Terra Nuda

La Fica Torta. La campagna che accoglie

Un agriturismo - in Puglia, nel Salento, a Tricase - che offre servizi culturali, educativi, sociali e ricreativi. C’è un asinello sempre pronto a farsi carezzare. Ci sono piccoli allevamenti avicoli con galli che cantano a squarciagola, papere sempre in movimento, pavoni con la testa bianca e bruna decorata dal ciuffo di penne sulla nuca. A tavola è un incanto

Alfonso Pascale

La Fica Torta. La campagna che accoglie

Luigi Maglie è un giovane imprenditore agrituristico di Tricase, un bellissimo centro del Capo di Leuca. Un imprenditore innovativo che ha trasformato un’antica struttura rurale in un’accogliente impresa agricola di servizi culturali, educativi, sociali e ricreativi. L’azienda si chiama “Fica Torta", il toponimo della contrada, dovuto alla presenza di numerosi alberi di fico dalle forme ricurve che troneggiano, disinvolti, tra gli ulivi secolari.

La famiglia di Luigi è sempre pronta ad aiutarlo nelle molteplici attività. Anche la sua ragazza, Enza, che lavorava in una città del Nord Italia, è tornata a vivere a Tricase. E presto si sposeranno e condurranno insieme l’azienda. Tutto è studiato nei dettagli per garantire il benessere degli ospiti. C’è un asinello sempre pronto a farsi carezzare. Ci sono piccoli allevamenti avicoli con galli che cantano a squarciagola, papere sempre in movimento, pavoni con la testa bianca e bruna decorata dal ciuffo di penne sulla nuca. A tavola è un incanto coi boccali e i bicchieri di terracotta e le ricette che richiamano ingredienti e sapori della cultura contadina del Salento.

L’arredo delle camere e dei luoghi di incontro evoca la sobrietà e la semplicità dell’antico mondo rurale, garantendo comunque le comodità essenziali conquistate con la modernità.
Ho conosciuto Luigi due anni fa in un’iniziativa culturale che si svolgeva nell’Agriturismo “Gli Ulivi” di Giulio Sparascio e Cesarina Baglivo. In quell’occasione parlammo a lungo di agricoltura sociale. Mi colpì il suo entusiasmo e la sua forza di volontà, ben stampati nel suo volto solare. E nei due anni che sono trascorsi da quell’evento, tante cose si sono messe in moto.

Sabato scorso abbiamo inaugurato la Stazione di Servizio Rurale “Semi Urbani” gestita dalla Rete di imprese “Gramigna” costituita da quattro aziende agrituristiche, tra cui “Fica Torta” e “Gli Ulivi”. Qual è il significato di questa nuova iniziativa? La campagna che accoglie le persone tra i filari e gli orti del paesaggio agrario, nel contempo, rivitalizza – con le proprie attività economiche in una piazza del centro storico - la comunità che ha disperso i suoi legami e tenta di affrontare il disagio, guardando al futuro con ragionevoli speranze.

Iscriviti alle
newsletter