Terra Nuda

Il Fooi organizza un momento di confronto per tutto il comparto per rilanciare l'olivicoltura italiana

Giovedì 6 dicembre a Roma, presso la sede del Ministero delle Politiche agricole

Olio Officina

Nota stampa di Giuliano Martino. In che modo si può lavorare insieme per garantire il giusto valore all’olio extravergine d’oliva italiano? In che modo è possibile educare i consumatori? Come si può costruire, insieme alla grande distribuzione organizzata, una strategia di promozione costante e duratura del prodotto principe della dieta mediterranea? 

È per rispondere a questi e tanti altri quesiti che la filiera olivicola olearia italiana (FOOI) organizza giovedì 6 dicembre, alle 10, un importante momento di riflessione e di confronto per tutto il comparto olivicolo. E, naturalmente, sarà la splendida cornice istituzionale della Sala Cavour del Ministero delle Politiche agricole ad ospitare l’evento in cui i principali protagonisti e responsabili della produzione e dell’industria olearia del nostro Paese proveranno a confrontarsi con la politica per tracciare un percorso comune di crescita e sviluppo, nel nome della qualità dell’olio extra vergine d’oliva italiano. 

Non mancheranno, naturalmente, contributi scientifici di esperti nutrizionisti ed illustri rappresentanti del mondo accademico con l’approfondimento dei più recenti studi sul settore. 

Il FOOI, che unisce tutta la filiera, dalla produzione all’industria, dai frantoi ai consumatori fino alla grande distribuzione organizzata, proverà a tracciare anche attraverso questo evento, con responsabilità ed efficacia, una strategia condivisa per provare ad uscire dal momento difficile dell’olivicoltura italiana e per garantire a tutti gli operatori di prepararsi alle sfide che attendono uno dei settori più importanti del Made in Italy. 

Iscriviti alle
newsletter