Terra Nuda

Il futuro sostenibile di Olitalia nei nuovi eco-pack e nell’Evo da filiera certificata

Speciale Cibus 2022. Le novità sono tante, e tutte guardano a un nuovo modo di concepire e raccontare l’olio, attento all’ambiente e all’impatto ecologico, ma non solo. All’interno dello stand ci sarà un’area dedicata all’Acetaia Giuseppe Cremonini, dove verrà presentata la nuova brand identity

Olio Officina

Il futuro sostenibile di Olitalia nei nuovi eco-pack e nell’Evo da filiera certificata

Olitalia sarà presente all’imminente edizione di Cibus, la fiera internazionale dell’agroalimentare Made in Italy che si svolgerà a Parma dal 3 al 6 maggio 2022. Allo stand G022 del padiglione 5 l’azienda di Forlì presenterà numerose ed importanti novità.

Tra queste il rilancio de I Dedicati che sono stati completamente rinnovati sia nel formato retail che nel formato food service.

La linea è composta da tre oli extravergini di oliva, derivanti da un’attenta selezione di cultivar 100% italiane e studiati per esaltare al meglio il sapore e il gusto di tre specifici ingredienti: pasta, carne e verdure.

Nel formato retail, le bottiglie sono da 750 ml e le nuove etichette si distinguono per il visual della pietanza a cui l’olio è abbinato e da una fascia di diverso colore, che aiuta il consumatore a scaffale a riconoscere le diverse referenze della linea, con un indice che esprime il diverso livello di fruttato.

Nel formato food service, la bottiglia da 500 ml è pensata per portare sulle tavole dei ristoranti tutta l’eleganza e la premiumness di questa linea di prodotti.

Importanti novità anche sotto il segno della sostenibilità ambientale: Olitalia è la prima impresa italiana del settore oleario a essere consorziata Coripet, il consorzio volontario che gestisce direttamente il fine vita delle bottiglie in Pet immesse sul mercato trasformandole in R-Pet (Pet riciclato) e, dal mese di aprile, adotta le bottiglie realizzate con 100% plastica riciclata da filiera alimentare controllata italiana su tutte la linea Olio di semi e dei prodotti per frittura.

Olitalia, in questo modo, ha scelto di compiere una scelta per l’ambiente: più si ricicla, meno plastica si produce, con un beneficio previsto di circa 5 milioni di bottiglie in plastica vergine in meno

Frienn, uno dei prodotti di punta di Olitalia, presenta una nuova grafica nel formato retail e un nuovo packaging nel formato food service.

Per quanto riguarda la bottiglia da un litro, ad uso casalingo, la nuova veste pone l’accento sul fatto che si tratta di un prodotto per frittura professionale che grazie alla sua ricetta esclusiva a base di semi di girasole alto oleico 100% italiani, permette di raggiungere a casa gli stessi risultati del ristorante.

Il nuovo eco-pack bag in box da venti litri di Frienn , è prodotto con l’85% di plastica in meno rispetto al packaging precedente, con un risparmio pari a circa 45.000 chili di plastica. 

Eco-pack Frienn 

Bag in box Frienn

Olitalia ha inoltre siglato un accordo con Filiera Agricola Italiana per valorizzare la filiera dell’olio extravergine d’oliva coltivato e lavorato in Italia.

Un ulteriore tassello all’impegno quotidiano di Olitalia nel selezionare materie prime eccellenti e offrire ai consumatori prodotti di qualità e origine garantita.

A partire da maggio, sulla bottiglia dell’extra vergine 100% Italiano – Selezione Oro da filiera tracciata sarà applicato il logo “Firmato dagli agricoltori italiani”. 

Questo marchio è simbolo di garanzia, sostegno e promozione dei valori di un modello gestionale etico dell’intera filiera produttiva volto a tutelare il lavoro degli agricoltori e il patrimonio agricolo italiano.

All’interno dello stand Olitalia, ci sarà un’area dedicata ad Acetaia Giuseppe Cremonini, che presenterà la sua nuova brand identity.

Una marca forte e distintiva caratterizzata da un nuovo logo, un linguaggio unico, fresco e contemporaneo e una nuova architettura che parte dalla capacità del brand di capitalizzare sulla grande tradizione dei prodotti, per abbracciare nuove linee di prodotto in grado di anticipare l’evoluzione della cucina moderna come i condimenti agrodolci e gli aceti fermentati.

La volontà dell’acetaia di Spilamberto è quella di presentarsi non solo come un’azienda produttrice di Aceto Balsamico Tradizionale di Modena Dop e Aceto Balsamico di Modena Igp, ma come un’azienda specialista del mondo degli aceti e dei condimenti, grazie alla capacità di arricchire la propria gamma con prodotti innovativi, nati dalla collaborazione con i più grandi chef. 

In apertura, I Dedicati

Commenta la notizia

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati.
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Iscriviti alle
newsletter