Terra Nuda

Tra sogno, gusto e territorio: Olio Dop Riviera Ligure accompagna Alvitrail 2019

Dal 9 al 16 giugno la Liguria è stata percorsa da non pochi intrepidi. Il premio alla loro fatica non è stato solo una vittoria, un piazzamento, un tempo cronometrico. Il loro premio è stata l’esperienza. L’emozione, la Liguria verticale vissuta a pieno titolo.

Olio Officina

Tra sogno, gusto e territorio: Olio Dop Riviera Ligure accompagna Alvitrail 2019

Si parla di Alvitrail, ultra-corsa promossa dalla Regione Liguria che vede il Consorzio di Tutela dell’Olio Extravergine di Oliva Dop Riviera Ligure quale sostenitore. C’è un motivo che accomuna: l’amore per il territorio. Alvitrail si corre da Dolceacqua a Portovenere.

Si utilizza l’Alta Via dei Monti Liguri. 400 km in 8 giorni, tutti da vivere, l’aria pungente della Liguria montana, i profumi mediterranei che salgono dai fondivalle, il sole come compagno di gara. Il dislivello spicca: 17.000 metri in positivo. E saliscendi dopo saliscendi, si osservano gli oliveti che risalgono le colline, terrazza dopo terrazza. E proprio durante il periodo in cui si è vissuto l’importante momento di conoscenza del territorio che è “Oliveti Aperti” (15-16 giugno). In questa edizione la corsa ha vissuto anche su vari tipi di performance: Alvitrail totale Ultra o le due Adventure da 200 km o ancora la corsa tutta Alps di 60 o quella Sea di 50. Insomma, la Liguria a 360°.

Ad ogni partenza e arrivo ci sono le insegne che ricordano l’olio Dop Riviera Ligure. E soprattutto l’olio Dop Riviera Ligure si trova ad ogni punto di ristoro e ad ogni ristoro fine gara, organizzato in modo strategico assieme agli enti locali ospiti. E così l’olio Dop Riviera Ligure non è solamente un appuntamento fisso con il gusto, dolce e suadente, fruttato e fragrante, ma è anche un corretto alimento per lo sportivo. Reintegra, fornisce vitamine, sostiene, pulisce l’organismo dalle tossine accumulate. A maggiore ragione per un ultra-sportivo che si misura su percorsi molto tecnici in condizioni spesso complesse. Perché la Liguria è ruvida, ma sa dare a chi la ama.

Alvitrail sta crescendo, anno dopo anno. Si prevedono più di 100 partecipazioni per l’anno prossimo e il passaparola tra gli atleti, veri testimonial, veri viaggiatori, è incessante. Per la cronaca, ma solo per la cronaca, perché l’Olio Dop Riviera Ligure è vicino a tutti i partecipanti, Alvitrail è stata vinta da Silvio Pesce, che ha impiegato 53 ore e 58 minuti per completare il percorso. I minuti contano, perché il secondo, a soli 2 minuti e 20, è stato Alessio Cherin. Laura Scardigli, con un tempo di poco oltre le 70 ore, prima tra le ragazze. E piace vedere la corsa degli stranieri, dai Duaurelle, fratello e sorella che hanno corso assieme, ai rappresentanti di Hong Kong, Malesia, Australia, Svizzera, Russia, Sud Africa…un’esperienza che affratella e che appassiona, anche per la convivialità alimentare dopo ogni tappa.

Si ringrazia per la notizia Consorzio Tutela Olio Dop Riviera Ligure

Iscriviti alle
newsletter