Codice Oleario

Cosa c’è di nuovo sul fronte Xylella? I sensori multispettrali

Passano gli anni e il grave fenomeno patogeno resta un problema ancora sottovalutato, nonostante gli enormi danni a milioni di olivi. Mediante il remote sensing, ovvero l’impiego di sensori da remoto per il monitoraggio spazio-temporale degli effetti del batterio, ora si possono evitare eradicazioni indiscriminate salvaguardando paesaggio ed economia. Con il calcolo di alcuni indicatori matematici (gli “indici vegetazionali”) sono state poste delle soglie di discriminazione tra olivo potenzialmente sano e olivo potenzialmente malato. Ne abbiamo parlato con l’ingegnere ambientale Sara Dell’Anna

Francesco Caricato

C’è un metodo per determinare quanto idrossitirosolo e tirosolo c’è negli extra vergini

Si deve a Innovhub Ssi, e in particolare al team guidato dal Pierangela Rovellini, responsabile presso Innovhub Ssi del servizio di Cromatografia Liquida e Direttore Editoriale de La Rivista Italiana delle Sostanze Grasse, il metodo Iso 23942:2020 sviluppato per determinare il contenuto dei due composti fondamentali per verificare la qualità degli extra vergini, in quanto si tratta di due inibitori del danno ossidativo delle Ldl

Olio Officina


La Xylella infetta i nostri ulivi fin dal 2008. Quanto ne sappiamo veramente?

Interessante quanto emerge dallo studio effettuato da più centri di ricerca, tra cui l'Istituto per la Protezione delle Piante del Cnr. I risultati sostengono che l'epidemia è stata causata da una sola introduzione proveniente dall’America centrale

Info Xylella


Le olive da tavola protagoniste assolute

Vi raccontiamo come si è concluso il ciclo di incontri del Progetto Alive. Una iniziativa promossa dal Crea, Tuesday Alive, e dedicata alle olive da tavola, è terminata lo scorso mercoledì 7 dicembre. In quest’ ultimo incontro sono stati approfonditi molti aspetti, con la testimonianza delle diverse realtà legate alle olive Taggiasca e Peranzana. Gli eventi, fin dall’inizio del percorso, hanno riscontrato un enorme successo, registrando numeri importanti, tra ospiti, partecipanti e visualizzazioni degli incontri registrati. Alla luce di questi dati, molto positivi, il comitato organizzativo sta già lavorando ad altre iniziative

Chiara Di Modugno


Panel test. Quando i limiti dettati dalla scienza non incontrano quelli del commercio

Serve dialogare e giungere a un punto comune, in modo che tutte le realtà coinvolte lavorino in modo armonico e coerente. Il pensiero di Tullio Forcella, direttore di Federolio: “Occorre lavorare molto sui panel, e soprattutto c’è bisogno che questi lavorino seriamente”

Olio Officina

Una task force cinofila per fronteggiare l’avanzata della Xylella

Un segno di speranza nell’operato degli Xdd, acronimo di Xylella Detection Dogs. Come già avviene in porti e aeroporti contro trafficanti di droga e armi, adesso si sperimenta il ricorso anche per difendere l’ambiente, l’economia e l’occupazione nel comparto olivicolo. Esordisce in Puglia la prima unità cinofila con cani specializzati nell’individuazione precoce del batterio attraverso l’olfatto. Secondo l'Istituto per la protezione sostenibile delle piante del Cnr si tratta della prima iniziativa pilota per sviluppare nuove azioni per prevenire la diffusione di malattie e insetti alieni

Olio Officina


La sensorialità degli oli oltre il panel test

Come si può gestire la situazione che si crea quando i risultati dei panel sono discordanti? L’analisi della professoressa Tullia Gallina Toschi, che sostiene come sia molto interessante che si parli di sensorialità e che non si parli soltanto della necessità di classificazione, di valutazione organolettica legata alla necessità di mettere l’olio in una qualche categoria. “Lo sforzo da fare in questo momento storico - ha detto - è quello della semplificazione: abbiamo acquisito tantissimi metodi ma dobbiamo trovare un modo di concretizzarli”

Olio Officina


Le olive da tavola Taggiasca e Peranzana, il programma del webinar

Volete conoscere in maniera approfondita queste due pregiate cultivar della Liguria e della Puglia? Si tratta dell'ultimo webinar del ciclo di incontri dedicato alle olive da tavola, a cura del Crea in collaborazione con l'Ordine degli agronomi e degli oleologi. È stato un grande successo e l'intero percorso di formazione può essere seguito anche attraverso le registrazioni video, che sono state effettuate di volta in volta

Olio Officina


Son davvero molto belli i frantoi spagnoli?

Vedremo come la Spagna esprime il bello attraverso le strutture architettoniche dedicate alla produzione di olio da olive

Olio Officina

Si può capire dalle caratteristiche iniziali di un extra vergine la sua durata nel tempo?

Gli oli di vent’anni fa - sostiene il professor Maurizio Servili - erano totalmente distanti da quelli odierni. Per nostra fortuna, aggiungiamo noi. C’è da riflettere al riguardo. Anche perché la velocità con cui si ossida l’olio è di gran lunga superiore a quanto si possa pensare. La bottiglia in vetro scuro non è in grado di mantenere per un lungo periodo le proprietà sensoriali e salutistiche del prodotto. Per affrontare la questione, è stato elaborato uno specifico software predittivo

Olio Officina


Limitare i danni da mosca olearia? Oggi è possibile

In occasione della Giornata Internazionale dell’Olivo un segnale di concretezza arriva dal Gruppo Salov, il quale, in collaborazione con il Cnr-Ibe, ha scoperto un sistema in grado di aiutare la difesa dell’olivo dagli assalti del dittero, semplificando e tutelando in tal modo il lavoro degli olivicoltori. Tutto ciò è frutto di una serie di studi avviati presso Villa Filippo Berio, proprietà di Salov, e finalizzati a un innovativo prototipo di trappola. Così, dopo aver catturato gli insetti, viene inviata l’immagine degli esemplari a un centro di controllo. L’obiettivo? La messa a punto di un sistema in grado di riconoscere automaticamente le catture e identificare l’insetto, in modo da avere la situazione dell’evoluzione della popolazione della mosca in tempo reale, fornendo agli agricoltori preziose indicazioni per ridurre i danni

Olio Officina


Tutto quello che serve sapere sulle olive da tavola a marchio Dop

Vi raccontiamo come è andata la seconda parte del ciclo di webinar del progetto Alive su caratterizzazione e valorizzazione delle olive da mensa e a duplice attitudine, organizzato dal Crea, il Consiglio per la Ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria. L’incontro di martedì 16 novembre è stato il penultimo di una lunga e interessante serie. Gli interventi hanno gravitato attorno al ruolo dei consorzi, ma ci si è soffermati anche su molti altri aspetti

Chiara Di Modugno


Le olive da tavola: il caso dell’oliva Taggiasca e l’oliva Peranzana dell’alta Daunia

L’appuntamento è per martedì 7 dicembre 2021, al centro dell’attenzione le due olive da mensa poste all’estremità nord e sud della penisola. Si tratta dell’incontro conclusivo del ciclo di undici webinar del Progetto Alive

Olio Officina

È tutto pronto per la terza edizione del Milan International Olive OIl Award

Il MIOOA è un concorso internazionale aperto a tutte le aziende olivicole, olearie e commerciali del mondo. Dopo le prime due edizioni con filo conduttore la qualità durevole, prosegue il contest che sarà ispirato ad altri parametri di riferimento, che saranno svelati solo a concorso concluso. Per poter partecipare è necessario inviare i campioni di olio extra vergine di oliva tassativamente entro il 31 marzo 2022

Olio Officina


Nuovi scenari e nuove avversità per l’olivo in Liguria

Come stanno reagendo le coltivazioni in un contesto climatico così diverso da quello degli anni scorsi? La revoca del dimetoato ha causato una crepa profonda. L’impiego dei nuovi prodotti per la cura delle piante è davvero efficace? Si hanno a disposizione: al massimo 15 principi attivi, tra fungicidi e insetticidi. Con queste scarsissime molecole si deve gestire la situazione anomala in cui versa oggi l’olivicoltura. L’analisi dettagliata dell’agronomo Pasquale Restuccia

Olio Officina


Introdotta in Spagna la nuova norma di qualità per gli oli da olive

La nuova direttiva implica l’obbligo di registrazione dei movimenti del prodotto e la presenza di un rapporto di analisi che garantisca la categoria dichiarata. Molti sono però i dubbi. Gli operatori del settore si confrontano con una realtà totalmente nuova, che inciderà sulle scelte produttive. Alla luce di questi fatti, il Ministero dell’agricoltura si è messo a disposizione per risolvere le incertezze, pubblicando un documento specifico

Olio Officina


Le olive da tavola Dop di Gaeta, l’Ascolana del Piceno e la Bella della Daunia

Nessuno perda l’appuntamento con la seconda parte del webinar dedicato alle olive da tavola Dop. Continua infatti il ciclo di incontri del Progetto Alive, ideato e organizzato dal Crea. Martedì 16 novembre tutti davanti al computer. Nel corso dell’evento verranno peraltro approfonditi i ruoli e gli obiettivi dei consorzi di tutela

Olio Officina

Cerchiamo frantoiane e frantoiani che amino il bello

Olio Officina lancia il contest "Il frantoio più bello", attraverso il quale individuare e premiare i frantoi che coltivano la bellezza. Si tratta di un concorso rivolto a quanti decidono di investire non solo in macchinari e attrezzature, puntando sulla qualità delle loro produzioni, ma anche in soluzioni architettoniche e d’arredo, che esprimano una qualità estetica e funzionale al fine di mettere in luce l’etica della bellezza, nel pieno rispetto di se stessi, dei lavoratori e dell’ambiente

Olio Officina


Chiunque può assaggiare, ma più del talento valgono perseveranza e metodo

Susana Romera, direttore tecnico della scuola di assaggio Esao, sostiene che la degustazione degli oli di oliva vergini sia una delle grandi sfide della società spagnola. Occorre partire dall’approccio diretto con l’olio per conoscerlo e imparare a utilizzarlo scegliendo ogni volta il migliore e il più adatto

Olio Officina


È un frantoio da visitare quello di Olio Roi

Viaggio a Badalucco, in Valle Argentina, da Franco e Paolo Boeri, quarta e quinta generazione di una storica famiglia di oleari che nel piccolo borgo della provincia di Imperia si sono sempre occupati di trasformare il frutto dell’olivo nel pregiato succo che porta il nome Roi, che non è il loro secondo cognome, ma il soprannome utilizzato per distinguersi da altre famiglie dal cognome Boeri

Olio Officina


Avete curiosità di sfogliare e leggere Il Grande Libro dell'Olio?

È un'opera pregevole, non perché siamo stati noi a pubblicarla, come edizioni Olio Officina, ma in quanto si tratta di un corposo volume ricco di tante immagini, con mappe sensoriali e geografiche, infografiche, schemi riassuntivi essenziali, e nel complesso poco testo, proprio perché si tratta del pirmo e unico libro visual dedicato agli oli da olive, con un'ampia sezione dedicata ai migliori oli del mondo slezionati dal Milan International Olive Oil Award

Olio Officina

Iscriviti alle
newsletter

Tecniche all'avanguardia per le olive da mensa

L'obiettivo di introdurre innovazioni di processo e di prodotto nel settore delle olive da tavola è un passaggio fondamentale necessario per poter ottenere impeccabili caratteristiche di qualità e tipicità. L'esempio delle olive Nocellara del Belice e Termite di Bitetto

Olio Officina


Le olive da tavola Nocellara del Belice e Termite di Bitetto

Proseguono gli appuntamenti con la formazione del Progetto Alive, con un ciclo di webinar dedicato a un comparto che in Italia ha grande necessità di migliorare le proprie performance. L'iniziativa del Crea ha l'obiettivo di introdurre innovazioni di processo e di prodotto in modo da ottenere impeccabili caratteristiche di qualità e tipicità dei prodotti territoriali

Olio Officina


Rivoluzione Taggiasca. Produrre e commercializzare l’oliva in salamoia con soluzioni innovative

Niente microrganismi indesiderati, responsabili di gravi alterazioni fisiche e sensoriali e dannosi per la salute del consumatore, nelle olive da tavola. Sono stati presentati i primi risultati delle sperimentazioni del progetto Csot, il cui obiettivo è determinare nuove tecniche nella deamarizzazione delle olive. I riscontri, dopo il primo anno di ricerca, si possono ritenere incoraggianti

Olio Officina


Entra in scena la nuova olivagione. Domanda ricorrente: come monitorare la qualità degli extra vergini?

Tutti pensano unicamente all’analisi dell’acidità, in prima battuta. Come se questo fosse l'unico parametro. Non è così. E non basta nemmeno conoscere il numero di perossidi, come pure i parametri spettrofotometrici nell’UV (per intenderci: K232, K268/270, DK) e gli alchil esteri. In realtà il mercato, soprattutto quello estero, è molto attento all'eventuale presenza di residui di fitofarmaci. Ecco allora la cosiddetta analisi multiresiduale degli oli

Chemiservice

Cosa si è detto in materia di conservazione e tracciabilità delle olive da tavola

Tutti gli alimenti devono puntare ad avere una buona shelf life e garantire una idoneità al consumo, che dipende da aspetti microbiologici, enzimatici e chimico-fisici. Il tempo di conservabilità è fondamentale, le innovazioni sono di conseguenza una strada obbligata. Si è svolto nella giornata di martedì 5 ottobre un utile webinar, uno dei tanti del ciclo del Progetto Alive organizzato dal Crea, dove si affrontano temi fondamentali in una chiave di lettura multidisciplinare

Olio Officina


Non c’è successo commerciale con le olive da tavola senza la necessaria preparazione

I corretti sistemi di packaging e conservazione sono importanti. Come pure la stessa tracciabilità. Le occasioni per approfondire non mancano. Il 5 ottobre l’appuntamento con il settimo evento del Crea, relativo al progetto Alive, con importanti aggiornamenti su come caratterizzare, valorizzare e tracciare le olive da tavola. Grande attenzione sarà posta inoltre sull’analisi sensoriale delle olive trasformate e sui concorsi attraverso i quali vengono premiati i migliori prodotti sul mercato

Olio Officina


A scuola di assaggio, con l'Onaoo

La formazione è importante e riguarda tutti, nessuno escluso. Ecco tutte le occasioni per prenderne parte. Segnaliamo le attività in programma nei prossimi giorni e quelle a breve termine, non solo a Imperia 

Olio Officina


Al via la nona edizione del concorso di design Le Forme dell’Olio

Un anno dopo l’altro ed è un successo continuo. Cresce la qualità delle proposte da parte delle aziende olearie. Passa l’idea che il design sia molto importante e strategico. Ma passa anche l’idea che il design non sia solo un vestito, ma un modo di essere e un tentativo di assegnare valore, economico e culturale, all’olio extra vergine di oliva. Cosa occorre fare per partecipare e a chi è rivolto il contest. Tutte le indicazioni utili

Olio Officina