Terra Nuda

nota stampa

Tutte le priorità dell'Unità Chimica e Standardizzazione del Consiglio oleicolo internazionale

Una nota diffusa dal Coi chiarisce i punti principali da qui a fine anno: lavoro sulla revisione dello standard Codex; organizzazione di ring test; studio di metodi analitici; altri studi in corso; accreditamento di laboratori e panel; gruppi di lavoro telematici; campioni di riferimento per attributi negativi dell'olio di oliva vergine

Olio Officina

Tutte le priorità dell'Unità Chimica e Standardizzazione del Consiglio oleicolo internazionale

La revisione dello standard Codex e i preparativi per la prossima riunione del Comitato Codex su grassi e oli (febbraio 2021) sono  ritenuti priorità. Un gruppo di esperti lavorerà sui diversi aspetti della revisione finora studiati. Anche gli studi sulla composizione degli oli con parametri non standard sono prioritari.

Sarà data priorità anche all'armonizzazione degli standard, ai metodi analitici e ai panel di degustazione, e nei prossimi sei mesi saranno proposte nuove attività.

Si propone di organizzare un seminario sull'armonizzazione dei pannelli di degustazione approvati dal Coi, un incontro sulla nutrizione al Congresso spagnolo di epidemiologia, un seminario per i produttori statunitensi in Andalusia e un evento presso l'Università della California, Davis.

Il programma per il controllo della qualità degli oli di oliva e di sansa di oliva venduti nei paesi importatori (Australia, Canada, Brasile, Giappone e Stati Uniti) proseguirà nel 2020. Una revisione dell'accordo è stata proposta e adottata dal Consiglio dei membri nel novembre 2019 è in fase di firma da parte delle associazioni.

TAG: Coi

Iscriviti alle
newsletter