Terra Nuda

Cno sollecita approvazione disciplinare extra vergini alta qualità

Olio Officina

Roma, agra press – “Il ministero per le politiche agricole sta lavorando da diversi mesi sul disciplinare per l’alta qualita’ dell’olio extra vergine di oliva nazionale”, ricorda il Consorzio nazionale degli olivicoltori (Cno) secondo il quale il provvedimento rappresenta “una partita che ormai va chiusa, perche’ il settore ha bisogno di un segnale e di uno strumento solido per la valorizzazione della migliore produzione italiana”. “il decreto ministeriale e’ stato piu’ volte oggetto di discussione e di valutazione”, sottolinea il presidente del Cno Gennaro Sicolo che cosi’ prosegue: “non ritengo il caso di posticipare ancora una volta il momento della scelta”.

“Gli operatori sono concordi nel ritenere che prima si approva lo strumento dell’alta qualita’ – dichiara Sicolo – e prima si raccoglieranno i frutti attesi”. “Noi di Cno non abbiamo dubbi, anzi – spiega il presidente del consorzio – ci meravigliamo del prezioso tempo che si e’ perso”.

“Tra alcune settimane la nuova produzione olearia 2013-2014 sara’ disponibile sul mercato e sarebbe quanto mai utile – rileva Sicolo – che i produttori italiani abbiano la possibilita’ di utilizzare uno strumento di marketing in piu’ per affermare la qualita’, rafforzare la reputazione della produzione italiana e favorire un giusto ritorno economico agli olivicoltori”.

“La bozza di decreto ministeriale sul sistema di qualita’ nazionale per la produzione agro-alimentare (Sqn) e sul disciplinare dell’olio di oliva extra vergine che prevede di etichettare con il termine ‘alta qualita”, la produzione che rispetta determinati requisiti – specifica il presidente del Cno – e’ stata discussa piu’ volte nei tavoli tecnici e politici e manca solo il definitivo via libera”. “e’ giunto il momento nel quale tutti si assumano la propria responsabilita'”, conclude sicolo affermando che “il cno non ha alcun tentennamento e chiede si arrivi presto ad una decisione finale”. (cl.co)

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.