Economia

Anna Cane riconfermata alla presidenza del Gruppo olio d’oliva di Assitol

Da sempre attiva nel mondo dell’olio, giunge ora al suo terzo mandato. Il focus non cambia: «continueremo con la valorizzazione del prodotto, sia dal punto di vista alimentare, sia nutrizionale, mettendo in luce il lavoro delle aziende». Al suo fianco Dora Desantis, Giorgio Belfiore e Andrea Colavita, in qualità di vicepresidenti

Olio Officina

Il mercato di olio di semi verso un lento ma progressivo miglioramento

Lo scenario attuale è ancora complesso, ma la situazione si sta stabilizzando. Ad affermarlo è Assitol, l’Associazione italiana dell’industria olearia, nel corso dell’assemblea annuale di settore. Sono ripresi gli approvvigionamenti dall’Ucraina, sospesi per via dell’invasione russa, e ciò garantisce la disponibilità di olio di girasole nei mesi a venire, basilare per molti comparti dell’industria italiana, dall’ambito alimentare a quello energetico, con un consumo annuo di circa 800mila tonnellate

Olio Officina


La sentenza non lascia spazio a interpretazioni: bloccati gli espianti degli ulivi pugliesi affetti da Xylella

I provvedimenti con cui la Regione aveva disposto l’estirpazione degli alberi malati sono stati sospesi. Con ogni probabilità, si ripeterà quanto accaduto in passato, quando per non abbattere 47 ulivi malati, ne sono morti 3.100. Il presidente della Cia Puglia Gennaro Sicolo chiede a gran voce alla magistratura di ascoltare e rispettare le richieste di scienziati e ricercatori, che in questi anni hanno condotto infinite ricerche per studiare le evoluzioni del batterio. Il patrimonio olivicolo pugliese va tutelato, e per farlo occorre dare spazio a coloro che lavorano costantemente sul campo

Roberto De Petro


Mercato delle olive da mensa, i dati Coi aggiornati

Nel corso dei primi cinque mesi della campagna agricola 2021/22 le importazioni intra-Ue hanno visto un aumento pari al 13%, mentre il Consiglio Oleicolo Internazionale ha registrato un calo nel commercio oltre i confini europei: i movimenti in Australia, Brasile e Canada sono diminuiti rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente

Olio Officina


Coi, aggiornamento sul commercio mondiale di olio da olive

Le importazioni nei primi cinque mesi della campagna 2021/2022 hanno subìto un calo in alcuni Paesi, come in Brasile, registrando il 24% in meno rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, e in Canada, con una diminuzione del 40%. Secondo i dati del Consiglio Oleicolo Internazionale, anche le acquisizioni intra-Ue sono diminuite, registrando l’1% in meno rispetto all’anno precedente

Olio Officina

Il mercato oleario negli Usa: focus sulle importazioni

I dati del Consiglio Oleicolo Internazionale, Coi, per l’annata 2020/21 hanno registrato un calo del 3% rispetto alla campagna precedente, per un valore pari a 379.539 tonnellate di olio di oliva vergine importato. I Paesi di riferimento per l’acquisto di olio da olive sono Italia, Spagna e Tunisia, dai quali proviene circa il 78.9% delle importazioni totali

Olio Officina


Lo stato del comparto oleario al 30 aprile 2022

Secondo i dati forniti dall'Icqrf, sulla base dei dati contenuti nei registri telematici dell’olio, gli operatori del settore risultano pari a 22.126, dai quali risultano in giacenza 325.558 tonnellate di oli da olive, con riduzione del 3,9% rispetto al 31 marzo scorso (338.88 t). Le giacenze di olio sono inferiori del 6,0% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno

Olio Officina


Grande successo per l’olio Dop Garda. Fra le dieci più importanti indicazioni geografiche

Qualità e lavoro sinergico i punti di forza. Con oltre 250 tonnellate di produzione Dop, rappresenta la settimana filiera degli oli italiani certificati. Il Consorzio, fondato nel 2004, porta avanti un ampio progetto volto alla valorizzazione e alla tutela di un prodotto simbolo delle sponde dell’omonimo lago, attraverso numerosi canali di comunicazione ed eventi di promozione e formazione. Ad oggi comprende settanta prodotti con denominazione di origine, distribuiti tra Lombardia, Veneto e Trentino-Alto Adige

Olio Officina


Coi, ultimi aggiornamenti sui prezzi alla produzione dell’olio da olive dei mercati principali

Il Consiglio Oleicolo Internazionale ha registrato un calo nel settore italiano del 7,5% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, mentre in Grecia la campagna agricola del 2022 segna un aumento, così come in Spagna, con prezzi attestati pari a 3,25 euro al chilo

Olio Officina

Mercato degli extra vergini, si attendono ulteriori rialzi sui prezzi

Le variazioni sui costi dei prodotti alimentari non accennano a rallentare. Nel caso specifico dell’Evo, i movimenti tendenziali nei mesi di aprile e maggio hanno registrato un aumento dell’11,5%. Dall’indagine condotta da Unioncamere, con la collaborazione di Bmti e Ref Ricerche, emergono dati allarmanti anche per il periodo estivo: l’ipotesi è una accelerazione generale verso valori superiori al 7%. Complici la carenza di approvvigionamenti a causa della guerra in Ucraina, e un contesto socioeconomico che sta ancora subendo gli effetti della crisi sanitaria, lo scenario attuale e quello che si prospetta preoccupa imprese e famiglie

Olio Officina


Il nuovo volto della birra. In Puglia si guarda a nuovi sapori e a una produzione innovativa

La birra agricola è la nuova tendenza. Si tratta di un prodotto nuovo, inventato dalle aziende agricole pugliesi, che punta molto a restituire nuovi gusti: la birra al carciofo ne è un esempio. Per la regione il comparto sta affermandosi con una progressiva ascesa, e anche sul piano nazionale ci sono importanti novità. Cibus Parma è stata l’occasione per siglare un protocollo tra Cia – Agricoltori Italiani e Unionbirrai, e da questa unione si attendono crescita e sviluppi significativi

Roberto De Petro


Occhi puntati su DAJS. Quando un territorio scommette sulle proprie forze

È l’acronimo di Distretto Agricolo Jonico Salentino. Agricolo, non industriale, perché si tratta di un’area storicamente ad alta vocazione agricola. Dopo la terribile tragedia della Xylella, sarà possibile generare un’economia e risorgere dalle ceneri degli ulivi devastati dal batterio?

Anna Maria Sabetta


È record decennale per l’agroalimentare Made in Italy

Con un export pari a 50,1 miliardi di euro, il comparto si conferma uno di più rappresentativi delle produzioni italiane, il primo per valore generato e il più resiliente alla crisi pandemica. I numeri presentati al Forum Ambrosetti: Guerra, Italian Sounding, Sostenibilità. Le sfide per il F&B italiano sono sinonimo di ripresa, nonostante il settore sia migliorato con ritmi più bassi rispetto ad altre categorie. All’evento si è parlato anche di futuro, della necessità dell’intera filiera di adottare politiche per un consumo consapevole e strategie che guardino a un basso impatto ambientale 

Olio Officina

Necessarie nuove visioni per le varietà delle ciliegie pugliesi

La cerasicoltura pugliese traina il settore italiano, restituendo il 35% della produzione totale. Negli ultimi anni, però, le iniziative volte alla promozione e gli investimenti destinati a un miglioramento della qualità sono stati sporadici. Una importante occasione per il rilancio della filiera sarà l’International Cherry Symposium, l’evento di punta che si terrà in occasione del Rimini Expo Center, dove verranno trattate tematiche di diversa natura riguardanti il ciliegio, dalla sua gestione fino ai mercati di riferimento

Roberto De Petro


Un sistema di campionamento olive per giungere a una remunerazione equa degli olivicoltori

Un olio da olive di qualità deve essere venduto a un prezzo che ne riconosca tutto il valore. Lo stesso principio deve avvenire con il pagamento degli agricoltori. Nel 2019, Dcoop ha avviato il progetto Foss allo scopo di migliorare il sistema di campionamento delle olive. I lotti, in questo modo, vengono selezionati preventivamente, prima di essere accettati dal frantoio

Olio Officina


L'aggiornamento del Coi sul commercio delle olive da tavola

Nel periodo compreso tra settembre 2021 e gennaio 2022, è stato registrato un calo delle importazioni in alcuni Paesi extra-Ue rispetto alla campagna dello scorso anno, mentre un aumento del 2% è stato riscontrato nel mercato degli Stati Uniti

Olio Officina


Gli obiettivi di Federolio secondo il neo direttore generale Andrea Marino

In gennaio c’è stato il cambio al vertice della Federazione nazionale del commercio oleario, dopo una lunga stagione che ha visto protagonista Tullio Forcella. Si prosegue con la collaborazione con Unaprol e Coldiretti, puntando alla costituzione di un’organizzazione verticale di settore. Sarà inoltre dato spazio a realtà come Onaoo, per l’analisi sensoriale degli oli, oltre che al metodo per l’accertamento delle sostanze volatili responsabili del fruttato e dei difetti degli oli di oliva vergini

Olio Officina

Importazioni di olio da olive, verso quale direzione si stanno muovendo le tendenze

Le importazioni registrate dall’osservatorio Coi nella campagna 2020/2021 sono diminuite del 9% rispetto a quella precedente. Nonostante questo calo, le importazioni dell’ultima annata restano di 100mila tonnellate al di sopra rispetto alla media degli ultimi anni, un dato sicuramente non trascurabile per comprendere le dinamiche del mercato

Olio Officina


Giugno sarà un mese decisivo per gli oli da olive. Ecco perché

Il rincaro delle quotazioni avrebbe dovuto garantire soddisfazioni ai produttori e agli operatori oleari in genere, ma spesso non è stato così. L'incremento del valore è stato quasi del tutto annullato dai costi che sono nel frattempo lievitati in modo abnorme. Intanto, come ogni anno, tra fine maggio e inizi giugno si avrà un quadro più chiaro delle dinamiche di mercato

Adriano Caramia


Serve agire, e serve farlo adesso. Tutele e politiche mirate per l’ortofrutta pugliese

Nel corso dell’intervista a Giacomo Suglia, presidente dell’Associazione produttori ed esportatori ortofrutticoli della Puglia, Apeo, si è discusso sui molti aspetti che compongono il settore. Pur contribuendo in modo determinante all’economia dell’intero Paese, non mancano le criticità alle quali occorre far fronte, soprattutto a quelle derivanti dai rincari energetici e dal conflitto russo-ucraino. Sono richiesti interventi da parte delle istituzioni a supporto di un comparto che restituisce numeri importanti sia a livello nazionale, sia mondiale

Roberto De Petro


Tra falsi miti e credenze popolari c’è bisogno di fare chiarezza: il biologico spiegato con i numeri

In un precedente articolo ci si è soffermati sugli effetti a cui assisteremmo se si adottassero solo ed esclusivamente coltivazioni dagli standard bio. Alla luce di alcuni esempi riportati, risulta evidente che procedere a questo approccio in modo totale, su ogni coltura, comprometterebbe l’andamento stesso delle produzioni, per poi ricadere in danni economici e sociali di immensa portata. In questa seconda parte, invece, lasciamo che siano le analisi condotte su una serie di alimenti a mostrare quali effettive differenze si possono riscontrare tra i prodotti ottenuti a regime biologico e quelli a regime tradizionale

Alberto Guidorzi

Iscriviti alle
newsletter

Mediatore, mandatario, agente e procacciatore d'affari. Ecco le differenze

Accanto alla figura più nota e antica del mediatore ve ne sono altre, con un profilo e un inquadramento giuridico differente, che è bene conoscere per non incorrere in errore ed equivocare. Ce lo spiega nel dettaglio l'avvocato dell'Ufficio legale di Fimaa, la Federazione Italiana Mediatori Agenti d'Affari

Claudia Bellani


Lo stato del comparto oleario al 31 marzo 2022

Secondo i dati forniti dall'Icqrf, sulla base dei dati contenuti nei registri telematici dell’olio, gli operatori del settore risultano pari a 22.129, dai quali risultano in giacenza 338.881 tonnellate di oli da olive, con riduzione del 6,7% rispetto al 28 febbraio scorso (363.086 t). Le giacenze di olio sono inferiori del 7,5% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno

Olio Officina


Aiuti e interventi mirati per la rigenerazione della Puglia olivicola

Intervista a Donato Pentassuglia. Gli effetti dell’attuale situazione geopolitica stanno gravando su molti comparti dell’agroalimentare. Abbiamo incontrato l’assessore regionale all’agricoltura, che ci restituisce il quadro in cui versa il settore, soffermandosi nello specifico sull’andamento dell’olivicoltura salentina, che deve fare i conti, soprattutto, con il batterio Xylella, prima ancora della crisi economica e sociale, e delle recenti soluzioni adottate. Sarà così possibile avvalersi di una serie di strumenti avanzati per la rilevazione precoce a distanza del batterio, attraverso droni e telerilevamento aereo, accompagnati da una costante campagna di informazione rivolta agli attori della filiera, fondamentale per garantire una totale ripartenza

Roberto De Petro


Osservatorio Sonda, un innovativo e concreto supporto al mondo della ristorazione

La startup nasce in risposta a un contesto frammentato, caratterizzato da nuove abitudini alimentari dei consumatori e da offerte recentemente sviluppate per far fronte agli effetti della pandemia. L’obiettivo è quello di supportare le aziende e i professionisti del Food&Beverage e Hospitality proponendo servizi specifici, quali consulenze strategiche frutto di survey strutturate e analisi dei trend

Olio Officina

È Simone Padovani il neo presidente del Consorzio dell’olio Dop Garda

Rinnovato il Consiglio di amministrazione, con la conferma alla vicepresidenza di Andrea Bertazzi e la presidente uscente, Laura Turri, che prosegue il proprio impegno nel ruolo di consigliere. “Lavoreremo per imprimere ancor più forza e visibilità al nostro extra vergine a marchio Dop, già ai vertici qualitativi della produzione olivicola italiana, consapevoli  che potrà crescere ancora di più in termini di Brand awareness”, ha dichiarato Padovani. Tutti i nomi del nuovo direttivo

Olio Officina


L’olio da olive traina l’importante fatturato di Dcoop

Con 561,84 milioni di euro, il 18,19% in più rispetto al 2020, è il prodotto spagnolo non solo più consumato all’interno dei confini del Paese iberico, ma anche quello più esportato, soprattutto negli Stati Uniti. Il comparto dell’olio di sansa ha raggiunto i 7,34 milioni di euro, registrando quindi un buon andamento. In generale, le vendite relative ai diversi settori segnano una ripresa significativa rispetto all’anno dettato dalla pandemia

Olio Officina


Biologico, solo i numeri contano, non le opinioni dettate dall’ideologia

Pervasi da questa parola, utilizzata in più contesti con tesi volte a sostenerne la validità, non ci si è soffermati a lungo su ciò che comporterebbe una produzione esclusivamente bio. Sia in termini di costi, sia in termini di resa: i dati pubblici non accennano alle produzioni ottenute, ma si conoscono solo le superfici che seguono questi standard. L’attività agricola deve guardare sempre più all’innovazione, senza, però, intraprendere una strada antieconomica 

Alberto Guidorzi


Una olivagione importante per l’olio da olive italiano in uno scenario di grandi incertezze

La guerra in Ucraina ha messo in agitazione il settore alimentare. Ismea ha registrato un aumento medio dei prezzi dell’extra vergine italiano di circa il 27%, mentre il maggiore competitor del settore, la Spagna, ha incontrato rialzi superiori, raggiungendo i 3,77 euro al chilo. Cosa succederà di qui in avanti? Come si comporteranno i consumatori? Intanto emerge un quadro chiaro e completo in cui versa l’intero settore agroalimentare che, nonostante le criticità attuali, non arretra

Olio Officina