Terra Nuda

“Quel che una pianta sa”, una guida ai sensi nel mondo vegetale

Olio Officina

Daniel Chamovitz, biologo, è l’autore di un volume che, per chi si occupa di ruralità e più estesamente di natura, non può certo mancare nella propria biblioteca ideale. Chamovitz dirige il Manna Center for Plant Biosciences all’Università di Tel Aviv. È autore di scoperte rivoluzionarie nell’ambito della biologia delle piante, e le sue ricerche sono state pubblicate sulle riviste più prestigiose. Per i tipi di Raffaello Cortina Editore, è possibile leggere Quel che una pianta sa. Guida ai sensi nel mondo vegetale.

Un titolo alquanto evocativo ed esplicito. Ci si chiede come faccia un fiore di ciliegio a sapere quando è ora di sbocciare. La domanda è: ci si rende davvero conto che è arrivata primavera? E come fa una Venere acchiappamosche a capire quando far scattare le sue foglie e intrappolare la preda? È forse in grado di avvertire le sottilissime zampe dell’insetto?

Per secoli abbiamo provato meraviglia di fronte alla struttura delle piante. Ora Daniel Chamovitz punta lo sguardo sulle modalità con cui i vegetali fanno esperienza del mondo, dai colori che “vedono” agli odori che “annusano”, e a quel che “ricordano”.

Noi e i vegetali siamo figli della medesima evoluzione darwiniana, anche se due miliardi di anni fa è avvenuta la grande biforcazione tra le bellisime forme animali e quelle vegetali. In questo viaggio tra erbe, fiori e alberi, possiamo imparare come le piante distinguano l’alto dal basso, come si accorgano che una loro vicina è infestata, scoprendo che con i girasoli e le querce abbiamo in comune molto più di quanto possiamo immaginare.

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.