Terra Nuda

La disabilità in agricoltura, le opportunità offerte dall'agricoltura sociale

Una mattinata di incontri, di approfondimenti e di confronti nell’evento organizzato dalla Ong di Cia-Agricoltori Italiani, Ases, tenutosi in Senato

Olio Officina

“Abbiamo sempre sostenuto il grande valore dell’agricoltura come fonte primaria di vita e opportunità di sviluppo. L’amore per questo settore e la consapevolezza di quanto ci possa offrire, ci ha spinti a incentivare la diversificazione delle attività dell’impresa agricola, tra queste a renderci particolarmente orgogliosi, le opportunità fornite dall’agricoltura sociale. Grazie all’impegno di molti attori è diventata una pratica innovativa, elemento caratterizzante il ruolo multifunzionale dell’agricoltura”. Con questa premessa Cinzia Pagni, presidente Ases Agricoltori Solidarietà e Sviluppo, la Ong di Cia-Agricoltori Italiani ha aperto il Convegno “L’Agricoltura per l’inclusione sociale di persone con disabilità intellettiva” che si è tenuto a Roma, nella Sala Zuccari di Palazzo Giustiniani.

Una mattinata di approfondimento, riflessione e confronto arricchita dalla presenza della neuropsichiatra infantile Paola Vizziello, di Daniela Pavoncello per l’Inapp e Giuliano Ciano per il Fnas.

Presenti anche i referenti di quattro esperienze che già hanno attivato percorsi di agricoltura sociale: Capodarco, Semente, Istituto Agazzi-Arezzo Rete “All in For All”, Cooperativa Pegaso Progetto Raes e Azienda Agricola Olivart. Sono intervenuti Giuseppe L’Abbate, sottosegretario alle Politiche agricole, alimentari e forestali;e Susanna Cenni, vicepresidente Commissione Agricoltura della Camera. A chiudere l’iniziativa il presidente nazionale Cia-Agricoltori Italiani, Dino Scanavino.

Nell’Unione Europea la disabilità riguarda una persona su sei, circa 80 milioni di individui in totale, tra questi il tasso di povertà è superiore del 70% rispetto alla media, - anche a causa delle difficoltà ad entrare nel mondo del lavoro, - percentuali che aumentano oltre i 75 anni di età.

In Italia 750 mila persone sono iscritte al collocamento obbligatorio.

Questi numeri, destinati ad aumentare di pari passo con l’invecchiamento demografico della popolazione, chiamano tutti, ognuno a seconda delle proprie capacità e possibilità, ad un profondo senso di responsabilità.

È proprio in questo contesto che Ases-Cia ha scelto di essere protagonista, a fianco di chi ha dimostrato di condividere questa visione di social-inclusive community, nella costruzione di progetti e azioni volte a migliorare la qualità della vita, partendo da nuovi principi di welfare di comunità.

Esperienze sul campo hanno dimostrato che l’agricoltura sociale è un laboratorio a cielo aperto e che le progettualità possono riguardare ambiti diversi, tutti però orientate dall’obiettivo primario dello sviluppo di attività con utilità sociale.

Utilizzando quell'insieme di opportunità che l’agricoltura offre nascono e si sviluppano percorsi di equità e uguaglianza. Il settore primario offre, come verificato dai feedback dei progetti, un contesto unico, anche se non esclusivo, per fornire in collaborazione con cooperative sociali, associazioni, comuni e aziende sanitarie, servizi alle persone più deboli. Ecco allora che l’agricoltura sociale ha dato vita a importanti percorsi.

L’evento tenutosi al Senato, è stato dunque un’occasione di incontro e confronto sui progetti di Ases-Cia e sulle esperienze delle aziende agricole che hanno scelto l’inserimento socio-lavorativo di persone con disabilità intellettive e questo partendo anche dal prezioso contributo fornito dai giovani del Servizio Civile e dai percorsi di agricoltura sociale confederali in diversi territori.

Di particolare interesse, infine, la presentazione dei progetti che partiranno a breve che coinvolgo giovani diversamente abili e, ogni qualvolta possibile, anche le loro famiglie. 

“Siamo fieri del lavoro che Ases svolge valorizzando il ruolo sociale dell’agricoltura e mettendola a servizio delle persone più in difficoltà -è intervenuto Dino Scanavino, presidente nazionale Cia-Agricoltori Italiani. Il valore delle iniziative è tangibile nei tanti casi aziendali che vedono coinvolti gli agricoltori di Cia. Dobbiamo mantenere alta l’attenzione anche delle istituzioni -ha concluso Scanavino- in particolare nelle aree del Paese più periferiche, dove i servizi scarseggiano e l’agricoltura diventa unico baluardo d’inclusione”.

Si ringrazia per la notizia Cia-Agricoltori Italiani

Iscriviti alle
newsletter