

Iscriviti alle
newsletter