Terra Nuda

Premio per la potatura

L'importanza di una pratica culturale che fa la differenza sul processo della qualità e che va costantemente presa in seria considerazione. Proprio come fa il Consorzio dell'olio Dop Garda, in occasione della seconda edizione di Warda Garda, che ha premiato i migliori potatori del territorio. Il Premio Giorgio Bargioni quest'anno è andato al bresciano Luca Rossato

Olio Officina

Premio per la potatura

La potatura è alla base del futuro dell'olivicoltura, compresa quella del Garda. Ed è proprio sotto questo principio che nasce il Premio Giorgio Bargioni, un riconoscimento ideato dal Consorzio Olio Dop Garda, di cui quest'anno si è tenuta la seconda edizione, con il dichiarato intento di valorizzare i migliori interpreti nella gestione di questa importante pratica agricola.

Sabato 17 giugno, a Cavaion Veronese, in occasione di WardaGarda, il Festival dell'olio Garda Dop nel suo entroterra, sono stati premiati i migliori potatori. Al primo posto, Luca Rossato di Brescia; al secondo posto, Luca Giarola, di Cavaion Veronese; al terzo posto, Pietro Paggi di Bergamo. I tre vincitori hanno ricevuto attrezzature per l’olivicoltura. 

Il primo classificato: Luca Rossato, da Brescia

“Ma perché la potatura è così importante? Perché è fondamentale - spiega Laura Turri, vice presidente del Consorzio Olio Garda Dop - per avere dei risultati nella stagione successiva: preparare le piante in modo corretto garantisce la quantità e le qualità delle ulive. Diventa così necessario saper rinnovare i rami produttivi, eliminare il legno secco o danneggiato, favorire la penetrazione della luce e dell’aria, sostenere la crescita vegetativa e contenere le dimensioni dell’albero. Una potatura ben fatta è un valore aggiunto nel ciclo di produzione dell'olio, è giusto quindi premiare chi si impegna per renderlo tale".

Il premio è dedicato al prof. Giorgio Bargioni, agronomo a cui l’olivicoltura gardesana è profondamente riconoscente per avere seguito i produttori in un periodo in cui ancora in pochi conoscevano quale sarebbe stato il futuro dell’olio gardesano. In particolare, oltre alle sperimentazioni sulla biologia fiorale – caratterizzando le varietà gardesane – fu autore di numerosi contributi focalizzandosi sulle tecniche di coltivazioni e sulla potatura.

Il concorso di potatura “Giorgio Bargioni” è rivolto agli olivicoltori delle regioni Lombardia, Veneto e Trentino. La giuria tecnica che ha scelto i tre vincitori ha valutato la conformazione armonica della pianta, l’equilibrio tra le branche e quello vegeto-produttivo e la rispondenza complessiva alla conformazione ideale in base al modello di potatura svolto dal potatore.

Si ringrazia per la notizia lo Studio Cru. Le foto sono di Francesco Sorbini

Iscriviti alle
newsletter