Terra Nuda

nota stampa

Senza formazione non c’è qualità di mercato

Secondo la Scuola superiore dell'olio di oliva Esao, la commercializzazione è una delle grandi sfide del settore olivicolo. In quest’ordine di idee, la formazione diventa lo strumento chiave per affrontare i mercati ed esportare con successo

Olio Officina

Senza formazione non c’è qualità di mercato

La Spagna – si legge in una nota stampa di Esao – è il leader mondiale per area e produzione di olio d'oliva. La produzione spagnola rappresenta circa il 60% della produzione dell'Unione Europea e il 45% di quella mondiale. La Spagna – si precisa – è il primo esportatore mondiale di olio d'oliva, un prodotto che si colloca al quarto posto tra i prodotti agroalimentari esportati dalla Spagna, dietro agli agrumi, al vino e alla carne di maiale.

"Il settore dell'olio d'oliva sta facendo un grande cambiamento. La professionalizzazione degli agenti del settore dell'olio d'oliva è qui per restare. Tradizionalmente, il settore non era professionale, la maggior parte dell'olio d'oliva veniva venduto sfuso e generalmente non c'era una cultura formativa ", sottolinea Susana Romera, direttore tecnico di Esao.

L'interesse per i cibi sani rende l'olio d'oliva sotto i riflettori di distributori e importatori. Questo interesse relativamente nuovo crea la necessità di professionalizzare e formare nel settore olivicolo. Attualmente le aziende del settore mostrano un crescente desiderio di formare i propri lavoratori al fine di migliorare la qualità del proprio prodotto e poter così aumentare il proprio reddito. Tuttavia, la formazione sull'olio d'oliva sembra concentrarsi sulla produzione e in molte aziende viene data l'opportunità solo di formare il maestro frantoio o il gruppo di persone responsabili della produzione dell'olio d'oliva. Sebbene la preoccupazione per la formazione cresca all'interno del settore, c'è ancora molto lavoro da fare e molte aree da affrontare, come l'esportazione e la commercializzazione dell'olio d'oliva.

"Ci prendiamo cura e ci preoccupiamo di elaborare in qualità, e, a volte, non ci rendiamo conto che potrebbe essere più difficile, difficile e costoso commercializzarlo in seguito" continua Romera.

La commercializzazione dell'olio d'oliva è contrassegnata da un ampio quadro normativo che cambia continuamente e che richiede un costante aggiornamento da parte degli operatori del settore olivicolo.

Conoscere la situazione e le prospettive del settore faciliterà il processo decisionale informato. L'olio vergine di oliva è un prodotto la cui commercializzazione ed esportazione presenta peculiarità e caratteristiche che non possiamo ignorare.

Dall'Esao spiegano che il primo passo per avvicinarsi alla commercializzazione dell'olio d'oliva è sapere a chi vuoi vendere e determinare un pubblico di destinazione. Questo primo passo è decisivo e deve essere sempre preso in considerazione.

Inoltre, deve essere effettuato uno studio sull'offerta disponibile di olio d'oliva e un'analisi della concorrenza. Successivamente, è necessario analizzare la situazione della domanda e la politica dei prezzi.

La formazione nel marketing dell'olio d'oliva sarà essenziale per raggiungere con successo gli obiettivi di cui sopra. Allo stesso tempo, indicano, deve essere sviluppato un piano di marketing che permetta di pubblicizzare il prodotto e ottenere potenziali clienti prima che il prodotto in questione venga lanciato per la vendita.

I social network, la partecipazione a fiere specializzate e il tradizionale passaparola sono strumenti molto utili. Questi strumenti aiuteranno in modo significativo quando si tratta di espandere il portafoglio clienti o conoscere il mercato. Inoltre, è opportuno evidenziare il ruolo delle certificazioni di qualità nell'attuale mercato dell'olio d'oliva.

Certificazioni di qualità come IFS, FDR, ISO o BRC, certificano la qualità e la sicurezza del prodotto e svolgono un ruolo molto importante nelle esportazioni di olio d'oliva.

"Un certificato di qualità trasmette sicurezza, buona immagine e prestigio nel mercato davanti a concorrenti, fornitori, clienti e potenziali clienti. Queste certificazioni garantiscono che l'azienda segua le migliori pratiche e siano riconosciute a livello mondiale", assicura Marta González, direttore esecutivo di Esao.

Chi è Esao

La Scuola superiore dell'olio di oliva organizza annualmente un corso di Esportazione e Marketing dell'Olio di Oliva con l'obiettivo di contribuire alla professionalizzazione del settore oleario. La prossima edizione del corso online AOV Export and Commercialization inizierà il 30 settembre.

Il periodo di registrazione è aperto. Informazioni sull'Esao La Higher School of Olive Oil - ESAO, è una scuola pionieristica che sviluppa il primo campus online dedicato alla formazione sull'olio d'oliva.

L'Esao è stata la prima scuola specializzata nel settore olivicolo. La scuola è stata fondata con un grande impegno per l'educazione e la cultura di EVOO. In questi anni, l'Esao si è evoluta parallelamente al settore dell'olio d'oliva, adattandosi alle esigenze e alle circostanze

 

TAG: Esao

Commenta la notizia

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati.
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Iscriviti alle
newsletter