Venerdì 24 Gennaio 2020 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

media > giro web

L’olio che protegge il cuore

La provocazione via facebook. Lo sappiamo tutti, i social sono molto importanti, veicolano tutto ciò che accade in ogni angolo della Terra. E contamina i punti di vista e gli approcci. Ecco cosa ha scritto Michele Labarile a proposito di un extra vergine sudafricano

OO M

L’olio che protegge il cuore

Michele Labarile è un esperto d’olio stimato nell'ambiente. Uno che opera all'interno del comparto, non un vanaglorioso che si autoproclama esperto. Chi non lo conosce deve sapere che che è attivo sul campo da anni e anni di approccio diretto con il prodotto. Quando scrive, provoca sempre nuove riflessioni. Come in quest’ultimo caso, da un post, con testo e foto, tratto dal suo profilo personale su facebook. Che riportiamo integralmente.

San Sebastian

 

Ecco un olio di produzione sudafricana in vendita a prezzi "impossibili". Etichetta corretta, un simbolo di protettore del cuore, legalmente ammesso in Sudafrica, 0,3 di acidità, stato di conservazione perfetto, alchil esteri 12, Polifenoli 430, gusto perfetto. E noi?

Ulteriori considerazioni, sempre di Labarile.

... d'altronde in Sud Africa (...) usano tecnologie avanzate, tecniche colturali e di raccolta altamente avanzate, fanno una qualità di eccellenza perché L'OLIO E' BUONO SE E' FATTO BENE !!!

Non possono mancare i punti esclamativi, ovviamente.

...mi piace anche notare la semplicità, la chiarezza, l'essenzialità delle indicazioni in etichetta: ideogrammi per l'utilizzo, 4 gocce piene su 5 per descrivere l'intensità di gusto, un cuore a tavola (un simbolo consentito solo a prodotti benefici per i cuore), Un versatore estraibile davvero efficace. Altro che "seghe mentali" estratto a freddo" "affiorato" "integrale".
CI TOCCA IMPARARE DAI NUOVI PAESI PRODUTTORI!

Qualche utile indicazione per capire l'orientamento dei prezzi in Sud Africa? Ecco, quanto riferisce lo stesso Labarile.

I prezzi dell'olio extra vergine di oliva in Sud Africa a marzo 2014 erano i seguenti:

- San Sebastian (l’olio cui si fa riferimento) 1lt = ZAR 88,99 (circa € 6,10)

- Altro brand sudafricano ev 1lt = ZAR 97,99 (circa € 6,75)

- Altro brand sudafricano ev 1lt = ZAR 91,99 (circa € 6,35)

- Barnd spagnolo extra vergine 1lt = ZAR 109,99 (circa € 7,60)

- Brand spagnolo ev 1lt = ZAR 129,99 (circa € 8,95)

- Brand italiano ev 1lt = ZAR 99,99 (circa € 6,90)

- Brand italiano 1lt = ZAR 142,99 (circa € 9,80)

OO M - 29-04-2014 - Tutti i diritti riservati

COMMENTI

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.
Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Giuseppe Vecchio

10:54 | 09 maggio 2014

Buongiorno,
pienamente in accordo con quanto riportato in questo articolo. Vorrei solo aggiungere che confezione, versatore estraibile, presetazione ecc. sono identici a quelli utilizzati da anni dall'azienda australiana "Cobram". Olio di Oliva di ottima qualità del quale ho avuto il piacere di assaporarne differenti versioni.
Per info vi allego il link alla pagina web Cobram: http://cobramestate.com.au/
Giuseppe Vecchio

Romano Satolli

18:54 | 01 maggio 2014

Bellissimo commento di Labarile. Mi richiama, il suo giusto commento sulle seghe mentali, a molte, troppe scritte che appaiono sulle retro etichette di tanti nostri vini, anche a DOC! Ed i prezzi, soprattutto, remunerano i produttori, molto più che da noi.

carmelo buttazzo

09:58 | 30 aprile 2014

Essenzialità delle indicazioni in etichetta, (uguale) comunicazione al consumatore ... è vero dobbiamo imparare dai neofiti dell'olio. D'altra parte sono convinto che le logiche e le strategie commerciali di chi ha governato il settore olivicolo-oleario in Italia, debbano "svecchiarsi" un po' nelle idee e nelle strategie da mettere in campo. Ritornare a stabilire un dialogo più diretto ed efficace rivolto ai consumatori, è a mio avviso la chiave giusta di lettura. L'etichetta è un valido strumento (con tutti i limiti imposti dalla legge vigente) ma non è il solo .... Se mi è concesso un consiglio, dovremmo ascoltare con attenzione coloro che non conoscono bene l'olio e le sue caratteristiche e "cercare di capire" come attrarre in loro l'interesse ad un acquisto consapevole. A volte non servono paroloni, formule chimiche, effetti di prevenzione salutistica, eccetera eccetera ... ma la semplicità di comunicare che un olio buono ha un profumo di oliva fresca o semplici indicazioni circa l'uso dell'olio in relazione alla sua qualità. Li dove mi è capitato di espletare questo tipo di approccio i risultati sono stati sempre molto soddisfacenti. Ricordo una volta un signore che era convinto che il suo olio era eccezionale, genuino, buono e andò via ... poi ritornò nello stand da me per comprare una bottiglia dicendomi: "lo compro per mia figlia che sta svezzando in questo periodo mia nipote". carmelo buttazzo

Gianni Lezzi

09:24 | 30 aprile 2014

Una bella "sferzata di concretezza", sia da parte degli imprenditori oleari che da parte di Michele Labarile circa i "passatempi mentali". Mi chiedo, infatti, quante aziende, pur avendo oli coi requisiti analitici previsti, hanno utilizzato le opportunità del Reg. CE 432/2012 in fatto di "nutraceutica". GianniLezzi

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Conoscete l'olio Dop Provence?

Conoscete l'olio Dop Provence?

Sul mensile Oliocentrico di ottobre abbiamo ospitato la recensione di un olio francese, del Moulin à huile d’olive «Bastide du Laval», operativo a Cadenet, ottenuto a partire da olive Aglandau, Salonenque, Cayon, Bouteillan e Picholine. Sul numero 5 della rivista si può leggere la versione in lingua francese, qui quella in lingua italiana > Cécile Le Galliard

RICETTE OLIOCENTRICHE
L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

Lo chef Damiano Carrara ha realizzato per Monini due dessert in cui l’olio extra vergine di oliva è protagonista oltre che in cucina anche in pasticceria: un’alternativa più salutare rispetto al burro

EXTRA MOENIA
Un libro per imparare il codice sensoriale della carne

Un libro per imparare il codice sensoriale della carne

Il codice sensoriale della carne, edito dal Centro Studi Assaggiatori in collaborazione con Narratori del gusto, aiuterà a rispondere alle domande dei consumatori di fronte alla scelta della carne migliore. Attraverso i sensi, si può imparare a scegliere una carne di qualità

OO VIDEO

Diminuisce il consumo degli oli da olive

Se da un lato si riduce la quantità d’olio utilizzata nel consumo domestico, dall’altra cresce la quantità di olio prodotto nel mondo. Questo accade nei Paesi tradizionali – Grecia, Italia, Spagna - dove storicamente si è sempre utilizzato l’olio ricavato dalle olive. L’analisi della tecnologa alimentare Daniela Capogna, intervistata nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione

BIBLIOTECA OLEARIA
Tutto sull'olio

Tutto sull'olio

Il titolo è alquanto eloquente, nondimeno il sottotitolo: "Guida essenziale alla conoscenza
e all’utilizzo degli extra vergini a tavola e in cucina". Ne è autore l'oleologo Francesco Caricato, direttore del centro culturale Casa dell'Olivo