Saperi

Io e Massimino

La vita si fonda sulle relazioni interpersonali, che fanno sempre la differenza. La morte del professor Massimo Cocchi sta lasciando un grande vuoto, non soltanto nel campo strettamente scientifico, anche su un piano di valore e qualità dei sentimenti. Ecco allora il ricordo di una sua allieva, con la quale ha scritto pure un libro: Il puzzle della vita. L’arte di vivere tra scienza, filosofia, amori e avventure

Clara Benfante

Bellezza, segreti e riflessi. La città eterna con gli occhi di Andrea Camprincoli

Zampilli romani. Passeggiata letteraria tra le fontane della capitale è una boccata d’aria fresca, capace di rivelare l’invisibile, quanto certo, legame tra l’opera e l’ambiente circostante: molti celebri racconti racchiudono in sé passi scaturiti dal gioco di luci e forme di alcune fontane di Roma. I luoghi descritti si caricano di poesia, facendo sognare il lettore e riportandolo con la mente a libri e momenti intramontabili

Marco Lanterna


Nello scantinato dei “pacifisti”: disonestà intellettuale, ignoranza, falsità

Una delle componenti più chiassose della collettività pacifista risiede in coloro che motivano il loro essere innalzando lo stendardo del Credo cristiano. Eppure, quest’ultimo, è un vocabolo che del suo significato originale, e di tutti quelli attribuibili, ha smarrito le radici, perdendosi nelle trame di una società mossa, soprattutto, dalla furbizia e dall’inganno

Antonio Saltini


Oltre l’idea di alimento. Il pane come espressione della storia dei popoli

Simbolo di abbondanza, di religione e sacrificio, ma anche di potere. I significati che questo elaborato dei cereali, interpretato sotto infinite preparazioni, da Occidente a Oriente, porta con sé sono rintracciabili nei numerosi scritti che da sempre lo raccontano e lo collocano nella quotidianità come qualcosa di sacro, ma una sacralità che va oltre il concetto stesso che ci ha insegnato la Chiesa: perché, per molti, “vivere è mangiare pane”

Alfonso Pascale


Vivere la Vita e vivere la Morte

Cosa voglia dire vivere la vita rimane, per molti, un mistero. È più facile riconoscere la morte, perché quando si palesa lo fa con arroganza, ed è impossibile confonderla con altro. Questo non significa che la si accetti, ma una volta conosciuta, paradossalmente, è capace di fornire gli strumenti per comprendere in modo più profondo il senso di quello che riempie i momenti, le emozioni, della quotidianità

Massimo Cocchi

Il delitto contro l’umanità del più furioso dei fanatici: l’estromissione della Russia dalla civiltà occidentale

La Federazione russa si è estraniata dall’Europa, e lo ha fatto attraverso le brutali prassi belliche che hanno invaso l’Ucraina. L’orrore che si è palesato davanti ai nostri occhi è avvenuto per opera di un despota che dei tiranni tartarici ne ricalca con orgoglio le gesta, nel più assoluto disprezzo delle norme che governano la società moderna

Antonio Saltini


Uno scarabeo d’oro: il riconoscimento di cui l’Occidente è in obbligo a Vladimir Putin

Tutte le onorificenze assumono la forma di una medaglia. Mentre per questa caricatura di Pietro il Grande non potrebbe essere altro che uno scarabeo, simbolo supremo dei faraoni egizi, a elogiare le gesta che hanno portato le risorse del proprio Paese a essere gettate a una congrega di parassiti. Con quella che ha sempre definito come un’“operazione speciale” il presidente russo ha portato a conseguenze irreparabili per decenni la propria terra, e lasciamo che sia un ordine non ancora esistente a conferirgli dei meriti. Sì, ma quali?

Antonio Saltini


Trasformare l’ordinario in straordinario. Il tocco taumaturgico di topylabris

Tutti i possibili modi per riutilizzare la plastica creando qualcosa con un’anima totalmente autentica. “Non ha senso buttare un oggetto, sprecare ulteriori risorse per farlo, sommando a quelle impiegate per la sua realizzazione, quando è possibile dargli una seconda vita”, chiarisce in modo inequivocabile l’artista Ornella Piluso

Olio Officina


Nuovi linguaggi e tanta creatività: il nuovo approccio delle case olearie al design

Nel corso dell’undicesima edizione di Olio Officina Festival sono state premiate le aziende vincitrici dei contest Le Forme dell’olio e Le Forme dell’aceto. Il tabloid numero 5 è completamente dedicato alle bottiglie e alle confezioni che si sono rivelate delle nuove espressioni di stili e di innovazione. Proprio perché sono le protagoniste assolute, abbiamo deciso di raccontarvele attraverso poche parole, ma tanti scatti

Chiara Di Modugno

Putin: il delirio di onnipotenza tra filosofia politica e teologia

Ciò a cui stiamo assistendo è già stato tratteggiato in passato da una serie di figure, tutte contrassegnate dal convincimento di possedere un autentico arbitrio sul decorso della storia. Ripercorrere le vicende che hanno segnato momenti precisi ci porta a una comprensione puntuale del presente, perché il complicato e difficile scenario attuale merita una analisi che scenda quanto più possibile nel profondo  

Antonio Saltini


Festeggiamo insieme la Giornata mondiale del libro

Si tratta di un giorno importante, ma noi vogliamo che questo giorno sia dilatato fino a estenderlo dal 23 al 30 aprile, in modo da favorire la lettura e il piacere di realizzare una propria personale biblioteca per oleofili. Cosa abbiamo pensato di fare? Proponiamo il volume Il grande libro dell'olio. Guida ragionevole ai migliori extra vergini del mondo in commercio con un forte sconto. Perché, quando si tratta di far festa, occorre festeggiare bene e con gioia

Olio Officina


Nuove forme e nuove visioni vestono l’olio del domani

I Tabloid di Olio Officina sono delle edizioni speciali. In questo numero 4 in particolare ci siamo soffermati sulle parole di persone che lavorano ogni giorno per esaltare l’olio con elementi quali design, creatività, bellezza. Le loro opere sono espressione di un comparto che vuole rivoluzionarsi, che ha bisogno di nuovi linguaggi per essere raccontato. Così abbiamo raccolto tante storie e tante voci di chi è parte essenziale di questo cambiamento

Chiara Di Modugno


Fasti e nefasti delle “ammiraglie” dei despoti: la Moskva sulla scia della Vittorio Emanuele

Nello scontro di Capo Matapan, il 29 marzo 1941, la flotta britannica Royal Navy annientò quella italiana. La chiave di lettura di storici e studiosi, che hanno sempre narrato amareggiati l’esito a cui si andò incontro, non è così distante dall’affondamento dell’incrociatore nel Mar Nero, anzi è assolutamente identica: un tiranno non può fidarsi di nessuno. Tutti sono responsabili di ogni fallimento, a dimostrazione di queste parole la grande resistenza ucraina davanti a quella che fu la seconda potenza militare del Pianeta

Antonio Saltini

L’inquinamento olfattivo? È un indicatore della qualità della vita

Non si tratta solo di odori forti e relativi fastidi. Un odore molesto può compromettere la salute, rilasciare sostante nocive per l’ambiente e per l’uomo. La realizzazione del saggio Molestie olfattive. Studi metodi e strumenti per il controllo è stata curata gli istituti Isac e Isp del Consiglio Nazionale delle Ricerche, Cnr, l’Istituto Superiore di Sanità, le Università di Trieste e di Bari e l’Arpa delle regioni Sicilia, Puglia e Marche. Il problema è molto complesso, caratterizzato dalla sua stessa imprevedibilità, generando forti preoccupazioni anche per il settore del turismo, perché sebbene non si tratti solo di rischi tossicologici, il disagio che ne deriva è molto ampio e tocca più aspetti

Olio Officina


L'acido oleico nella terapia di molte patologie con declino cognitivo

Un importante e originale studio pubblicato sulla prestigiosa rivista Pnas ne chiarisce l’importante ruolo. Altri acidi grassi come il linolenico non sono utili a generare i nuovi neuroni di memoria e apprendimento in regioni specifiche come l'ippocampo. Una sana dieta ci porta a mantenere efficiente e in salute il nostro cervello

Enrico Bucci


À la mémoire d’un grand philosophe

La vicenda che ritrae la fuga di qualche centinaio di famiglia russa verso la Finlandia fa pensare a quando Jean Paul Sartre, in visita a Mosca, notò che l’estero non era di interesse per i russi. Il suo soggiorno nella capitale lo portò a comprendere che i cittadini avevano trovato pieno appagamento dentro i confini della loro terra e nel loro modo di vivere. Quindi, cosa aspettarsi dai fuggitivi che hanno tentato di trovare la felicità altrove, ma che non potranno più tornare indietro?

Antonio Saltini


Conosciamo davvero come vengono archiviati i ricordi?

Una breve storia dei paradigmi quantistici in psicopatologia. Alcune funzioni cognitive, come l’elaborazione delle informazioni, potrebbero dipendere da operazioni a livello di fisica quantistica in modo più decisivo rispetto a quanto ci si potesse aspettare. Questo è quanto ipotizzato da un gruppo interdisciplinare di scienziati, come Fabio Gabrielli e Ursula Werneke, che, a partire dal 2012, ogni anno, si riunisce in diverse località italiane per presentare progressi e discutere di quanto ottenuto in dibattiti scientifici. Quanto emerso finora può incidere e guidare a nuove e future esplorazioni in questi, e non solo, campi di studio

Massimo Cocchi, Jack Tuszynski

Da cosa è data la bontà delle olive? Ce lo spiega Roberto De Andreis

Centinaia e centinaia di varietà di olive popolano la Terra. Solo in Italia, possiamo vantare oltre cinquecento cultivar. Che sia una un’oliva Taggiasca della Liguria, o una Aloreña della vicina Spagna, il metodo per l’assaggio è esattamente lo stesso. Qual è questo metodo? Ce lo spiega uno dei massimi esperti mondiali, nel suo libro L’assaggio delle olive da tavola. L’autore ci insegna a familiarizzare con un alimento che fa parte della nostra cultura da millenni, e lo fa con un linguaggio comprensibile a tutti, nessuno escluso

Chiara Di Modugno


Quando l'olio è anche fonte di luce

Buone letture. Avete mai pensato al connubio tra luce e olio? Sono due elementi imprescindibili, dove nel volume Luce e olio tra antico e moderno se ne comprende la profondità del loro legame. Il valore dell’olio è innegabile, qualunque sia, o sia stato, il suo impiego nella storia, e in questa pubblicazione ci si trova davanti a molti lati e aspetti che, spesso, non vengono percepiti o compresi

Maria Carla Squeo


Le radici del falso mito che vuole il naturale sinonimo di buono

Artificiale, corrotta, così come le persone che la abitano. La città, per Jean-Jacques Rousseau, è capace di accogliere tutti quegli aspetti umani negativi, che si riflettono negli atteggiamenti e in una cultura che insegna a difendersi dalla menzogna. Contrapposta, la campagna immacolata, con la genuinità dei suoi abitanti. Era il Settecento, ma le convinzioni dello scrittore francese, autore di Giulia o la nuova Eloisa, hanno continuato il loro percorso giungendo fino ai tempi più moderni e attuali, plasmando la mente dei più attraverso le più disparate tecniche di comunicazione

Alfonso Pascale


I lipidi in 50 anni di ricerca

L’opera magistrale di tre grandi maestri - Umberto Pallotta, Pompeo Capella e Edoardo Turchetto - è stata trasmessa, anche nello spirito più profondo, in altrettanti studiosi e amici inseparabili, compagni di vita e di scienza, tra i quali si contempla chi scrive, Lino Frega e Gianni Lercker. Un fortunatissimo passaggio di testimone che, per aspetti diversi ma complementari, nel passaggio generazionale ha portato a sviluppare ricerche sull’affascinante tema dei lipidi nei loro aspetti chimici, tecnologici e metabolici, con in più il coraggio di andare controtendenza a quelli che sembravano fino all’altro ieri assunti inamovibili

Massimo Cocchi

Iscriviti alle
newsletter

Perché leggere le poesie di Bernardo Campagna

Ci sono parole scritte per noi. Possiamo trovarle nei versi di una canzone o tra le righe di un libro, e quando le incontriamo ci sentiamo compresi, finalmente. Se prendete in mano e iniziate a leggere Tu sei per me come questa luna piena capirete che l’autore, Bernardo Campagna, sta parlando proprio a voi. In questa raccolta ci accompagna tra le emozioni e le sensazioni che, inevitabilmente, quando ci innamoriamo, vengono a farci visita. E lo fa con la semplicità e delicatezza di chi solo, certi momenti, li ha vissuti

Chiara Di Modugno


Les taxis parisiens

Racconto. La capitale francese sfreccia nei finestrini dei taxi. Questi sono gli unici mezzi che consentono alla donna di spostarsi: il suo dolore al ginocchio, a volte, è insopportabile. I tragitti sono accompagnati da discussioni in sottofondo tra autisti più o meno capaci di districarsi per la città e la protagonista che, invece, Parigi la conosce. Ma non tiene conto che il marito e il nipote non apprezzano questo suo modo di sottolinearlo, pazienza. In una Parigi, devastata, che vive ancora all’ombra del Covid, può solo sperare che “questo dramma possa avere fine e che «un fleuve joyeux» torni a scorrere”

Mariapia Frigerio


La storia si ripete, colpa del cervello?

In molti si chiedono come mai le lezioni che ci giungono dal passato non ci insegnino nulla. C’è da osservare che le persone possono essere condizionate con l’innesco della paura e con l’offerta di un capro espiatorio. Non resta che evidenziare il disastro psicopatologico che ha investito moltissimi, oggi, con la pandemia in corso, e per il quale pagheremo il conto nei prossimi anni, o per sempre

Massimo Cocchi


La storia di Santagata, casa olearia avanguardista dal lontano 1907

Un’azienda storica, ultracentenaria, quella che i fratelli Santagata, Cristina e Federico, guidano con la stessa passione e lo stesso entusiasmo di chi li ha preceduti. In Una famiglia per l’olio si raccontano e ci accompagnano tra i loro luoghi, facendo rivivere al lettore i momenti che hanno segnato un nome conosciuto in oltre quaranta Paesi

Chiara Di Modugno

Abbiamo vinto alcune sfide, ma non siamo ancora al traguardo

L’Italia che verrà assomiglierà un po’, o tanto, all’Italia che è stata? Rileggendo a distanza il romanzo L’orologio, di Carlo Levi, si scopre quanto sia oggi ancora di grande attualità la sua visione. Tornare su quell’opera pubblicata nel 1950 diventa un sano esercizio di pensiero in questi giorni di vigilia dell’elezione del presidente della Repubblica

Alfonso Pascale


La Vita e il Mare

Il mare ha la propria scrittura nel senso che mostra dei segni attraverso cui comunica, chi da profano si appresta ad interpretarli si distrae e rischia di morire perché travolto dalle onde. Così, come nel mare, nella vita

Massimo Cocchi


‘A tavula è “trazzera”. Quando un “detto” coniuga la valenza del cibo con le relazioni sociali

Qual è il nesso tra la tavola e la trazzera? È presto detto. La tavola è il luogo di “passaggio”, a cui ci si siede anche tra sconosciuti, e chiunque giunga anche d’improvviso è ben accolto. È lo “spazio sacro” che permette di intessere relazioni sociali di ogni sorta. La pandemia ha reso meno trafficate le nostre “trazzere”, ma non cancellerà la nostra identità culturale. Ma cosa succede quando ci si imbatte in alimenti studiati appositamente per creare affezione a un certo tipo di cibo, con soluzioni alimentari che di nutrizionale hanno poco o nulla da dire?

Massimo Cocchi, Grazia Gulino


La vecchia casa

Narrazioni. La domenica se ne andavano al cinema. Lui e lei. Il cinema della piccola città non aveva comode poltroncine in velluto, ma sedili di legno. Quelli che oggi si trovano in certi negozi di modernariato. I racconti sullo schermo restavano per giorni nella memoria. Le notti erano lunghe e non sempre tranquille. Sul letto stavano ore a osservare il dipinto del soffitto

Mariapia Frigerio