Terra Nuda

Spagna, il settore dell’olio da olive ritiene insufficiente l’incremento del prezzo

Rassegna stampa estera, dal quotidiano “Diario Cordoba”.  C’è molto lavoro da fare per avere un prezzo degli oli adeguato al loro valore reale e percepito. Intanto uno studio della Junta de Andalucía attesta che il 44% degli acquirenti riconosce di acquistare il marchio in promozione nel punto vendita, mentre il 26% delle famiglie sceglie sempre la marca di olio più economica.

Olio Officina

Spagna, il settore dell’olio da olive ritiene insufficiente l’incremento del prezzo

I prezzi dell'olio d'oliva hanno registrato un leggero aumento negli ultimi giorni, che ha messo l'extra vergine a 2,15 euro al chilogrammo; la vergine a 1,98 euro, e l’olio lampante di base due gradi a 1,90, ciò secondo le informazioni fornite dalla delegazione territoriale dell'agricoltura, della pesca e dello sviluppo rurale di Cordoba.

Il quotidiano spagnolo - nell'articolo che potete leggere QUI -  riporta il pensiero del presidente di Asaja, Ignacio Fernandez de Mesa, il quale ha valutato come "assolutamente insufficiente" l’aumento del prezzo, considerando che all'inizio di giugno 2018, l'extra vergine era scambiato a 2,54 euro.

Secondo Fernandez de Mesa si tratta di "vendere al di fuori dell'UE”, un mercato per il quale sarebbe opportuno investire nella promozione del consumo in un modo più importante. 

Lo studio “Percepción e imagen del aceite de oliva según los hogares compradores”, preparato dalla Junta de Andalucía alla fine dell'anno scorso, indica che il 44% degli acquirenti riconosce di acquistare il marchio che è in promozione nel punto vendita. Il 26% delle famiglie, inoltre, sceglie sempre la marca di olio più economica.

Lo stesso studio evidenzia infine come 8 famiglie su 10 ritengano che l'olio da olive sia un prodotto indispensabile nella loro cucina, ma raccomanda, tra le altre misure, di investire in campagne per spiegare ai più giovani i benefici del consumo e di sostenere con ciò anche i produttori e i loro marchi commerciali.

Iscriviti alle
newsletter