Terra Nuda

La scomparsa di Nicola Amenduni, tra i pionieri degli impianti di estrazione dell’olio

Si è spento all’età di 103 anni il patron delle Acciaierie Valbruna. Nonché colui che consentì al settore oleario di conseguire un salto di qualità sul fronte della tecnologia estrattiva

Olio Officina

La scomparsa di Nicola Amenduni, tra i pionieri degli impianti di estrazione dell’olio

Nicola Amenduni ha segnato un punto si svolta, costruendo un vero e proprio impero dell’acciaieria, inoltre in una zona rinomata per la produzione dell’olio d’oliva come la Puglia, c’è da osservare che nel lontano 1905 Michele Amenduni pensò bene di iniziare una produzione di macchine olearie fondando a Bari la ditta Amenduni Nicola Spa.

Passata in eredità al figlio Nicola (da cui l’azienda prende il nome) l’azienda è diventata una realtà industriale sempre più efficiente.

Per decenni la Amenduni è stata punto di riferimento per produttori di olio e costruttori di macchine olearie tradizionali. Negli anni ’80 poi c’è stato il passaggio al ciclo continuo e in pochi anni la Amenduni è diventata leader per le innovazioni tecnologiche e gli eccellenti risultati dei nuovi sistemi di estrazione dell’olio d’oliva.

La crescita dell’Amenduni si è presto manifestata anche all’estero con la fondazione di nuove sedi e l’installazione di numerosissime linee in tutto il mondo.

Solido gruppo leader mondiale nella produzione di acciai speciali, fornitore di materia prima per molti costruttori di macchine olearie.

Il Gruppo Amenduni, interamente posseduto dalla famiglia Nicola Amenduni, costituisce una delle più grosse realtà a livello mondiale nella produzione di acciai speciali e consta di diverse sedi.

Tutte le aziende del gruppo sono supportate da una solida struttura finanziaria e ingenti investimenti di capitali, che garantiscono le basi per una crescita continua e costante in tutti i settori interessati.

Ad oggi, il Gruppo si è espanso fino ad approdare in 42 filiali nel mondo, per un totale di 2.500 dipendenti.

Un’affermazione tale è stata possibile per il suo talento e la sua lungimiranza, ma anche per via del forte lato umano che lo ha sempre contraddistinto, riconosciutogli da tutti coloro che hanno lavorato alle Acciaierie Valbruna.

Nel corso della sua carriera gli vengono conferite due Lauree Honoris Causa, anche queste volte a dimostrare l’unicità instancabile della sua persona: fino a poco prima di ammalarsi di Covid, si recava ogni giorno in ufficio.

In apertura e all’interno, foto tratte dalla pagina Facebook di Amenduni Nicola Spa

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.