Terra Nuda

Olea Green Food Meknes, un progetto innovativo nato da una partnership tra pubblico e privato

L'olivo e l'olio che si ricava dalle olive diventa una soluzione duratura per il cambiamento climatico e la transizione energetica nel bacino del Mediterraneo

Olio Officina

Olea Green Food Meknes, un progetto innovativo nato da una partnership tra pubblico e privato

Dopo l'accordo di Parigi adottato dalle 196 parti della convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC), la COP22 tenutasi dal 7 al 18 novembre a Marrakech, in Marocco, è senza dubbio un utile riferimento per l'azione e innovazione.

Con una mobilitazione senza precedenti del Regno del Marocco, la COP22 ha presentato una importante opportunità per evidenziare iniziative pionieristiche e le soluzioni innovative per la lotta ai cambiamenti climatici a opera dalle forze della società. Ed è proprio in questa prospettiva che la Fondazione "Olivier Meknes Promo" e Olivier ENA Meknes Agro-pole hanno portato le figure politiche e istituzionali, i rappresentanti del settore e gli esperti di marocchini e dell'industria internazionale dell'olio d'oliva ai lavori di una conferenza dintorno al tema "L'olivo e l'olio d'oliva: quali prospettive per il cambiamento climatico, le energie rinnovabili e l'economia circolare?"

La conferenza ce si è svolta lo scorso 11 novembre 2016, ha permesso ai partecipanti di discutere, scoprire e condividere una serie di soluzioni innovative intorno al clima, sotto la comune condivisione del concetto di economia circolare, facendo leva in particolare sul settore olivicolo.

In apertura dell'incontro, presieduto da Mohand Laenser, presidente della Regione Fez-Meknes, nonché presidente della Fondazione "Olivier Meknes Promo", è stato presentata la strategia della transizione energetica della regione Fez-Meknes, ritenuto il primo progetto nazionale per il recupero di energia da biomasse, aprendo così la strada verso nuovi usi per le tecnologie per la produzione di energia verde.

Il progetto è interamente rivolto alla realizzazione del programma di sviluppo regionale, lanciato nel 2016 con un obiettivo primario di evidenziare la posizione strategica della regione Fes-Meknes nazionale e internazionale, sempre secondo quanto sostenuto dal  Presidente della Regione Fez-Meknes.

La conferenza, inoltre, è stata anche l'occasione, per gli organizzatori, di presentare la soluzione ecologica le cui prospettive di sviluppo fanno parte di un modello virtuoso di economia circolare, tra cui i tre temi del progetto "Green Food Olea Meknes":

- la molitura delle olive più rispettosa dell'ambiente (con un sistema a due fasi, con meno acqua ed energia dei consumatori);

- la raccolta dei sottoprodotti delle olive;

- la valorizzazione dei sottoprodotti (le biomassa dell'olivo) e la produzione di energia elettrica.

Il progetto sarà sviluppato come espressione di un partenariato pubblico-privato costituito dal Consiglio della Regione Fes-Meknes, dal Consiglio della città di Meknes Prefectural Consiglio, e gli operatori industriali nazionali e internazionali, e cioè: OleaFood (Filiale di LCM Gruppo -Aïcha) Green of Africa, e SUEZ Riciclaggio e valorizzazione Marocco (filiale di Suez).

In seguito a tali partner, è stato firmato un protocollo d'intesa tra Mohand Laenser, Presidente della Regione Fes-Meknes, Thami Lahgui, Presidente del Consiglio della Prefettura di Meknes, Rachid Talbi, Vice Presidente del Consiglio della città di Meknes, Mustapha Amhal, presidente di Green of Africa, Mordecai Devico, Presidente della Oleafood-Aisha, e François Pyrek, responsabile di riciclaggio e valorizzazione SUEZ Marocco (filiale di SUEZ Group).

Lo scopo di questo protocollo d'intesa è lo sviluppo, il finanziamento, la costruzione e il funzionamento del progetto "Olea Green Food Meknes."

La cerimonia ha visto la partecipazione di Mohamme Pr Sadiki, Segretario Generale del Ministero dell'Agricoltura, di Abdelatif Ghedira, direttore esecutivo del Consiglio oleicolo internazionale, di Bruno Pedro, Vice Presidente del Consiglio Provinciale di Jaen, responsabile di agricoltura e ambiente, di Valeriano Ruiz, direttore generale della tecnologia Centro avanzato sulle energie rinnovabili dell'Andalusia e Presidente della natura globale della Fondazione, e di Rachid Benali, Presidente della Interprolive marocchino.

Alla presenza di marocchini e personalità istituzionali internazionali e esperti riconosciuti del settore oleicolo, la conferenza ha messo un riflettore sulle sfide e le leve di successo per la distribuzione di questo tipo di progetto (partenariati pubblico-privato, i rapporti con i territori e il mondo della ricerca, innovazioni tecnologiche ..) come parte della transizione ecologica e più in generale sulla prospettiva di olivicoltura sostenibile, pulito e rispettoso dell'ambiente nel Mediterraneo.

Un rapporto che il progetto "Olea Green Food Meknes" è stato certificato Progetto COP22 dal Comitato direttivo della COP22. Lo studio preliminare ha stimato la realizzazione del progetto a 45 milioni di euro, sostiene Noureddine Ouazzani, Progetto iniziatore "Green Olea Food Meknes", un progetto di etichetta COP22. E aggiunge: "Il nostro punto di partenza di questo ambizioso progetto" Green Olea Food Meknes" sono i risultati e le esperienze all'estero (Spagna e Italia), relativamente al recupero dei sottoprodotti dell'oliva per la tutela dell'ambiente e la produzione di energia. La valutazione delle opportunità di deposito disponibile biomassa della pianta di olivo di Meknes e la sua regione, è stato anche il nostro obiettivo principale".

"L'olivo è l'albero di benedizioni per le sue virtù sulla nostra salute; ma è anche l'albero dei benefici per le generazioni future, in particolare attraverso:

- il ruolo sociale ed economico di una cultura caratterizzata da una struttura agraria in gran parte basata sulla piccola agricoltura contadina;

- la sua importanza agronomica nella definizione di terreno fertile,cime nella lotta contro l'erosione delle acque e la desertificazione;

- i suoi bassi quantitativi di acqua di cui ha bisogno e di adattamento alle regioni a basso pioggia;

- il suo contributo alla riduzione delle emissioni di gas serra e il contributo delle energie rinnovabili.

A tutti, il mio nome a sostegno di una dichiarazione per il riconoscimento del olivo come vettore dello sviluppo sostenibile e della lotta contro il cambiamento climatico", ha sostenuto Abdellatif Ghedira, direttore esecutivo del Consiglio oleicolo internazionale.

Per Mordecai Devico, CEO di Oleafood, sussidiaria LCM Aisha "il partenariato pubblico-privato è un fattore chiave nella gestione e sviluppo dei sottoprodotti dell'olivo-prodotti per la protezione ambientale e lo sviluppo sostenibile. Oggi la legislazione è stata migliorata, per mostrarne l'importanza fondamentale della conservazione delle risorse idriche e della protezione ambientale in un senso più generale. Dobbiamo quindi unire questa politica deliberata del partenariato pubblico-privato che porta a rispettare le leggi ambientali in vigore in Marocco, unendo gli sforzi di ogni altro settore, il comparto dell'olio d'oliva marocchino sarà in grado di continuare a crescere e salire al rango dei principali produttori internazionali. In tal modo, l'olivo, come anche il suo forte potere nel catturare l'anidride carbonica, sarà lo stato del potenziale inquinatore respingendo le acque di vegetazione nel Mediterraneo, uno status vettore di sviluppo sostenibile e di produttore di energia verde per le generazioni future."

Iscriviti alle
newsletter