Terra Nuda

Rilanciare l’olivicoltura

Se ne parla da decenni, se ne riparlerà ancora senza che tutto cambi? A Spoleto, l’Accademia nazionale dell’olivo e dell’olio scende nel vivo degli annosi e irrisolti problema che affliggono l’Italia (calo di competitività, alti costi di produzione, bassa produttività degli impianti tradizionali), proponendo una due giorni sul tema “Il rilancio dell’olivicoltura italiana: aspetti tecnici e linee guida”

Olio Officina

Rilanciare l’olivicoltura

Le date: 13-14 novembre 2015, presso il Teatro Caio Melisso "Spazio Carla Fendi", a Spoleto, in provincia di Perugia. E’ una iniziativa che richiama all’ordine tutti gli attori della filiera olivicola e olearia.

L’olivicoltura italiana, si sa, è afflitta da un calo di competitività dovuto ad alti costi di produzione e bassa produttività degli impianti tradizionali, che hanno determinato una progressiva diminuzione della produzione nazionale. Il secondo posto nella produzione mondiale è oggi insidiato da altri paesi mediterranei. Appare necessario, quindi, intervenire in modo strutturale per invertire questa tendenza.

Il recente stanziamento di 32 milioni di Euro da parte del Governo al settore olivicolo è un passo nella direzione giusta. L’Accademia Nazionale dell’Olivo e dell’Olio ed il Comune di Spoleto organizzano un convegno su "Il rilancio dell’olivicoltura italiana: aspetti tecnici e linee guida" in cui vengono presentate le soluzioni tecniche e le linee di indirizzo per il rinnovo degli oliveti italiani in modo da orientare gli investimenti secondo criteri di convenienza economica, di affidabilità e di sostenibilità ambientale.

E’ opportuno che le nuove tipologie di impianto e la moderna gestione dell’oliveto si inseriscano in modo coerente con gli altri segmenti della filiera e garantiscano il rafforzamento della già spiccata identità della nostra produzione olivicola.

Il convegno si propone non solo di approfondire gli aspetti tecnico-scientifici ma soprattutto di fornire un’occasione di confronto e dibattito tra le istituzioni nazionali e regionali e i portatori di interesse della filiera olivicolo-olearia.

PROGRAMMA

VENERDÌ 13 NOVEMBRE 2015

8.30 – 9.30 Registrazione dei partecipanti

9.30 Saluti delle Autorità
Fabrizio Cardarelli - Sindaco di Spoleto
Fernanda Cecchini - Assessore all’Agricoltura della Regione Umbria
Sergio Zinni - Presidente Fondazione Carispo
Riccardo Gucci - Presidente dell’Accademia Nazionale dell’Olivo e dell’Olio

10.00 - 10.25 Mauro Meloni (Consorzio Extra-vergine) Il ruolo dell’Italia nel futuro scenario olivicolo mondiale

10.25 - 10.50 Riccardo Gucci (Università di Pisa) Le linee guida del rilancio dell’olivicoltura italiana: dalle tipologie di impianto al mantenimento dell’identità

10.50 - 11.15 Tiziano Caruso (Università di Palermo) Impianti ad alta densità e gestione colturale con tecniche di agricoltura di precisione

11.15 - 11.40 Franco Famiani (Università di Perugia) Soluzioni tecniche per il contenimento dei costi di gestione dell’oliveto: potatura e raccolta

11.40 - 12.05 Roberto Polidori (Università di Firenze ed Accademia Nazionale dell’Olivo e dell’Olio) Valutazione economica di moderne tipologie di oliveti con particolare riferimento alla potatura e alla raccolta.

12.05 - 12.30 Maurizio Servili (Università di Perugia) Innovazioni di processo per la valorizzazione dell’identità italiana degli oli extra-vergini di oliva

12.30 - 13.00 Discussione

13.00 -15.00 Pausa pranzo

15.05 - 15.30 Lanfranco Conte (Università di Udine) Oltre il Reg. 2568: approcci analitici innovativi a completamento delle norme ufficiali.

15.30 - 17.00 Interventi programmati da parte di associazioni di produttori, di trasformatori e di industriali (max. 10 min ad intervento)
Piero Gonnelli - Presidente AIFO
Giovanni Zucchi - Presidente Assitol
Pierluigi Silvestri - Presidente ASSOFRANTOI
Dino Scanavino - Presidente CIA
Gennaro Sicolo - Presidente CNO
Giuseppe Masturzo - Presidente Federolio
Davide Granieri - Presidente Unaprol
Mario Guidi - Presidente Confagricoltura

17.00 - 17.15
D.ssa Eleonora Iacovoni, Dirigente DGPI - Mipaaf. Prospettive comunitarie per l’olivicoltura italiana

17.15 - 17.45
Dr. Luca Bianchi, Capo Dipartimento DIQPAI – Mipaaf. Il nuovo Piano di intervento per il settore olivicolo promosso dal Mipaaf

17.45 -18.15 Dibattito e Conclusioni

20.00 Cena


SABATO 14 NOVEMBRE 2015

Esperienze imprenditoriali di moderne tecniche olivicole

10.00 -12.30 Interventi programmati di imprenditori agricoli che hanno introdotto rilevanti innovazioni nelle tipologie di impianto o nella gestione degli oliveti delle loro aziende in diverse regioni olivicole italiane.

 

PER PARTECIPARE

DATI PERSONALI:
NOME E COGNOME ..................................................................................................
RAGIONE SOCIALE .............................................................................................
INCARICO E SETTORE DI APPARTENENZA
....................................................................................................
E-MAIL .....................................................TEL ......................................................
FAX ............................................... CELL ..............................................................

NEL CASO DI PIÙ PARTECIPANTI PER LA STESSA AZIENDA O PARTECIPAZIONI DI GRUPPO (CONSORZIO), SI PREGA DI SEGNALARLO DI SEGUITO E DI FAR PERVENIRE CONTEMPORANEAMENTE TUTTE LE SCHEDE DI ISCRIZIONE

GRUPPO DI APPARTENENZA/CONSORZIO ...............................................................................

La partecipazione al convegno è gratuita.
Si richiede l’iscrizione da inviare entro il 3 novembre 2015
via mail a segreteria@olivoliospoleto.it – andulivo@virgilio.it oppure via fax al 075 9692094 o 0743 223603.

Per informazioni sul convegno tel. 0743 333603 e-mail segreteria@olivoliospoleto.it andulivo@virgilio.it.

Il convegno è stato accreditato all’Ordine degli Agronomi ai fini del rilascio di N.0,75 CFP
per la formazione professionale continua.

La foto di apertura è di Antonio Trampolini

Iscriviti alle
newsletter