AUTORI

Daniele Tirelli

Daniele Tirelli

Presidente di Popai Italia, l’Associazione internazionale per lo sviluppo del Retail Marketing, ricopre incarichi di docenza presso la Iulm di Milano (corso avanzato di “Stile e tendenze di consumo”), l’Università Statale di Milano (corso avanzato di “Consumer & Shopper Behaviour”) e l’Università di Modena-Reggio Emilia (corso di “Economia Politica II”). Ha inoltre insegnato “Economia & statistica” presso l’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo. Collabora inoltre con le principali testate italiane specializzate nel campo del marketing e della distribuzione.

Laureatosi a Bologna in Fisica e, successivamente, in Scienze Politiche, indirizzo economico, il professor Tirelli ha condotto studi in qualità di ricercatore presso la London School of Economics e l’Università di Lovanio. Ha inoltre conseguito il PhD in Economia presso l’Istituto Universitario Europeo di Fiesole. I suoi studi sono stati guidati dai professori Beniamino Andreatta, Ezio Tarantelli, Jean Paul Fitoussi, Kumaraswamy Velupillai ed Henri Sneessens.

Dapprima Senior Economist presso l’Istituto di previsioni economiche Prometeia, ha ricoperto cariche di dirigente negli istituti di ricerca di mercato AC Nielsen e IRI Infoscan. In queste aziende ha sviluppato consulenze, ricerche e studi per quasi tutte le aziende di beni di consumo, di distribuzione e di comunicazione operanti in Italia. In AC Nielsen, insieme con Bruno Sfogliarini, ha tra l’altro introdotto e sviluppato in Italia le tecniche previsive econometriche e quantitative, applicate alle odierne ricerche di mercato.

Dal 2003 è presidente di POPAI Italia, l’Associazione internazionale per lo sviluppo del Retail Marketing). Ricopre incarichi di docenza presso la IULM di Milano (corso avanzato di “Stile e tendenze di consumo”), l’Università Statale di Milano (corso avanzato di “Consumer & Shopper Behaviour”), l’Università di Modena-Reggio (corso di “Economia Politica II”). Ha inoltre insegnato “Economia & statistica” presso l’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo.
Tirelli collabora infine con le principali testate italiane specializzate nel campo del marketing e della distribuzione.

Gli articoli di Daniele Tirelli

Il sottocosto degli extra vergini esiste perché c’è troppa retorica

Non c’è rimedio, se non attraverso azioni mirate. A sostenerlo è un analista di mercato che conosce bene l'olio e le dinamiche dei consumi. Questa patologia del mercato viene analizzata solo con strumenti sbagliati, proprio mentre il settore sta morendo e il prodotto sullo scaffale viene svilito. Mancano i buyer nella Gdo. I vecchi buyer se ne sono andati. I nuovi sono pressati dalla ricerca dei margini sempre più scarsi. C’è poca attenzione al prodotto e soprattutto (molto spesso) i buyer non sono in grado di assumersi il rischio di gestire quel che nell’olio è un “must”, cioè un obbligo, vale a dire la coda lunga, l’assortimento profondo

Daniele Tirelli


Jambe de bois

È una birra belga tripla dagli aromi fruttati, velata alla vista, che si presenta con una base alcolica di otto gradi. L'abbiamo degustata per voi

Daniele Tirelli


Del cucinare le nutrie

Ah, quante storie, a tal proposito. Perché si è tanto ostili  al consumo di tale carne? Eppure  questo roditore  importato negli Stati Uniti nel 1934 per la sua pregiata pelliccia sta invadendo anche le nostre campagne. La carne è molto magra e saporita e contiene una bassa percentuale di colesterolo 

Daniele Tirelli


Torta de aceite

Colazione con la celeberrima torta dell'azienda andalusa Inés Rosales. A base di olio da olive. Una delizia. L'avete mai provata?

Daniele Tirelli


Puro succo di Yuzu

Si tratta di un agrume originario della Cina, dove cresce allo stato selvatico, e che nel tempo si è diffuso, con grande successo, anche in Corea e in Giappone. Non è né un limone né un arancio, ma un ibrido tra mandarino e papeda

Daniele Tirelli


Non è cibo spazzatura

La crema di Marshmallow. L'avete mai provata? Si tratta di un antico alimento usato anche dalla farmacopea del passato. Adesso il marchio Fluff la propone in forma di crema spalmabile, dolcissima, che potrebbe in qualche modo tentare di far concorrenza alla Nutella, rispetto alla quale contiene meno calorie

Daniele Tirelli


Oyster Sauce

Uova con salsa di ostriche, mai provate? Cosa di meglio di due uova sunny-side-up spolverate di parmigiano e con qualche goccia di Oyster Sauce? Questa salsa è stata inventata da Lee Kum Sheung nella città di Nanshui, nella provincia del Guangdong, in Cina, nel 1888. Sono tutti ingredienti ricchi di Umami

Daniele Tirelli


Che cavolo è?

Il kimchi (김치?, gimchiLR, kimch'iMR), è una preparazione coreana antichissima e che si colloca nel vertice del triangolo di Levy Strauss che descrive la struttura antropologica dell’alimentazione, e precisamente, nel putrido

Daniele Tirelli


Salmorejo. Come ti educo il cliente

Lezione di marketing in pillole. Mentre in alcuni Paesi, come per esempio l'Italia, ci si arrocca sulla difensiva, in Francia vanno oltre. In una regione conservatrice come l'Haute Savoy, in assortimento mettono anche il salmorejo (cordobés), non solo il gazpacho

Daniele Tirelli


L'aglio nero

L'avete mai degustato? Si ottiene attraverso una fermentazione spontanea in un ambiente umido, in varie fasi, che durano circa ottanta giorni. Dato che le molecole di allicina si concentrano, questo antiossidante diventa disponibile in quantità superiori a beneficio del nostro organismo

Daniele Tirelli


La super bevanda Lassi. Per vagabondi del Dharma

“Next time you see DAHlicious in a store, don’t be a stranger, give it a try”. Di cosa si tratta? È uno yogurt dolcificato con miele e arricchito di spezie. Viene usato durante l'esecuzione di vari rituali religiosi del subcontinente Indiano

Daniele Tirelli


Il succo Suja ai dodici vegetali

È quanto occorre per riassestare uno stomaco un po' provato. Ingredienti: Mela, Sedano, Cetriolo, Kale, Bietola, Prezzemolo, Tè, Menta piperita, Menta, Spinaci e Ginger, Limone

Daniele Tirelli


C'è zucchero e zucchero

Ne esistono tanti in commercio, e limitarsi ai soliti noti non ci permette di sperimentare tutte le possibili  opzioni. C'è il Dark Soft Brown Sugar,  da non confondere assolutamente con il Light Brown Sugar, e c'è pure il Dark Muscovado, tra i più ricchi di melassa

Daniele Tirelli


Mocha Yemen Original

Mocha o Mokha o Moka o Mocca è semplicemente il nome di un porto dello Yemen da cui partiva il caffè originario di questa regione, il più antico, quello autoctono che poi si diffuse nel mondo. I chicchi, già piccoli per natura, sono irregolari e rozzi

Daniele Tirelli


Gajah Elephant Sumatra. Alla turca

Forse qualcuno si scandalizzerà. Pensiamo per esempio ai tanti cultori dell’espresso all’italiana, inteso come unico stile di preparazione del caffè. E invece, assaggiando gli Arabica provenienti dalle Gayo Highland di Aceh, coltivati a un’altezza di 1200 metri, si comprende bene come, dopo una breve bollitura nell’apposito recipiente che non volatilizza le molecole aromatiche, il gusto ci guadagna

Daniele Tirelli


Il pollo a collo nudo

Il poulet cou nou, ne avete mai sentito parlare? È decisamente buono. Anche se più caro rispetto ai polli abituali, viene venduto infatti a 27 euro al chilo, la sua carne, tenera e succosa, ci rassicura riguardo al prezzo più elevato

Daniele Tirelli


È tempo di cranberry

Sono di stagione. Una sana zuppa di cranberries (Vaccinium macrocarpon) in questo periodo è perfetta. Si tratta di una bacca della famiglia delle Ericaceae dalle proprietà salutari. Con un unico neo: hanno un sapore molto astringente

Daniele Tirelli


Km zero per chi?

La globalizzazione spiegata con due parole e un numero: ciliegie chilene a 10,5 euro al kilogrammo. C'è un valido motivo per cui vale la pena riflettere. Bisogna spiegarlo ai Masanielli che non hanno il pudore di nascondere la loro ignoranza in materia di economia e, soprattutto, di storia economica

Daniele Tirelli


Spunti di marketing

Una breve ma essenziale nota di antropologia alimentare ce la fornisce la pasta al tonno decantata dal noto rapper di origine ghanese Bello Figo. Il suo video su Youtube ha totalizzato oltre 5 milioni e 200 mila visualizzazioni 

Daniele Tirelli


Pesto di semi di zucca al curry e al peperoncino abbinato ai fusilli giganti Bartolini

Il Pumpkin Seeds Pesto, già popolare negli Usa, ha la caratteristica di assorbire altri aromi in modo molto versatile, assicurando una gradevole mantecatura alle varie paste

Daniele Tirelli


Il meglio della vita, anche in un'umile cipolla Oignon de Roscoff

Nel 1647, Frère Cyril, un monaco cappuccino portò a Roscoff, i semi di questa cipolla di colore rosa-ramato, dal Portogallo. La costa Nord-Finisterre gode di un clima oceanico temperato con piogge regolari e questo bulbo trovò un ambiente ideale. Si presta molto bene a insaporire le insalate, da condire con un olio monovarietale di Tonda Iblea

Daniele Tirelli


Caffè guatemalteco Itzamma

L'avete mai provato? Coltivato nella piantagione Finca La Soledad della famiglia Perez, proviene dalla regione Acatenango, in Guatemala, e si trova tra i 1500 - 1850 metri sul livello del mare. Si tratta di una miscela dei cultivar Bourbon, Caturra e Pache

Daniele Tirelli


Testaroli della Lunigiana al pesto verde

È un piatto tipico della Lunigiana, ovvero dei comuni di Fosdinovo, Pontremoli, Mulazzo, Zeri, Filattiera, Bagnone e Villafranca. Abitualmente viene condito con pesto genovese, ma nella versione che vi proponiamo, si è optato per una variante molto interessante, compresa l'alga spirulina, che serve ad accentuare il verde e ricca di nutrienti. L'olio prescelto? Un monocultivar Picuda Venta del Baron 

Daniele Tirelli


Olive Nolche nere dolci fritte

Il gusto è un po' difficile, ma squisito. Provengono direttamente dalla Puglia, sono una tradizione consolidata. Bastano pochi minuti in padella, con l'olio di Coratina, e altri accorgimenti, ed è qualcosa di sublime, soprattutto se si abbina un vino Negroamaro piacevolmente amarognolo e insieme rotondo

Daniele Tirelli


Un pasto a base di insetti

Lisci o canditi? Provarli è una buona idea. Già, perché no? Vi sono tante proteine, naturali, tradizionali, biologiche. In Ohio si possono gustare in una confezione di Mixed Bugs. Per quanto il prodotto fresco sia molto più appetitoso di quello deidratato, il piacere è assicurato anche quando sono stati precedentemente surgelati e poi cotti e disidratati. Non solo, ci sono anche le Polyrhachis vicina, ovvero le formiche nere del Ginseng

Daniele Tirelli


Il quinto gusto

Si chiama Umami. Lo conoscete? In giapponese significa semplicemente "saporito", ed è stato individuato già nel lontano 1908 dal professor Kikunae Ikeda dell'Università Imperiale di Tokyo. Con molta franchezza, non è facile da descrivere

Daniele Tirelli


Analfabeti della birra? Sicuramente sì

Da Binny's, a Chicago. Otto mila birre, più altre a catalogo. Esposte da questa catena super-specialistica (ma ce ne sono altre simili). Si creano così i presupposti per semplici riflessioni su temi di consumer e shopper behaviour

Daniele Tirelli


Mai assaggiata l'uva di Muscadine?

Gli acini sono rotondi, dalla buccia molto dura e spessa. La polpa è piacevolmente dolce.  E' un frutto molto strano, che cresce spontaneo negli stati sud e centrali degli Usa. Oggi viene coltivata per ricavarne gelatine e vini dolci.

Daniele Tirelli


Un pesto fuori dall'ordinario

Non si tratta di un pesto usuale, sia ben chiaro, ma di spaghetti mantecati al pumpkin seeds pesto. Già popolare negli Usa, ma non molto appetibile. Lo si può tuttavia preparare all'italiana

Daniele Tirelli


La bevanda all'aceto del dottor Chappius Bragg

Ha nome Apple Cider Vinegar All Natural Drink.  Finalmente siamo riusciti a trovarla nel basement del celebre department store di William Filene, oggi trasformato in un bel supermercato Roche Bros, nell’area Downtown Crossing di Boston

Daniele Tirelli


Scegliere una birra non è facile

Sceglierla per abbinarla a un alimento è molto, molto più arduo. Cosa bere dunque con una Mimolette Extra-Vieille di 24 mesi, mentre rosseggiano Le Grand Charmoz, le Grepon, la Blatiere, le Dent du Caiman e tutte le altre guglie, una volta luoghi inaccessibili e sede di mostri fantastici, oggi scaglie aguzze di granito che sfidano il tempo?

Daniele Tirelli


Alla maniera turca

Sì, a la turca! Cominciamo ad abituarci a questa cucina, non si sa mai. Recep Tayyip Erdoğan, che non sembra proprio un tipo aperto al dialogo, ha promosso la sostituzione del Raki con l’Ayran, come bevanda di uso comune: dunque uno yogurt salato e diluito al posto di una peccaminosa bevanda alcolica

Daniele Tirelli


Il formaggio e la birra

Un Gouda Noord Hollander di quattro anni, di pasta grassa e fondente, e una birra d’abbazia molto alcolica, a tripla fermentazione, Maredsous, tendente al dolce. Tutto questo, di ritorno dal Desert Blanc di Flaine

Daniele Tirelli


Mangiate carne di cane, fa bene

L’invito di Kim Jong-Un al suo popolo non è passato inosservato, ma non c’è poi da stupirsi più di tanto, visto che il ruolo nutrizionale di questa carne nel Far East è ancestrale e ha origini preistoriche. Oltretutto, vendere carne di cane è legale in Canada, mentre in Svizzera ne è ammesso il consumo personale, ma non la vendita

Daniele Tirelli


L'Alhema de Queiles? Solo olive Arbequina

Siamo in Spagna, al confine tra Navarra e Aragona, dove si coltivano olivi in un areale particolarmente vocato. L’alta qualità è infatti quanto mai evidente all’assaggio. Si tratta di un monocultivar che si è imposto in vari premi internazionali e rappresenta senza alcun dubbio una bella sfida in positivo ai migliori oli italiani

Daniele Tirelli


Pesce bentopelagico per cena

In questa estate in cui molti sono al mare, come si fa a non gustare un Alfonsino Splendens? Se non avete avuto occasione di farlo, datevi da fare. Vi avvertiamo, tuttavia: non è facile reperirlo sul mercato. E’ come se fosse una caccia al tesoro. Ma noi vi diamo qualche dritta, e anche un olio da utilizzare: un monocultivar Arbequina

Daniele Tirelli


Quanto è buono il Mango Maya

Da Israele, con amore. Osservateli bene: rappresentano l’eccellenza qualitativa. Sono perfetti come conformazione, conservazione e maturazione. Questi frutti divengono pronti per il mercato a fine luglio e in agosto. È una varietà di mango che cambierebbe il percepito degli italiani, se solo fosse venduta “ready to eat” nei nostri supermercati, come accade in Francia (Grand Frais) e in UK (Waitrose)

Daniele Tirelli


Meditando sotto il Monte-Blanc con una Chimay Bleue del 2014

Una birra dimenticata in cantina. Succede. Naturalmente, con questo “saggio assaggio”, un gioioso pensiero va anche ai simpatici amici del club delle birre artigianali, così prodighi di calorosi apprezzamenti dopo quanto scritto sulla 7 luppoli Poretti

Daniele Tirelli


Si chiama Zetay, ed è un extra vergine made in Turchia

Prodotto nella regione dell’Egeo, su terreni posti in collina. E’ un monovarietale Memecik, ricavato dalla molitura di un’oliva di forma ellittica a duplice attitudine, apprezzata anche come oliva da mensa, e conosciuta con i sinonimi di Asiyeli, Gulumbe, Sehir, Tas arasi, Tekir, Yaghk. Spiccano i sentori di mela verde e mandorla fresca

Daniele Tirelli


Birre effimere per l’estate. La Poretti 7 luppoli

Effimere in quanto stagionali, e pertanto adattabili a specifiche occasioni di consumo nel corso dell'anno. I "puristi" l'accusano di essere una "crafty". Sbagliano. 7, 8, 10 luppoli. Tanti, perché? La ragione è che i luppoli sono tanti e diversi tra loro, come i pomodori o le albicocche. Quindi la componente aromatica che trasferiscono alla birra è molto diversa a seconda del blend

Daniele Tirelli


Un nuovo modo di bere

Da succo di frutta a superjuice, ovvero: come berranno gli italiani nei prossimi anni. Non sarà infatti lontano il tempo in cui ciascuno si preparerà da sè delle bevande nutrienti, autentici cocktail di frutta e vegetali 

Daniele Tirelli


Questo non è un caffè

E’ invece un Kona blend, anche perché, purtroppo, un Kona 100%, questa varietà di Arabica, è molto rara. Viene coltivata sulle pendici dei vulcani Hualalai e Mauna Loa situati nella regione chiamata appunto Kona e facente parte dell'arcipelago delle Hawaii

Daniele Tirelli


Macchè cibo spazzatura

Si fa presto a chiamare junk food gli hamburger. Non è così. Il primo "hamburgerificio" a catena si chiamava White Castle, ed era a Cincinnati, nel 1929. Il primo in assoluto, in realtà, venne aperto a Wichita, nel Kansas, nel 1921. Ciò ha consentito a molte famiglie dei ceti più bassi di andare più spesso a pranzare fuori casa senza incorrere in rischi di intossicazione

Daniele Tirelli


Smoothie al sangue vaccino

Si tratta di una bevanda energetica per chi vive nell'isolamento della savana e consiste in una parte di sangue spillato dalla giugulare di un bovino. Ovvero, una parte di latte e qualche goccia di urina per favorire il caglio e l'acidificazione del tutto. Lo provereste? Se ne trae una specie di frappé rosa

Daniele Tirelli


Cosa è davvero democrazia

Prima che qualcuno si faccia idee strane intorno a ciò che si intende per de-mo-cra-zì-a, a proposito di democrazia diretta e democrazia rappresentativa, meglio fare un po’ di chiarezza. Ogni pallino che vedete nell’immagine rappresenta un milione di voti! Cosa significa tutto ciò?

Daniele Tirelli


Il frutto del pane

In attesa che arrivi anche sul mercato italiano il frutto dell'Artocarpus altilis, un albero parente del nostro gelso, prefiguriamoci intanto il suo gusto e la possibilità di utilizzarlo al meglio in cucina. Si cuoce come fosse una patata, bollito, fritto o al forno. La polpa appena cotta? Assomiglia alla mollica del pane fresco

Daniele Tirelli


Gamberi fritti e patatine

Un fotoreportage da Santa Monica, in California, dove una catena di ristoranti a tema, Bubba Gump, ha mutuato il nome dai due protagonisti del film Forrest Gump. L'ambiente ricostruisce nei minimi dettagli quelli del film

Daniele Tirelli


Iscriviti alle
newsletter