Terra Nuda

La tutela dell’agroalimentare è priorità: nuove misure a sostegno delle aziende

In contrasto al caro energia, e all’aumento generale dei costi, il governo ha rafforzato impegni già esistenti. È stato così approvato il DI Aiuti ter che prevede, tra i vari interventi, l’estensione fino a fine anno del credito d’imposta per l’acquisto del carburante. Una visione condivisa dei piani è necessaria per la ripresa dell’intero settore

Olio Officina

La tutela dell’agroalimentare è priorità: nuove misure a sostegno delle aziende

È stato approvato in Consiglio dei ministri il Dl Aiuti ter, che contiene importanti misure, volute dal Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Stefano Patuanelli, per mitigare gli effetti economici derivanti dal perdurare dell’aumento eccezionale del prezzo del gasolio e della benzina.

Per contrastare il caro energia il governo ha prorogato e rafforzato le misure già adottate negli scorsi mesi a sostegno di tutte le imprese, con un credito di imposta con aliquote del 40% per gli energivori e del 30% per chi impiega oltre 4,5 kw.

«Le imprese potranno accedere al fondo di garanzia di Mediocredito Centrale per ottenere finanziamenti con garanzie statali fino all’80% dell’importo complessivo del prestito richiesto. Una boccata d’ossigeno in attesa che si giunga al tetto europeo al prezzo del gas e che si emani il decreto Taglia-Bollette», dichiara il presidente della commissione Agricoltura, Filippo Gallinella.

“L’impatto degli aumenti del prezzo del gas sulle produzioni agroalimentari continua ad essere devastante ma grazie all’impegno del governo si riesce a mitigare gli effetti, sostenendo i produttori. Con il decreto Aiuti-Ter estendiamo fino a fine anno il credito d’imposta per acquisto carburante sia per le imprese agricole che della pesca, sia per l’alimentazione delle serre che per gli agromeccanici, nonché per i fabbricati produttivi utilizzati per gli allevamenti annuali. Il credito è pari al 20% delle spese sostenute a parziale compensazione dei maggiori oneri a carico delle imprese”, prosegue il presidente Gallinella.

Il credito di imposta riguarda anche le imprese agromeccaniche e l’utilizzo per il riscaldamento delle serre, dei fabbricati produttivi utilizzati per gli allevamenti animali, così da venire incontro alle richieste dei settori maggiormente colpiti dall’aumento dei costi energetici.

“Sosteniamo chi, – afferma Gallinella – lo scorso anno, ha percepito la disoccupazione agricola con una indennità una tantum pari a 150 euro – aggiunge – Per le imprese agricole, poi, aumentiamo fino a 62mila euro l’importo massimo dei finanziamenti assistiti da garanzie Ismea, l’Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare”.

 

In apertura, foto di Olio Officina©

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.