Terra Nuda

Sommelier ad honorem

Luigi Caricato, l’ideatore e direttore del progetto culturale Olio Officina, è stato insignito di un titolo altamente simbolico da parte dell’Ais, l’Associazione italiana sommelier. A Merano, nel corso della edizione numero 52 del congresso nazionale, si è indirettamente riconosciuto all’olio ricavato dalle olive un ruolo da protagonista, non più marginale

Olio Officina

Sommelier ad honorem

L’Ais, l’Associazione italiana sommelier, si è da tempo occupata d’olio, sempre in maniera qualificata, con uno spirito formativo popolare, attento a cogliere sempre il lato positivo degli oi, valorizzandone i pregi, educando i corsisti ad apprendere e aloro volta a trasmettere il valore della qualità.

Così, a conferma di una pluriennale collaborazione di Luigi Caricato con Ais, quest’anno è arrivato il prestigioso riconoscimento, attribuendogli il titolo di sommelier ad honorem. Con lui, hanno ricevuto il medesimo riconoscimento anche Alessandro Regoli, direttore di Winenews, e Carlo Romito, chef e presidente di Solidus. 

Il titolo è stato assegnato per il contributo dato dai tre nel corso degli anni alla promozione dell’agroalimentare.

Per quanto concerne l’Ais, il presidente nazionale Antonello Maietta, ha avuto modi di comunicare con orgoglio la crescente partecipazione, con oltre 40.000 iscritti, all’organizzazione. Uno sviluppo che l’Ais intende premiare con una serie di novità in ambito didattico, come l’introduzione di corsi di degustazione sull’olio, e un nuovo percorso formativo per i degustatori. Tra gli obiettivi più impellenti vi è anche quello di garantire ai propri associati una preparazione sempre più competitiva, a beneficio dei professionisti di domani. 

Soddisfazione da parte di Luigi Caricato, che all’Ais ha riconosciuto un ruolo decisivo e storico sul fronte della formazione. “Sono certo – ha detto – che l’Ais saprà portare avanti con determinazione e costanza lo stesso che ha profuso per ben 53 anni nel vino trasferendolo pure all’olio ricavato dalle olive”. 

 La foto di apertura è di di Anna Cerrato

Iscriviti alle
newsletter