Terra Nuda

Etichettatura a semaforo, si rischia di danneggiare anche gli oli da olive

Agra Press

Roma – un comunicato stampa del ministero della salute rende noto che: “il ministro della salute beatrice lorenzin e’ stata ricevuta ieri a londra dal vice ministro della salute pubblica jane ellison in vista del prossimo g8 sulla salute mentale e in preparazione del semestre europeo a guida italiana, nella seconda meta’ del prossimo anno, che portera’ poi all’expo di milano nel 2015”. nel corso del colloquio – informa il ministero – “e’ stato affrontato il problema dei cosiddetti ‘semafori’, che in gran bretagna vengono applicati sui prodotti venduti nei supermercati e negli store”. “si tratta di un’ etichettatura che preoccupa i produttori italiani, perche’ intende segnalare la quantita’ di grassi nei cibi, ma di fatto rischia di colpire prodotti pregiati e di alto livello nutrizionale come il parmigiano o l’olio d’oliva, conosciuti in tutto il mondo e fondamentali in una corretta alimentazione nella dieta mediterranea”, ha fatto notare lorenzin, la quale “ha indicato ai colleghi inglesi come il ‘semaforo’ crei in realta’ allarme, perche’ di fatto viene interpretato dai consumatori come una pagella per cibi buoni o cattivi, anche quando cattivi non sono, ma hanno invece alti valori nutrizionali”. “la lotta all’obesita’ e’ un problema continentale, ma il metodo dei ‘semafori’ rischia di essere una risposta poco accurata e crea anche un problema serio violando la normativa europea sul libero commercio”, ha aggiunto il ministro, osservando che “spaventare i consumatori e’ sbagliato” e “bisogna piuttosto promuovere la dieta mediterranea, il consumo di pesce, carni bianche, olio a crudo, verdure e frutta fresche, meno pane e pasta. una dieta equilibrata utile a combattere il cancro e le malattie cardiovascolari”. in questa occasione il ministro ha reso noto di voler organizzare “per la prossima primavera” un “primo summit mondiale sugli stili di vita e la salute, coinvolgendo intanto i paesi europei piu’ grandi”, su temi “ampi e coinvolgenti”, quali: demenze senili, obesita’, salute della donna, prevenzione, programmazione dei servizi sanitari nazionali, droga alcol e tabacco, campagna aggressiva antifumo sui giovani. (ab)

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.