Terra Nuda

Capraia Smart Island, spazio alla Filiera Ittica Sostenibile

L’iniziativa tornerà a settembre, con una nuova iniziativa che ha l’obiettivo della sostenibilità. La sfida che si propone è di applicare anche ai settori della pesca, acquacoltura e maricoltura gli obiettivi di sostenibilità, ormai ineludibili, per vincere le sfide del clima e delle risorse del XXI secolo

Marcello Ortenzi

Capraia Smart Island, spazio alla Filiera Ittica Sostenibile

Da alcuni anni l’isola dell’Arcipelago toscano è sede di iniziative nel campo dell’economia circolare, con diverse azioni innovative nell’ambiente e nelle filiere economiche dell’isola.

Operatori dell’isola e della regione toscana, esperti delle filiere ambientali e agricole anche internazionali vengono a proporre e discutere sull’isola per implementare nuove soluzioni per lo sviluppo sostenibile della comunità isolana.

Recentemente è stata presentata l’edizione 2021 che riguarderà la “Filiera Ittica Sostenibile” che è la manifestazione dedicata all’innovazione sostenibile nella filiera ittica, promossa e organizzata da Legacoop Agroalimentare e da Chimica Verde Bionet, insieme agli operatori isolani.

Si tratta di un evento di tre giorni rivolto agli stakeholder del settore per diffondere buone pratiche, metodi, tecnologie e innovazioni per coniugare il rinnovamento dell’intera filiera ittica con la sostenibilità.

L’evento si svolgerà dal 23 al 25 settembre 2021 all’Isola di Capraia, in provincia di Livorno, e sarà organizzato in forma ibrida, ossia in presenza sull’isola, con interventi da remoto e trasmesso in diretta streaming sui canali dedicati.

La sfida è quella di applicare anche ai settori della pesca, acquacoltura e maricoltura quelli che sono gli obiettivi di sostenibilità per vincere le sfide del clima e delle risorse del XXI secolo.

«È una filiera ittica sempre più viva e pronta a rispondere alle prossime grandi sfide quella che sarà presente a Capraia» – ha affermato Cristian Maretti, presidente di Legacoop Agroalimentare.  «L’evento, che quest’anno torna finalmente in presenza, sarà un importante momento d’incontro tra il mondo della ricerca e la filiera ittica, un’occasione per presentare il grande lavoro che sta dietro al mestiere di pescatore. Inoltre, la tre giorni si presenterà come un laboratorio per progettualità che sappiano coniugare la valorizzazione dei prodotti e delle produzioni con le esigenze di un mercato sempre più globalizzato».

La presidente di Chimica Verde Bionet Sofia Mannelli ha anche evidenziato che «l’Italia può e deve essere al centro dell’innovazione sostenibile della filiera ittica, sia per la propria posizione geografica, sia per la ricchezza del proprio “genoma” culinario su base ittica. E le nuove tecnologie devono essere al centro di questi processi perché senza di esse non sarà possibile preservare la risorsa ittica, centrando gli obiettivi di sostenibilità che la filiera si è data».

L’evento sarà così articolato:

  • 23 settembre– “Ittica: l’importanza delle buone pratiche”;
  • 24 settembre – “Filiera Ittica Lab: dalle Idee alla Progettazione” – Presentazione progetti innovativi. Acquacoltura e Pesca e a seguire la tavola rotonda;
  • 25 settembre– “Stato dell’arte sulla revisione della normativa comunitaria in materia di controllo dell’attività di pesca”.

Per partecipare in presenza sull’isola e ricevere le informazioni logistiche scrivere a: capraiasmartisland@gmail.com.

 Diversi i patrocinanti dell’iniziativa, che parteciperanno anche ai convegni, con le proprie proposte, quali la Regione Toscana, Comune di Capraia, Enea, Itabia, CNR, ecc.

Commenta la notizia

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati.
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Iscriviti alle
newsletter