Terra Nuda

L’aiuto agli operatori passa per l’ammodernamento degli impianti

In vista delle continue sfide che il comparto oleario deve affrontare, la regione Toscana è impegnata in un “piano di rilancio che dal vivaista alla tavola dà una sferzata tutta nuova al settore”, afferma Stefania Saccardi, vicepresidente e assessora all’agroalimentare. Sono previste iniziative al fine di coinvolgere le nuove generazioni per scongiurare l’abbandono degli uliveti

Olio Officina

L’aiuto agli operatori passa per l’ammodernamento degli impianti

“Tutelare e promuovere la qualità significa anche fronteggiare la fragilità che accompagna in modo inevitabile ogni valore. Per questo la Regione è attiva al fianco della filiera olivicola con un piano di rilancio nato e pensato proprio per contrastare i punti deboli del settore olivicolo toscano, che si chiamano “cambiamenti climatici”, “debolezza del sistema irriguo”, “rischio falsificazione”.

Così la vicepresidente e assessora all’agroalimentare Stefania Saccardi, commentando l’andamento della campagna olivicola 2021 insieme ai rappresentanti del Consorzio Olio Toscano Igp che ha incontrato per fare il punto.

Saccardi ha raccolto quanto riportato dal vicepresidente del Consorzio, Giampiero Cresti, che durante l’incontro ha evidenziato quanto quest’anno la campagna olivicola non sia stata eccezionale dal punto di vista quantitativo.

Rispetto al 2020 in Toscana infatti si registra circa il 50% in meno di produzione di olio, sui 90-10mila quintali.  

Meglio è andata all’olio certificato, che ha invece subito una riduzione inferiore, attorno al 30%.

“Un dato quest’ultimo – ha sottolineato Saccardi - che testimonia che i produttori hanno percepito l’importanza della certificazione e sicuramente il brand “Toscana” rappresenta un aiuto concreto alla valorizzazione”.

“Siamo consapevoli – ha quindi proseguito Saccardi – dei problemi che dal punto di vista commerciale sta attraversando adesso il settore nel suo complesso a causa della produzione ridotta. Proprio per questo siamo vicini alla filiera e abbiamo avviato da un anno e mezzo un piano di rilancio che dal vivaista alla tavola dà una sferzata tutta nuova al settore. Non solo, sappiamo che l’aspetto dell’irrigazione è un problema impellente e perquesto e’ già all’ordine del giorno della nostra agenda e stiamo lavorando per portare migliorie e ottimizzare”.

Una campagna di informazione agli operatori per fornire gli strumenti adeguati con cui accedere ai fondi Pnrr, contratti di filiera per irrobustire la meccanizzazione della raccolta e l’ammodernamento dei frantoi, aiuti e iniziative di promozione.

E ancora, l’attivazione di misure del Psr che aiutino gli olivicoltori a piantare nuovi oliveti, a realizzare magazzini, frantoi e punti vendita; iniziative per stimolare i giovani a intraprendere la strada dell’olivicoltura e scongiurare l’abbandono di realtà preziose: tutte queste sono le frecce all’arco del rilancio intrapreso. 

“La rivoluzione dell’olio – ha concluso Saccardi – deve partire dai nostri operatori, che sono i protagonisti di una storia che fa parte del nostro Dna, ma la Regione deve e vuole stare al loro fianco. Solo così potremo  proteggere al meglio uno dei simboli più forti e più identitari del nostro territorio”.

Si ringrazia per la notizia Chiara Bini di Toscana Notizie 

La foto in apertura è di Olio Officina©

Commenta la notizia

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati.
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Iscriviti alle
newsletter