Cook

Il Casa Coricelli 100% italiano

Il punto di forza e di novità è nella tracciabilità certificata, ben evidenziata in etichetta. Il numero di lotto rimanda a una materia prima pugliese, e in particolare proveniente dalle province di Taranto e Brindisi. Sapidità, armonia, morbidezza, una nota dolce persistente al primo impatto, il gusto che ricorda il carciofo

Maria Carla Squeo

Opera versione Intenso, la Coratina targata Radici di Puglia

Il marchio, proprietà della famiglia Agresti, di Andria, è una realtà che opera sin dagli anni Trenta nella regione olivicola più vocata del Paese. Gli oliveti sono collocati in un’areale tra i più celebri e prestigiosi.  L'olio? Buona fluidità, equilibrio, giusta sapidità e carattere, l'amaro e il piccante ben dosati

Maria Carla Squeo


Consigli culinari per tempi difficili

Il pesce per queste festività. Quello in foto è un sarago. Occorre scegliere bene il pesce, ma soprattutto prepararlo in modo da non perdere nulla della sua delicatezza, dei suoi profumi e sapori, ricorrendo a condimenti di qualità. E poi ci sono anche le palamite. Questo, tra l'altro, è un buon periodo buono per il pesce azzurro, ricco di Omega 3

Carlo Romito


Ricetta d’autore: Budino di pane al cioccolato con zuppa di fragole, menta e olio extra vergine di oliva

Marisa Iocco, chef e patron di Spiga Ristorante a Boston, ci propone un dolce tipicamente americano, molto popolare e ormai ritenuto così familiare da non poterlo togliere dal menu, per quanto è richiesto. Lo stesso dolce è stato proposto in occasione del progetto di comunicazione e formazione che si è tenuto a fine 2019 a Boston, Providence e New York, organizzato dai consorzi di qualità degli oli extra vergini di oliva Ceq Italia e, per la Spagna, da QvExtra! con il supporto dell’Unione europea

Marisa Iocco


L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

Lo chef Damiano Carrara ha realizzato per Monini due dessert in cui l’olio extra vergine di oliva è protagonista oltre che in cucina anche in pasticceria: un’alternativa più salutare rispetto al burro

Olio Officina

L’olio giusto per la pizza

A Piacenza l’Apes, la più antica e prestigiosa associazione di pizzaioli, rilancia l’importanza delle materie prime. La selezione serve a fare la differenza. Puntare su una scelta accurata degli ingredienti è fondamentale per conseguire i migliori risultati. La pizza del terzo millennio assumerà sempre nuove identità. Anche l’olio deve essere protagonista.La materia prima olio extra vergine di oliva fa la fortuna di una buona pizza, soprattutto appena sfornata, mentre si versa l’olio a crudo

Maria Carla Squeo


Conoscete l'olio Dop Provence?

Sul mensile Oliocentrico di ottobre abbiamo ospitato la recensione di un olio francese, del Moulin à huile d’olive «Bastide du Laval», operativo a Cadenet, ottenuto a partire da olive Aglandau, Salonenque, Cayon, Bouteillan e Picholine. Sul numero 5 della rivista si può leggere la versione in lingua francese, qui quella in lingua italiana

Cécile Le Galliard


“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

Avete mai sentito parlare di "ricette oliocentriche"? Si parte dalla materia prima olio e a partire da questa si scelgono gli altri ingredienti per giungere alla costruzione di una ricetta. Ecco allora una pratica dimostrazione con la chef Sara Latagliata. La ricetta è stata realizzata per il numero 9 di OOF International Magazine

Olio Officina


Il vino della settimana è il Valpolicella Classico Superiore di Zenato

L'azienda, di Peschiera del Garda, nel Veneto veronese, opera sia nell'area gardesana, sia in Valpolicella. Nei suoi 75 ettari produce vini di qualità nel rispetto del territorio e valorizzando i vitigni autoctoni. Quello in degustazione,  da uve Corvina Veronese, Rondinella e Corvinone, è un rosso rubino, con note di frutta matura, molto balsamico, e che con l’ossigenazione evolve allo speziato

Enrico Rana

Il Dop Riviera Ligure Riviera di Levante Olea albero della vita

Prodotto da Lucchi & Guastalli a Santo Stefano Magra, in provincia di La Spezia. I meriti di Marco Lucchi?Aver avuto un ruolo importante nella rinascita dell’olivicoltura del Levante ligure e di essere “l’uomo che ha sconfitto la taggiasco dipendenza”

Francesco Bruzzo


Il vino della settimana è il Messere Sforzato di Valtellina di Caven

È stata degustata l'annata 2013, ed è una esplosione di aromi e gusti. Al naso è molto intenso e persistente. Al gusto, molto speziato, sorprende con note balsamiche di menta e cioccolato

Enrico Rana


I migliori Oli di Famiglia

In Puglia c'è un concorso speciale, rivolto ai non professionisti, ovvero agli olivicoltori dilettanti. L'idea è partita quasi per caso, ma c'era comunque  tutta una visione dietro e una progettualità. Le recensione di un olio spagnolo e di un olio italiano

Mimmo Lavacca


Il vino della settimana è il Perdera di Argiolas

È ottenuto da uve Monica di Sardegna, un vitigno autoctono dell'isola. Abbiamo degustato l’annata 2016, di un bel color rosso rubino intenso, con un olfatto molto intrigante con note inizialmente floreali e fruttate che evolvono nel balsamico

Enrico Rana

Il Gocce d'Oro Fresco di Macina dell'Oleificio Rocchi

La storica azienda lucchese recensita sul mensile Oliocentrico. Fondata nel 1901, a guidarla oggi sono Mario, Francesca, Paolo e Massimo Rocchi, cui si è aggiunta di recente la quinta generazione, con Leonardo Rocchi

Francesco Caricato


Il vino della settimana è il Dolcetto d’Alba di Renato Ratti

A La Morra, in provincia di Cuneo, in Piemonte, un produttore di spicco con un vino di prima fascia del 2017, color rosso rubino dai riflessi violacei, che si apre al naso con un buon bouquet che alterna note di frutta con le spezie

Enrico Rana


Il vino della settimana è il Montefalco rosso 2015 di Omero Moretti

Appartiene a un'azienda a conduzione familiare di Giano dell’Umbria, impegnata sin dal 1992 secondo i  canoni della viticoltura biologica. Intenso e persistente al naso, dove si apre con note di frutta matura, confettura, spezie e balsamico

Enrico Rana


Il “Selezione Oro” di Pantaleo

L’oliva fresca, pulita, le connotazioni erbacee, la mandorla verde. Ecco una recensione a firma di un non esperto, ma che frequenta ormai assiduamente il mondo dell'olio, visto che ricopre l'incarico della direzione tecnica di Olio Officina Festival. Il punto di vista del consumatore è importantissimo, anzi fondamentale

Luca Sarni

Il vino della settimana: l'Aglianico Pietralena 2016 delle Cantine Barone

L'azienda campana lavora su lavora su 12 ettari di vigna con sistema di allevamento a guyot e a cordone speronato. Il vino è rosso rubino intenso dai riflessi violacei, al naso frutta rossa e more, note di spezie, chiodi di garofano, pepe e cioccolato

Enrico Rana


L'olio dei monaci camaldolesi ha per nome Eremo

Un impegno secolare, quello dei Benedettini Camaldolesi. Quelli di cui scriviamo hanno sede a Bardolino, in Veneto. Noi dobbiamo moltissimo all'operato dei religiosi, i quali hanno effettivamente salvato l'olivo in epoche in cui si registrò un radicale allontamento dalla coltivazione

Maria Carla Squeo


Il vino della settimana: il Vermentino Monte dei Frati di La Felce

Siamo in Lunigiana, a Ortonuovo, in provincia di La Spezia. Ed è un Colli di Luni Doc, ottenuto a partire da un vigneto con un’età media di 40 anni. A colpire è l’equilibrio: l’elegante armonia tra acidità e alcolicità. All’olfatto è intenso e abbastanza persistente, pulito, con note di frutta matura, fiori gialli e tiglio

Enrico Rana


Il Coratina del Frantoio del Poggiolo Monini

Oli extra vergini di oliva che sorprendono. Ecco la nuova linea di monovarietali della famiglia Monini. La celebre varietà esprime eleganza e finezza, corpo e carattere, sentori erbacei freschi 

Luigi Caricato

Iscriviti alle
newsletter

Il vino della settimana: l'Alta Langa Pas Dosè Brut nature di Cocchi

È un millesimato 2008, la sboccatura è avvenuta nove anni dopo, nel 2017, dopo ottanta mesi sui lieviti che hanno conferito straordinaria eleganza e un bouquet di profumi interessantissimi, in continuo cambiamento

Enrico Rana


Olive Taggiasca candite

Siamo a Imperia e le olive non possono che essere Taggiasca. A produrle è il Frantoio di Sant’Agata d’Oneglia. Sono pochi ed essenziali gli ingredienti: il 70 per cento è costituito, appunto, da olive Taggiasca denocciolate, e la restante parte secondo voi?

Olio Officina


La grande originalità degli extra vergini Dedicati

La recensione di un olio dedicato alla pasta e proposto da Olitalia per il canale del food service. Un mix di cultivar italianeper un blend pensato espressamente per aiutare la ristorazione a scegliere l’olio giusto. Nel caso specifico, quello più adatto per ogni tipologia di pasta

Maria Carla Squeo


L'extra vergine Dop Garda Orientale dei Fratelli Turri

L'avete mai provato? È l'espressione delle olive Casaliva (nella quasi totalità: 60%) e, per la restante parte, Leccino, Pendolino, Raza e Moraiolo. L'azienda ha sede in un luogo altamente vocato, a Cavaion Veronese, nel Veneto

Silvia Ruggieri

Il vino della settimana: il Pavana rosé di Colesel a Valdobbiadene

È di un colore bellissimo, un rosa cipolla perfetto, con un perlage fine e persistente. Al naso è intenso e le note di gioventù si sentono tutte, con una finezza e una eleganza elevata. È ottimo per gli aperitivi

Enrico Rana


L'extra vergine da agricoltura bio Terroir de Meknès

Avete mai degustato un olio del Marocco. Provate a farlo insieme con il direttore di Agro-pôle olivier che lo degusta per noi su Oliocentrico, la nuova rivista edita da Olio Officina e interamente dedicata agli assaggi. È ottenuto da olive Picholine marocaine in purezza e la bottiglia da 500 ml viene valutata ben 5,90 euro

Noureddine Ouazzani


Il vino della settimana: Trebbiano spumante extra brut di Antica Tenuta Pietramore

È ottenuto con metodo charmat con presa di spuma della durata di 50 giorni. Le uve sono raccolte a mano vengono macerate sulle bucce per 12 ore. La fermentazione parte grazie ai lieviti indigeni. Il perlage, ottimamente integrato, non è invasivo

Enrico Rana


L'Abelos Frascati Superiore a firma di De Sanctis è il vino della settimana

Malvasia puntinata, per l’ 80 cento, e il vitigno Bombino per la restante parte. È un bianco da agricoltura biologica dal profumo molto intenso e morbido e caldo al gusto, di grande equilibrio, ben bilanciato tra freschezza e sapidità

Enrico Rana