Terra Nuda

L’Abruzzo, gli olivi, la neve

Alberi imbiancati, come non siamo abituati a vederli. Fa effetto osservare un pianta sempreverde consegnarsi, nel pieno dell’inverno, completamente avvolta da tanti, infiniti, minuti cristalli di ghiaccio tenuti insieme da una moltitudine di fiocchi. Le immagini, e le emozioni, di Lorenzo Santomero, amministratore del Comune di Fossacesia, in provincia di Chieti

Olio Officina

L’Abruzzo, gli olivi, la neve

“I nostri nonni e le nostre nonne - scrive Lorenzo Santomero - quando le informazioni meteorologiche non si avvalevano gli strumenti odierni, in Abruzzo, come in tutta Italia, facevano valere ciò che oggi definiamo detti popolari, proverbi o comunque in generale la saggezza popolare”.

Già, i proverbi. La saggezza popolare. Forse ne abbiamo perso il valore profondo. Qualcosa affiora nella memoria, ma non è più come un tempo. Non appartengono più intimamente a ciascuno di noi. 
Eppure, come ammette Santomero, i proverbi "generalmente riportano una verità (o quello che la gente ritiene sia vero). Si dice infatti che i proverbi sono frutto della cosiddetta filosofia popolare”.

Lorenzo Santomero è un amministratore del Comune di Fossacesia, in provincia di Chieti. "Da noi, in Abruzzo, tra i tanti proverbi inerenti l’agricoltura, ve n’è uno, in particolare, che viene in mente", soprattutto in questo freddo e innevato gennaio, con tante aree del centro sud del Paese completamente innevate.

Ebbene, i proverbi ci portano alla luce la stretta vicinanza dei modi di dire popolari anche con le condizioni metereologiche. Ricordate in detto "rosso di sera bel tempo si spera”? Chi no lo conosce? "Forse è il proverbio per antonomasia”.

Le fotografie che ci ha trasmesso Santomero sono eloquenti. L’Abruzzo imbiancato è uno spettacolo. Una bellezza potente.

Santomero, che è anche coordinatore regionale delle Città dell’olio, ha uno sguardo che raccoglie la sua terra completamente "imbiancata fin sulla costa e, i nostri tanti ulivi,dalla varietà Castiglionese e Tortiglione della provincia di Teramo alla Gentile dell’Aquila, passando per la dritta della provincia di Pescara, fino alla Gentile della provincia di Chieti, alberi tutti colmi di neve".

Con tanta neve, Santomero immagina subito un proverbio.”La tradizione abruzzese - ci scrive - vuole che una pianta di ulivo colma di neve porterà una raccolta piena di olive, e un'ottima annata. Noi - aggiunge - vogliamo, forse ingenuamente, credere ai nostri nonni e, per un momento, estraniarci dalle tante tecnologie, le quali, per fortuna, la modernità ci ha portato e sognare con loro, con la speranza che tutto sia vero, e che il 2017 ci regali una stagione olivicola ricca di quantità e qualità del nostro ottimo prodotto”.

È questo l’auspicio di chi vive il territorio senza perdere i lega con il passato, e in riportiamo a beneficio dei lettori di Olio Officina Magazine, questa evocazione. E così, visto che Santomero non disdegna la poesia, ci trasmette, insieme alle foto e alle sue considerazioni, anche i versi del poeta abruzzese Gabriele D’Annunzio. Che noi riportiamo per sentirne tutta la bellezza nell’atto di recitarle a voce alta.

L'ULIVO


Laudato sia l’ulivo nel mattino!
Una ghirlanda semplice, una bianca
tunica, una preghiera armoniosa
a noi son festa.

Chiaro leggero è l’arbore nell’aria.
E perché l’imo cor la sua bellezza
ci tocchi, tu non sai, noi non sappiamo,
non sa l’ulivo.

Esili foglie, magri rami, cavo
tronco, distorte barbe, piccol frutto,
ecco, e un nume ineffabile risplende
nel suo pallore!

O sorella, comandano gli Ellèni
quando piantar vuolsi l’ulivo, o côrre,
che ’l facciano i fanciulli della terra
vergini e mondi,

imperocché la castitate sia
prelata di quell’arbore palladio
e assai gli noccia mano impura e tristo
alito il perda.

Tu nel tuo sonno hai valicato l’acque
lustrali, inceduto hai su l’asfodelo
senza piegarlo; e degna al casto ulivo
ora t’appressi.

Biancovestita come la Vittoria,
alto raccolta intorno al capo il crine,
premendo con piede àlacre la gleba,
a lui t’appressi.

L’aura move la tunica fluente
che numerosa ferve, come schiume
su l marina cui l’ulivo arride
senza vederla.

Nuda le braccia come la Vittoria,
sul flessibile sandalo ti levi
a giugnere il men folto ramoscello
per la ghirlanda.

Tenue serto a noi, di poca fronda,
è bastevole: tal che d’alcun peso
non gravi i bei pensieri mattutini
e d’alcuna ombra.

O dolce Luce, gioventù dell’aria,
giustizia incorruttibile, divina
nudità delle cose, o Animatrice,
in noi discendi!

Tocca l’anima nostra come tocchi
il casto ulivo in tutte le sue foglie;
e non sia parte in lei che tu non veda,
Onniveggente!

Gabriele d’Annunzio


L'OLIO

Olio con sapiente arte spremuto
Dal puro frutto degli annosi olivi,
Che cantan - pace! - in lor linguaggio muto
Degli umbri colli pei solenti clivi,
Chiaro assai più liquido cristallo,
Fragrante quale oriental unguento,
Puro come la fè che nel metallo
Concavo t'arde sull'altar d'argento,
Le tue rare virtù non furo ignote
Alle mense d'Orazio e di Varrone
Che non sdegnàr cantarti in loro note...

Gabriele d’Annunzio

Iscriviti alle
newsletter