Festival

Una nuova visione intorno al design degli oli

Il territorio, la cultura di un luogo e le sue tradizioni trovano la loro sintesi in un packaging pensato nei dettagli, capace di comunicare questi e tutti gli altri aspetti che denotano l’unicità del prodotto. Venerdì 18 marzo Martina Guaita salirà sul palco di Olio Officina Festival per ritirare il Premio giovani designer nell'ambito del contest “Forme Design – Designer dell’anno 2022”

Martina Guaita

Una nuova visione intorno al design degli oli

Con il Progetto etichetta Monocultivar Leccino Turri  Martina Guaita ha vinto il Premio giovani designer al contest "Forme Design - Designer dell’anno 2022". Nel pomeriggio di venerdì 18 marzo salirà sul palco di Olio Officina Festival a ritirare il premio.

Le abbiamo chiesto un suo intervento in modo da raccontarci la sua impressione sul mondo dell’olio e chiedendo in particolare cosa pensa si debba fare per intraprendere un nuovo corso nella comunicazione dell’olio a partire proprio dal packaging e dal design.

"Un prodotto presente in qualsiasi tavola italiana, apprezzato e decantato in tutto il mondo  sottovalutandone spesso gli straordinari processi produttivi che ne caratterizzano l’identità.

Io, in  primis, ho da poco potuto scoprire la sorprendente complessità di questo settore che prima d’ora  davo quasi per scontata.  

Il territorio, la cultura, il metodo di lavoro, ma anche il clima, le tradizioni e la lavorazione sono  elementi che rappresentano soltanto la punta dell’iceberg di tutto quello che riguarda la  valorizzazione e la storia del prodotto vero e proprio.  

Martina Guaita. Turri, etichetta Monocultivar

Si tratta di elementi unici e assoluti che capita vengano spesso trascurati durante la fase  strategica e creativa che riguarda la progettazione del packaging design.  

In particolare, l’etichetta in sé dev’essere di capace di saper raccontare l’unicità e la singolarità  del prodotto che va a rappresentare, trasmettendone in maniera inequivocabile storia,  caratteristiche e identità.  

Per l’azienda olearia quest’attenzione può tradursi in una nuova e corretta percezione del proprio  prodotto da parte di un consumatore che si ritrova sempre più spesso di fronte a una quantità  elevatissima di offerte concorrenziali.  

Il packaging design rappresenta, dunque, una soluzione comunicativa indispensabile per il  settore in termini di identità, in quanto capace di comunicarne in modo universale la tradizione e  la propria straordinaria cultura".

Martina Guaita. Turri, etichetta Monocultivar

In apertura, Martina Guaita

Commenta la notizia

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati.
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Iscriviti alle
newsletter