Terra Nuda

Tutta la bellezza di Turandot nell’iconica lattina a firma Filippo Berio

Anche quest’anno il Gruppo Salov sosterrà il Festival Puccini di Torre del Lago - in programma dal 12 luglio al 7 settembre - che, alla sua settantesima edizione, celebrerà il centenario della morte del gran compositore appassionato di olio di oliva. Proprio per l’occasione, è stata creata una speciale confezione di extra vergine 100% italiano in limited edition, destinata a diventare un oggetto da collezione tra gli appassionati di opera e gli amanti del buon cibo

Olio Officina

Tutta la bellezza di Turandot nell’iconica lattina a firma Filippo Berio

Gruppo Salov, realtà industriale tra i principali player mondiali del settore oleario cui fanno capo i marchi Filippo Berio e Sagra, rinnova il suo sostegno al 70° Festival Puccini di Torre del Lago, il più prestigioso festival lirico d’Italia dedicato a Giacomo Puccini. Il Festival, in programma dal 12 luglio al 7 settembre, celebra quest’anno il centenario della morte del grande compositore.

La limited edition Filippo Berio per il Festival

Per questa occasione speciale, Filippo Berio – brand premium del Gruppo – ha creato per il suo olio extra vergine di oliva 100% italiano una speciale confezione in latta in limited edition dedicata a Turandot, uno dei capolavori più amati del repertorio operistico di Puccini.

L’olio extra vergine di oliva Filippo Berio 100% Italiano è caratterizzato da un gusto fruttato e vivace, con note di erba, carciofo e pomodoro maturo, elementi che lo rendono il perfetto alleato per esaltare qualsiasi piatto, da quelli con i sapori più corposi fino alle zuppe e agli arrosti.

La lattina Filippo Berio 100% italiano in edizione limitata – destinata per la sua bellezza e iconicità a diventare un vero oggetto da collezione – è disponibile nel formato da 1l, acquistabile in tutti i punti vendita Autogrill a partire dal 20 giugno. Prezzo al pubblico 14,99€.

Il Metodo Berio

Come tutti gli oli extra vergine di oliva della gamma Filippo Berio, la referenza è frutto di una sapiente lavorazione ottenuta grazie al Metodo Berio: il percorso di qualità e garanzia tracciato e certificato che seleziona solo le olive migliori e sane, raccolte al giusto grado di maturazione e spremute rigorosamente a freddo, provenienti da coltivazioni ecosostenibili, perché basate sui principi dell’agricoltura integrata.

Il metodo è controllato in ogni fase e certificato da SGS, ente esterno indipendente e autorevole, che garantisce non solo le caratteristiche qualitative del prodotto, ma anche la sostenibilità ambientale lungo tutta la filiera. Inserendo sul sito www.filippoberio.it il lotto di produzione è possibile scoprire numerose informazioni utili come: data di produzione, cultivar predominanti utilizzate, l’origine delle olive e il luogo di molitura, oltre al profilo organolettico e sensoriale, incluse le analisi effettuate per ogni bottiglia che mostrano i singoli parametri qualitativi riscontrati e confrontati con i limiti imposti dalla legge.

Curiosità

Lo sapevi che Giacomo Puccini era un grande intenditore di olio d’oliva? L’amore del compositore per l’olio d’oliva ci è testimoniato da una delle sue lettere inviate alla madre dagli Stati Uniti. In essa, il compositore lamentava la difficoltà di trovare olio d’oliva di qualità e chiedeva di spedirgliene un po’ per preparare i suoi amati fagioli.

“Siccome ho una gran voglia di fagioli (anzi, un giorno, me li fecero; ma non potei mangiarli, a cagione dell’olio che qui è di sesamo o di lino!) dunque, dicevo: siccome ho una gran voglia di fagioli, così avrei bisogno di un po’ d’olio, ma di quello nuovo. La pregherei di mandarmene un «popoino». Basta poco; ho promesso di farlo assaggiare anche a quelli di casa” [Giacomo Puccini, Lettera tratta da “Giacomo Puccini” di Paladini Carlo – “Biblioteca bianca” di “Musica e Musicisti” – Milano, G.Ricordi editori, 1903].

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Commenta la notizia