Media

Gli occhi puntati sul bicchiere dell’olio

L'olio al centro di ogni attenzione. Si avvicina il giorno del Forum Olio & Ristorazione, lunedì 27 maggio, e lo sguardo si rivolge al contenitore attraverso il quale si assaggia e si valuta l'olio extra vergine di oliva. In questa foto di Gianfranco Maggio l'artista Ornella Piluso in compagnia dell'oleologo Luigi Caricato

Olio Officina

Aleandro Ottanelli: c’è un grande interesse a livello globale per l’extra vergine

Nell’ambito della tredicesima edizione di Olio Officina Festival, la testimonianza dell’oleologo del Dipartimento di Scienze e tecnologie agrarie, alimentari, ambientali e forestali dell’Università di Firenze ha fatto luce su una esigenza più che diffusa: mettere a coltura quei territori in cui non è mai stato coltivato niente, ma dove l’ulivo riesce a produrre e fruttificare. In Cina questo percorso è già in atto, e altri Paesi, quali Pakistan e alcune regioni dell’India, stanno affacciandosi a tale percorso

Massimiliano Bordignon


Che cosa ci sarà di interessante nel 2024: Enovitis in campo e Simei per l’olivo e l’olio

Nell’ambito della tredicesima edizione di Olio Officina Festival, Monica Pedrazzini, exhibition manager di Unione Italiana Vini, ha presentato le nuove edizioni di “Enovitis in campo” – in programma dal 12 al 13 giugno 2024 a Castel San Pietro Terme, nell’oliveto e nel vigneto di Palazzo di Varignana – la manifestazione fieristica “Simei”, in programma dal 12 al 15 novembre 2024 a Milano Fiera – Rho

Olio Officina


Evviva, ecco svelata la copertina del numero 18 di OOF Magazine

È in corso di stampa ed è già prenotabile. Sarà disponibile a partire dal 27 maggio. Come si evince dagli strilli di copertina, il tema della monografia è tutto incentrato sugli extra vergini dall'origine certificata Dop e Igp. L'appellativo di "oli con nome e cognome" è una brillante e felice intuizione dell'imprenditrice olearia Laura Turri, past president del Consorzio dell'olio Dop Garda. L'illustrazione è di Doriano Strologo

Olio Officina


Alessandro Carassale: l’olio alimentare è qualcosa di recentissimo

Se si rintraccia nella storia dell’alimentazione, si scoprirà che l’olio da olive approda molto tardi sulle tavole delle famiglie. Prima, come spiega lo storico e ricercatore dell’Università di Genova, l’utilizzo era inerente ad altre necessità, come per l’illuminazione delle abitazioni. A Olio Officina Festival 2024 ci si è soffermati sul suo recente volume “Mercanti d’olio” per ripercorrere alcune delle tappe fondamentali dell’olivicoltura a partire dal 1709

Massimiliano Bordignon


Una Giornata mondiale del libro oliocentrica

Poteva forse Olio Officina, nella giornata di martedì 23 aprile, non ricordare ai suoi lettori alcune delle sue pubblicazioni che hanno segnato questi anni di attività editoriale? Noi ci crediamo davvero, nella cultura e nell’importanza di diffonderla attraverso quanti più modi possibili: speriamo di trovare anche in voi un supporto costante. Cliccando qui potete trovare tutti i titoli dedicati agli appassionati oleofili

Olio Officina


Massimo Martinelli: l’importanza delle Dop e Igp per qualificare prodotti di eccellenza

Ma non sono solo questi due elementi ricoprono un ruolo cruciale per la valorizzazione, come afferma nell’ambito della tredicesima edizione di Olio Officina Festival il responsabile produzione e confezionamento di Terre dell’Etruria. Quest’ultima, infatti, ha implementato la propria gamma con gli extra vergini monovarietali – ad oggi tale realtà conta le cultivar Maurino, Leccino, Frantoio e Leccio del Corno – per diffonderne la cultura e far familiarizzare i consumatori con i profumi e i sapori di determinate varietà

Massimiliano Bordignon


Con tutti questi olivi l’olio è assicurato

C'è anche chi investe in olivicoltura in Italia. Questa foto è di Pasquale Manca, il titolare e amministratore delegato di Domenico Manca Spa, azienda a filiera completa con sede ad Alghero, in Sardegna. Sul mercato è presente con il marchio Olio San Giuliano. Con il progetto NovOlivo la famiglia Manca si è impegnata nell'investire in modo concreto, e non solo a parole, in una nuova e più efficiente olivicoltura

Olio Officina


Iscriviti alle
newsletter

Anna Cane: non poter comunicare i benefici dell’Evo in etichetta è un grande limite

Nonostante siano evidenti i benefici salutistici apportati dall’olio extra vergine di oliva, le aziende produttrici non possono riportare diciture a riguardo. O meglio, come spiega la presidente del Gruppo Olio d’oliva di Assitol nell’ambito della tredicesima edizione di Olio Officina Festival, i claim salutistici approvati ci sono, a livello normativo esistono, ma non vengono utilizzati per incomprensibilità da parte del consumatore, e di fatto risultano non fruibili

Massimiliano Bordignon


Le buone letture dell’artista Silvia Rastelli

Nell'ambito della tredicesima edizione di Olio Officina Festival ha dominato la scena con la performance Battesimo dell’arte. Dell’olio il canto, insieme con il musicista e compositore Denny Cavalloni. Oggi, per quanti desiderano di apprezzare le sue opere, vi invitiamo alla Galleria Biffi Arte di Piacenza, dove in esposizione dal 6 aprile fino al 14 maggio si può assistere alla mostra antologica dal titolo fram | menti

Olio Officina


Tullia Gallina Toschi: di cosa parliamo quando diciamo “panel test”

Come spiega la professoressa ordinaria presso l’Università di Bologna, nell’ambito della tredicesima edizione di Olio Officina Festival, si tratta di una valutazione, quella sensoriale degli oli – fatta da persone formate e addestrate – necessaria per classificare gli oli affinché possano essere commercializzati con una specifica denominazione merceologica. È pertanto importante che ci sia una buona riproducibilità, ovvero che il risultato di un panel che si riunisce, per esempio, a Milano, debba coincidere con quello che si riunisce, sempre per ipotesi a Tokyo. Vi sono casi in cui è richiesto l’affiancamento di un altro strumento analitico, ed è l’analisi strumentale

Massimiliano Bordignon


Flavio Lenardon: il progetto “Rinascita” per ridare al Salento la sua identità

Molto più di una bottiglia. La creazione presentata dal presidente del movimento culturale TreeDream, insieme con le aziende salentine Olio Congedi e Ceramiche Benegiamo, alle Forme dell’Olio 2024 è rappresentativa del futuro e porta con sé la volontà di guardare al domani, rispondendo a tutti i danni che l’avvento della Xylella ha causato a un intero territorio e alle sue persone

Massimiliano Bordignon


Giuseppe Capano, uno chef oliocentrico

Maestro di cucina, chef e autore di numerose pubblicazioni, sempre con l'olio al centro dell'attenzione. Nel ritratto di Gianfranco Maggio, lo vedete con il numero 17 di OOF Magazine in evidenza. Nel corso della tredicesima edizione di Olio Officina Festival ha ricevuto il Premio Olio Officina Cultura dell'olio: "il cibo, con lui, non è spettacolarizzazione, ma cultura, condivisione e convivialità"

Olio Officina


L’atto del versare

È un gesto elegante che va curato con ogni dovizia e cura, proprio come quando si versa il vino, perché anche l'olio extra vergine di oliva merita tutte le possibili attenzioni durante il servizio a tavola. Ecco l'Igp Toscano "Antico Borgo", di Terre dell'Etruria, mentre viene versato nel bicchiere nel corso di un "saggio assaggio" a Olio Officina Festival

Olio Officina


Laura Turri: l’olio Garda Dop? Un extra vergine con nome e cognome

Titolare, insieme con i fratelli, dell’omonimo frantoio con sede a Cavaion Veronese, e past president del Consorzio di tutela dell’olio Dop Garda, nella cornice di Olio Officina Festival 2024 fa leva su un discorso che spesso sembra essere dimenticato: bisogna saper comunicare il valore di ogni olio a denominazione di origine protetta, ed è il primo passo per farli conoscere ai consumatori. Nel dettaglio, in merito all’olio Evo gardesano a marchio Dop, la richiesta è molto alta, sia dall’Italia, sia dall’estero, lasciando così spazio ad ampie prospettive di vendita

Massimiliano Bordignon