Etichettatura

L’etichettatura degli oli di oliva è molto complicata. In soccorso c’è una guida pratica

È disponibile un documento con tutte le informazioni utili per procedere nel modo migliore possibile. Le aziende hanno bisogno di indicazioni chiare nel grande magma, talvolta disallineato, delle normative. Oltre a una parte dedicata agli aspetti più propriamente “teorici”, con la descrizione di ogni singola dicitura da riportare in etichetta, vi è anche una parte più “pratica” dove si propongono alcuni format di etichetta. Le indicazioni fornite sono aggiornate al 28 febbraio 2023. Non sarà certo la soluzione ai tanti problemi, ma quanto meno con questa guida si intende indicare una traccia da seguire

Olio Officina


Cosa deve riportare l’etichetta dell’olio extra vergine di oliva?

Tra indicazioni obbligatorie e facoltative, le informazioni sull’etichettatura non sono certamente chiare e immediate. Questo avviene con quasi ogni tipologia di alimento, e proprio per questo motivo le scelte dei consumatori possono essere influenzate da contenuti fuorvianti. Proviamo allora a fare chiarezza e a capire a cosa prestare attenzione quando si acquista una bottiglia di olio [1. continua]

Olio Officina


C’è differenza tra “da consumarsi entro il” e “da consumarsi preferibilmente entro il”?

L'Efsa ha creato uno strumento per aiutare gli operatori del settore alimentare a decidere quando apporre sui loro prodotti le due differenti diciture. "Le informazioni chiare e corrette sulla confezione e una miglior comprensione e applicazione dell’indicazione della data appropriata sugli alimenti da parte di tutti i soggetti coinvolti possono contribuire a ridurre gli sprechi alimentari". A sostenerlo Kostas Koutsoumanis

Olio Officina


Iscriviti alle
newsletter