Economia

È Olitalia la marca preferita dagli chef italiani

La notizia, diffusa in queste ore, mette in evidenza il ruolo di primo piano dell'azienda specializzata nella produzione di oli e aceti - di cui è proprietaria la famiglia Cremonini - nel suo ruolo di leader in Italia del canale Food Service. A stabilirlo una nuova ricerca Nielsen (ne furono svolte di simili nel 2014 e nel 2017) sulla percezione del brand e del prodotto

Olio Officina

L'aliquota Iva per gli oli di oliva destinati al settore cosmetico resta al 4%

Come si deve comportare sul piano fiscale un'impresa olearia che entra in contatto con un potenziale cliente, produttore di cosmetici, che richiede l'olio extra vergine di oliva? A porre il quesito è stata l'associazione Alfa. La risposta è stata chiara, equiparando gli oli vergini destinati all'alimentazione agli oli, sempre della medesima categoria, destinati a impieghi diversi

Olio Officina


L’euro premia l’export italiano, ma per il settore alimentare e agricolo l’impatto è negativo

L’introduzione della moneta unica europea non ha favorito tutti i comparti economici. È quanto emerge da un recente paper dell’Istituto di ricerca sulla crescita economica sostenibile del Cnr e dell’Università Roma Tre, pubblicato suItalian Economic Journal. È la prima volta che viene condotta nel nostro Paese un’analisi di valutazione delle politiche commerciali con il Synthetic control method

Olio Officina


Lo stato del comparto oleario al 31 luglio 2021

Secondo i dati forniti dall'Icqrf, sulla base dei dati contenuti nei registri telematici dell’olio, gli operatori del settore sono in tutto 23.000, dai quali risultano in giacenza 265.391 tonnellate in giacenza con riduzione del 9,8% rispetto al 30 giugno scorso (294.357 t). Le giacenze di olio sono inferiori del 10,8% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Olio Officina


Le grandi performance commerciali degli extra vergini Bonolio

L’azienda siciliana di Sciacca, presente sul mercato con i brand Bono e Qitterra, cresce sia in Italia, sia all'estero, con un incremento del fatturato 2020 che segna un netto +34%. Si rafforza di conseguenza il posizionamento a scaffale, con una crescita complessiva in volumi del +21,8%. Il fatturato della divisione bottled è di circa 13 milioni di euro. L'export si è rivelato strategico, rappresentando una quota del 47,90%. Quanto alle attestazioni di origine, Bonolio produce il 12% dell’Igp Sicilia e il 90% della Dop Val di Mazara

Olio Officina

Lo stato del comparto oleario al 30 giugno 2021

Secondo i dati forniti dall'Icqrf, sulla base dei dati contenuti nei registri telematici dell’olio, gli operatori del settore sono in tutto 23.000, dai quali risultano in giacenza 294.357 tonnellate, con riduzione del 8,1% rispetto al 31 maggio scorso (320.432 t). Le giacenze di olio sono leggermente inferiori rispetto allo stesso periodo dello scorso anno (-7,5%)

Olio Officina


È sempre una festa quando c'è chi investe in una visione moderna di frantoio

C'è da segnalare, a Imola, un cambio di proprietà per il Frantoio Imolese, una realtà produttiva che si colloca nella nuova Emilia olivicola. Quattro imprenditori - Valter Marcolini, Vanni Angeli, Matteo Gentili e Ermanno Rocca - hanno deciso di trasformare la comune passione per l'olio in una nuova impresa. La neonata società Valsanterno acquisisce l’oleificio e l’oliveto. L'obiettivo dichiarato? Dare nuovo slancio a una realtà unica sul territorio, offrendo servizi a tutto tondo

Olio Officina


Lo stato del comparto oleario al 31 maggio 2021

Secondo i dati forniti dall'Icqrf, sulla base dei dati contenuti nei registri telematici dell’olio, gli operatori del settore sono in tutto 22.956, dai quali risultano in giacenza 320.432 tonnellate di oli da olive, con una riduzione del 7,5% rispetto al 30 aprile scorso (346.462 t). Le giacenze di olio sono leggermente inferiori rispetto allo stesso periodo dello scorso anno (-5,3%)

Olio Officina


È dura battaglia sul fronte, sempre caldo, del settore oleario

Codacons presenta un esposto per “turbativa del mercato e sfruttamento di interessi privati mediante atti di concorrenza sleale”. Lo scontro si sta facendo duro e non si placano gli effetti della bomba innescata di recente da una rivista la cui mission si fonda proprio sui test comparativi. Per arginare una pratica ritenuta poco trasparente, è stato siglato un accordo con il Ministero delle Politiche agricole

Olio Officina

La grande sfida del futuro si gioca sull'agricoltura

Ancora stretta nella morsa pandemica, le prospettive di crescita economica dell'Europa si allontanano. L'emergenza sanitaria ha messo in luce l'importanza del nesso tra salute globale umana e salute globale animale, al punto che l’agricoltura, la zootecnia, l’alimentazione, l’ambiente, diventano come tali argomenti strettamente intrecciati con la salute globale. In quest'ordine di idee ll’agricoltura europea potrà fare la sua parte solo se sarà messa nelle condizioni di innovarsi tecnologicamente per produrre il cibo necessario alle popolazioni e, nel contempo, preservare le risorse ambientali a vantaggio delle generazioni future

Alfonso Pascale


Lo stato del comparto oleario al 30 aprile 2021

Secondo i dati forniti dall'Icqrf, sulla base dei dati contenuti nei registri telematici dell’olio, gli operatori del settore sono in tutto 22.956, dai quali risultano in giacenza 346.462 tonnellate, con riduzione del 5,4% rispetto al 31 marzo scorso (366.284 t). Le giacenze di olio sono leggermente inferiori rispetto allo stesso periodo dello scorso anno (-2,7%)

Olio Officina


Uffa, che noia, l’ennesimo scandalo fotocopia a danno dell’olio extra vergine di oliva

Ormai è un appuntamento fisso con l’emergenza. C’è sempre qualcuno disposto a creare confusione e dar luogo a equivoci che possono solo allontanare il consumatore, spaventandolo con annunci infondati di truffe. Eppure il comparto oleario ha le sue gravi colpe, non solo perché è diviso, ma perché il sospetto è che sia in atto una dura guerra commerciale

Luigi Caricato


nota stampa

L'analisi sensoriale degli extra vergini è una cosa seria. Assitol dice basta ai test "carbonari"

L’Associazione italiana dell’industria olearia interviene in merito all'ennesimo scandalo sugli oli messo in atto da una rivista. Si ritiene "ingiusto attaccare il settore, regolato da leggi rigorose e oggetto di numerosi controlli, in base ad analisi su quantità esigue di prodotto ed effettuate con procedure poco chiare. Il tutto si risolve in una gogna mediatica, che fa male a tutto il mondo oleario"

Olio Officina

Perché la Turchia ha vietato l’esportazione dei suoi oli allo stato sfuso?

La restrizione durerà fino al 31 ottobre 2021 e non è la prima volta che accade per un periodo di tempo così esteso. Sono plausibili le motivazioni dell’alto funzionario del Ministero dell’Agricoltura Harun Seçkin per ragioni legate al Covid? Il Presidente della Aegean Olive Oil Exporters Association, Davut Er, dal canto suo rivendica che tale blocco all’export produrrà danni al settore per centinaia di milioni di dollari. In tutto ciò, quanto ha influito il continuo deprezzamento della lira turca al riguardo? Le nostre considerazioni sulla base delle conoscenze di mercato e della valutazione delle quotazioni dei prezzi

Adriano Caramia


Lo stato del comparto oleario al 31 marzo 2021

Secondo i dati forniti dall'Icqrf, sulla base dei dati contenuti nei registri telematici dell’olio, gli operatori del settore sono in tutto 22.956, dai quali risultano in giacenza 366.284 tonnellate di oli da olive, con uno aumento del 0,5% rispetto al 28 febbraio scorso (364.466 t). Le giacenze di olio sono leggermente inferiori rispetto allo stesso periodo dello scorso anno (-1,3%)

Olio Officina


L'Ispettorato Centrale Repressione Frodi esibisce i muscoli

Il Report 2020 dell'attività operativa dell’Icqrf mette in evidenza il lavoro emerso nel corso dell’anno precedente: oltre 70mila controlli, 1.142 dei quali avvenuti al di fuori dai confini nazionali. E il settore dell’olio, come è messo? Ecco tutti i dettagli

Olio Officina


Lo stato del comparto oleario al 28 febbraio 2021

Secondo i dati forniti dall'Icqrf, sulla base dei dati contenuti nei registri telematici dell’olio, gli operatori del settore sono in tutto 22.956 per un totale di 364.466 tonnellate in giacenza, con aumento del 4,5% rispetto al 31 gennaio scorso (348.707 t). Le giacenze di olio sono leggermente inferiori rispetto allo stesso periodo dello scorso anno (-3,9%)

Olio Officina

I migliori oli marchigiani secondo Olea

Le “Gocce d'Oro” assegnate ai produttori, nell’ambito del concorso “L’Oro delle Marche”, fotografano una regione molto vocata alla qualità. Noi di Olio Officina abbiamo realizzato un numero speciale della rivista Oliocentrico con i “saggi assaggi”, ma ecco cosa è emerso nel corso della edizione numero 21 del concorso organizzato dalla nota scuola d’assaggio

Giorgio Sorcinelli


Quanto è davvero competitiva la filiera olivicola? Il nodo da sciogliere è la questione costi di produzione

Ismea ha realizzato un report con una approfondita analisi della redditività e dei fattori determinanti. Tutto ciò nell’ambito delle attività della Rete Rurale Nazionale. Sono stati analizzati in particolare i processi evolutivi che stanno segnando il comparto, evidenziando le recenti tendenze caratterizzanti l’attuale panorama produttivo e quello degli scambi, approfondendo il tema della competitività in termini di efficiente gestione aziendale e contenimento dei costi di produzione

Olio Officina


È guerra dell’aceto tra Italia e Slovenia

Il Governo italiano ha formalizzato l’atto di opposizione all’adozione della normativa tecnica in materia di produzione e commercializzazione di aceti con il quale si vorrebbe introdurre l’uso, per prodotti generici, della denominazione di “aceto balsamico”

Roberto De Petro


nota stampa

Un nuovo modo di intendere l’olio extra vergine di oliva è possibile

Si sta lavorando con determinazione sui principi di aggregazione e collaborazione fra tutti gli attori della filiera olio - dall’agricoltura all’industria, fino alla distribuzione - in modo da creare un sistema di valori in grado di comunicare e interagire con il consumatore finale. Nel corso dell’originale format di Carapelli Firenze, impegnata periodicamente con una digital conversation sui temi più significativi e attuali, è emerso il valore della sostenibilità. Da qui un focus sul Protocollo adottato dall’azienda, a partire dal rilancio dell’extra vergine a marchio “Il Frantolio” da produzione sostenibile

Olio Officina

Iscriviti alle
newsletter

La rivincita della canapa. Dall’agricoltura al benessere

Tra periodo pandemico e obiettivi sostenibili della Ue, l’utilizzo della canapa - con un THC inferiore allo 0,2%, e perciò senza potere drogante, legale dal 2016 - aumenta sensibilmente anche in Italia. La coltivazione ormai si diffonde e tra l’altro si possono beneficiare vantaggi fiscali per l’avviamento o finanziamenti con una parte a fondo perduto, secondo la regione di appartenenza

Marcello Ortenzi


La forza del brand, il valore della sostenibilità e la scelta della qualità

Intervista a Roberto Sassoni, General Manager Business Unit Italia Carapelli Firenze. L’impegno sulla qualità dei prodotti è riconosciuto e apprezzato da parte dei consumatori, tant’è che il brand è cresciuto del +13% rispetto allo scorso anno, nell’ambito della categoria extra vergine. Così, a partire da questa risposta chiara ed esplicita, si sta investendo ulteriormente con una importante svolta all’insegna della sostenibilità ambientale, sociale ed economica. È il caso, in particolare, del capostipite di gamma il Frantolio

Olio Officina


nota stampa

L'Olio Sasso entra nel registro dei marchi storici di interesse nazionale

L’iconica marca di olio di oliva, che già lo scorso anno si impose al prestigioso Premio Le Forme dell'Olio 2020, con il Premio speciale "Valore storico - La storia siamo noi", ora è stato ufficialmente riconosciuto  tale per iniziativa del Ministero dello Sviluppo Economico, in quanto portatore di valori, avendo contribuito nel corso di oltre 150 anni a innalzare il concetto di Made in Italy e lo stesso tessuto imprenditoriale del Paese

Olio Officina


Lo stato del comparto oleario al 31 gennaio 2021

Secondo i dati forniti dall'Icqrf, sulla base dei dati contenuti nei registri telematici dell’olio, gli operatori del settore sono in tutto 20.626 per un totale di 348.707 tonnellate di oli da olive in giacenza con aumento del 3,7% rispetto al 31 dicembre scorso (336.404 t). Le giacenze di olio sono leggermente inferiori rispetto allo stesso periodo dello scorso anno (-4,0%)

Olio Officina

Si lavora all’ipotesi di un tavolo negoziale con gli Usa sui dazi doganali

Un azzeramento di almeno sei mesi per riprendere le trattative e avviare un dialogo costruttivo tra alleati. Questo l’auspicio, soprattutto ora che si è insediata la nuova amministrazione Biden. Le produzioni agroalimentari di eccellenza del made in Italy necessitano di un intervento decisivo, o, quanto meno, una moratoria

Roberto De Petro


Lo stato del comparto oleario al 31 dicembre 2020

Secondo i dati forniti dall'Icqrf, sulla base dei dati contenuti nei registri telematici dell’olio, gli operatori del settore sono in tutto 20.626 per un totale di 336.404 tonnellate di oli da olive in giacenza, con aumento del 14,9% rispetto al 30 novembre 2020 (292.797 t). Le giacenze di olio continuano a essere superiori rispetto allo stesso periodo dello scorso anno (+12,4%)

Olio Officina


Malumori e proteste in Puglia per le mancate risorse da spendere in agricoltura

Sono a rischio 158 milioni di euro e per fronteggiare l’emergenza sono stati chiamati in causa i parlamentari europei per un sostegno bipartisan al fine di ottenere una deroga bis.La Regione Puglia la chiederà infatti alla Commissione Europea per il secondo anno consecutivo. È paradossale che una istituzione che è di fatto tra le regioni italiane che dispone di maggiori risorse sia l’ultima nell’usufruirne

Roberto De Petro


Come procede il Psr 2014/2020 in Italia?

I dati provvisori, con l’aggiornamento della spesa pubblica al 31 dicembre 2020, sono a tutti gli effetti il termometro con cui viene indicato lo stato di salute dell’agricoltura del Paese. La Puglia è l’unica, fra le regioni e province autonome italiane, a non aver raggiunto il target di spesa previsto

Giuseppe Mauro Ferro