Acquista il biglietto per Olio Officina Festival

Giovedì 22 Novembre 2018 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

Un corretto studio di shelf life

Un corretto studio di shelf life

Le problematiche inerenti la valutazione della shelf life primaria e secondaria di alimenti lipidici nello studio presentato a Bari in occasione del Congresso Sissg.  Nello specifico sono state analizzate le principali cause di incertezza ed errore che possono derivare dall’adozione delle convenzionali metodologie di stima e previsione della shelf life


I conflitti sulla Xylella

I conflitti sulla Xylella

Duro attacco dell’Associazione Libero Comitato Anti-Xylella dell’Alto Salento nei confronti della Regione Puglia: il batterio continua a farla da padrona grazie agli “equivoci “ del presidente Emiliano. I tecnici e i ricercatori della'associazione ci hanno fatto notare dimenticanze quale l’assenza di riferimento agli “innesti” quale unica pratica realizzabile per tentare di salvare la Piana degli olivi monumentali, e si è vaghi anche sulla ricostruzione del patrimonio olivicolo attraverso il reimpianto


95 sfumature d'olive

95 sfumature d'olive

Nella nuova puntata di "Melaverde", nella prima visione numero 604, questa settimana il giornalista Edoardo Raspelli sarà in Valpantena, nella campagna veronese, a visitare il Frantoio Salvagno. E voi? Ci siete stati?


Più economia con la bioenergia

Più economia con la bioenergia

Il 50% di tutta l'energia "green" nel nostro Paese è prodotta dai residui delle lavorazioni e da specifiche colture energetiche. Durante il recente salone Eima Energy a Bologna, sono stati diffusi i dati sull’impiego di fonti rinnovabili, che dimostrano come l’Italia abbia raggiunto, con due anni di anticipo, la “quota target” assegnata > Marcello Ortenzi


OLIVO MATTO
LUIGI CARICATO Luigi Caricato

Novità in vista di Olio Officina Festival 2019

Pubblicato il 21-09-2018

Fitofarmaci negli oli vegetali

Fitofarmaci negli oli vegetali

I residui di pesticidi sono una preoccupazione costante del consumatore contemporaneo. Sono presenti negli alimenti e proprio per questo, al fine di garantire un livello elevato di protezione,  sono stati fissati a livello europeo dei limiti di legge, i cosiddetti "livelli massimi di residui". Presentiamo uno studio effettuato dal laboratorio Chemiservice, nello spirito del Congresso Sissg che si è tenuto lo scorso ottobre a Bari, a cura della Società italiana per lo studio delle sostanze grasse. Interessanti i risultati analitici di più di 3000 campioni per anno per un periodo compreso tra il 2015 e il 2017


Promuovere l’olio in Italia

Promuovere l’olio in Italia

Vi ricordate, mesi fa, la campagna di promozione istituzionale “Olio Extra Vergine. La sua ricchezza, la nostra fortuna”? Dimenticatela. È stata una iniziativa fallimentare. Una vergogna inaudita. Uno spreco di danaro pubblico senza precedenti. L’iniziativa più mediocre di sempre. Il Ministero delle Politiche agricole si è illuso di poter sensibilizzare i consumatori. Con la solta tiritera: lettura dell’etichetta per conoscere le caratteristiche nutrizionali, le varietà, l’origine, la tracciabilità del prodotto, ma è stata una operazione disastrosa. Vi raccontiamo il perché > Luigi Caricato


La moda del vino biodinamico

La moda del vino biodinamico

“Corno letame” e “corno silice”. Si riempiono le cavità di corna di vacca con del letame o con polvere di quarzo, per poi interrarle. Oggi in molti ne parlano, ma senza conoscere la realtà, con le sue molteplici contraddizioni. La ciliegina sulla torta viene dal Politecnico di Milano: una istituzione scientifica altamente qualificata fa carta straccia del proprio blasone dando voce e legittimazione a una pseudoscienza con derive eugeniste e razziste > Alberto Guidorzi


Aggregarsi, forzando la mano

Aggregarsi, forzando la mano

Una lettera di Mario Tirotto, dell’Azienda agricola Biomirto, a proposito dell’editoriale di Luigi Caricato dal titolo Le gravi colpe degli agricoltori: “nei bandi dei Psr regionali, quasi non si trova traccia di vantaggi per le aggregazioni delle imprese, se non si ungono, con buon olio, questi gangli, difficilmente la cultura individualista si potrà, non dico eliminare, ma almeno iniziare ad invertire la tendenza”


PER IMMAGINI
Le variazioni di colore

Le variazioni di colore

Nella bellissima e fascinosa foto di Aemo, l'Asociación Española de Municipios del Olivopotete osservare i diversi gradi di maturazione della varietà di oliva Manzanilla de Sevilla. Sono stati appositamente raccolti tutti i frutti nel medesimo tempo e dallo stesso albero. Un'altra prova del fatto - ammettono gli esperti di Aemo - che l'agricoltura non è una scienza esatta, e che si deve lavorare con gli opportuni mezzi in modo da prendere le più opportune decisioni, così come il momento ottimale per la raccolta

Più attenzione ai sansifici

Più attenzione ai sansifici

È quanto chiede Assitol, l'associazione italiana per l'industria olearia. La scarsa produzione di olio da olive, unita alla “corsa” ai sottoprodotti olivicoli per il biogas, che usufruisce degli incentivi statali destinati alle fonti rinnovabili, sta mettendo in difficoltà il comparto sansa, anello fondamentale della filiera


Quando maturano le olive

Quando maturano le olive

Non basta soltanto l’occhio e l’esperienza, servono anche strumenti analitici alternativi agli approcci tradizionali. La spettroscopia NIR, per esempio, si rivela uno strumento efficace. La rapida valutazione dell’indice di maturazione è infatti determinante per individuare il momento più opportuno per la raccolta delle olive, al fine di ottenere una buona resa produttiva e una buona qualità dell’olio.  Proseguiamo con la segnalazione dei principali lavori presentati al Congresso Sissg che si è tenuto lo scorso ottobre a Bari, a cura della Società italiana per lo studio delle sostanze grasse


Sommelier ad honorem

Sommelier ad honorem

Luigi Caricato, l’ideatore e direttore del progetto culturale Olio Officina, è stato insignito di un titolo altamente simbolico da parte dell’Ais, l’Associazione italiana sommelier. A Merano, nel corso della edizione numero 52 del congresso nazionale, si è indirettamente riconosciuto all’olio ricavato dalle olive un ruolo da protagonista, non più marginale


Terra in cambio di bambini

Terra in cambio di bambini

Sembra così paradossale, invece è pura realtà. Nell’ultima bozza del disegno di legge di Bilancio è stato inserito un provvedimento che ci riporta indietro di  novant’anni, al tempo di Mussolini. Quell’idea, di ruralizzare l’Italia, restò un mero atto propagandistico, senza conseguenze pratiche. Ieri come oggi, dunque, l’iniziativa sarà un flop. In verità, serve altro: c’è bisogno di creare una interferenza di territorio fra agricoltura, servizi, sistema educativo e ricerca > Alfonso Pascale


Contratti di fornitura olive

Contratti di fornitura olive

Chiamatela pure filiera solidale, è un bell'esempio di come si possa instaurare un legame tra i vari soggetti coinvolti nella produzione di oli da olive. Sono in tutto 542 i contratti di consolidato rapporto tra olivicoltori e frantoiani depositati presso il Consorzio di tutela dell’olio Dop Riviera Ligure


Torna Olio di Famiglia

Torna Olio di Famiglia

Il concorso, organizzato da Terrasud e dedicato agli oli preziosi ottenuti da olivicoltori dilettanti, è giunto alla sua ottava edizione. Ha preso avvio proprio in questi giorni l’edizione targata 2019. Anche se per molte regioni l’olivagione non è stata tra le migliori, si è cercato di dare il meglio. Quello considerato, è un segmento importante, dal momento che circa il 70% delle superfici coltivate in Italia sono a conduzione familiare


Il Sagrantino, un vino di successo

Il Sagrantino, un vino di successo

Secco o passito. A Montefalco è un riferimento da cui non si può prescindere, così come nelle zone intorno, con altri quattro comuni che costituiscono la zona vitivinicola più ricca e varia della “Valle Umbra”. La tradizione vinicola di questo territorio ha origine nel Medioevo > Marcello Ortenzi


L’olio e la vita eterna

L’olio e la vita eterna

È una scoperta scientifica inaspettata e sorprendente, che ha spiazzato tutti, poco inclini come siamo a credere a una notizia così platealmente inverosimile. Eppure, basterebbero solo due minuscoli cucchiai di olio extra vergine di oliva al giorno - ma solo se ad alto contenuto polifenolico - per poter aspirare a vivere se non per sempre, fino alla fine dei tempi, almeno per alcune centinaia di anni. La scoperta in uno studio internazionale senza precedenti. C'è da crederci? > Luigi Caricato


Agricolture multi-ideali

Agricolture multi-ideali

Non possiamo pensare all’agricoltura così come abbiamo pensato finora. Tutto cambia e anche le agricolture, che oggi sono declinate al plurale perché molteplici sono le funzioni, le attività e i modelli che esse esprimono. Oggi si dovrebbe realizzare, in alcune realtà del Mezzogiorno, una ricerca-azione sulla redditività delle esperienze innovative in agricoltura, quelle orientate alla multifunzionalità, ad alto impiego di nuove tecnologie, a forte presenza giovanile e con elevati titoli di studio > Alfonso Pascale


A proposito di aceto di oliva

A proposito di aceto di oliva

A Bari, nel corso del Congresso SISSG che si è svolto in ottobre, ha destato molta curiosità la relazione di Antonella De Leonardis, la quale - insieme con Vincenzo Macciola e Emanuele Marconi e per conto del Dipartimento di Agricoltura, Ambiente e Alimenti dell'Università degli Studi del Molise Campobasso - ha affrontato il tema dei prodotti a uso alimentare a partire dagli scarti oleari. L’aceto di oliva, comparato con altri aceti commerciali, si caratterizza per un elevato contenuto di sostanze minerali e fenoli totali, tra cui soprattutto idrossitirosolo. Si presenta con una nota amara e pare essere un fattibile e promettente prodotto nutraceutico 


È tempo di Terroir Tuscany

È tempo di Terroir Tuscany

È una iniziativa molto coinvolgente, nata grazie all'intuito di Arlene Stein. Così, tra pochi giorni, a partire dal 3 novembre si svolgerà a Seggiano, al Castello di Potentino, un simposio ricco di molti spunti di riflessione e con un grande e qualificato numero di relatori, tra cui, per l'Olive Day, l'oleologo Luigi Caricato


Dop Garda, un’annata record

Dop Garda, un’annata record

In un contesto generale piuttosto infelice, l’area gardesana sta vivendo, al contrario di altri territori, un momento storico quanto mai insolito, per sovrabbondanza di produzione di olive. Al Consorzio dell’olio Dop Garda viene riconosciuta la deroga temporanea per un aumento produttivo di 1500 kg, per un totale di 75 quintali di olive a ettaro


La Toscana per l’olio

La Toscana per l’olio

Un protocollo d’intesa fra enti allo scopo di valorizzare gli oli di qualità certificata e i territori di origine in cui questi si producono. Al centro delle attenzioni la tutela ambientale e paesaggistica, come pure i consumatori, le scuole e il settore ristorativo. Tra le iniziative un tavolo tecnico di coordinamento, il progetto Vetrina Toscana e l'avvio di misure a favore del turismo oleario > Marcello Ortenzi


L’aceto, questo sconosciuto

L’aceto, questo sconosciuto

Siamo certi di conoscere gli aceti? Per non sbagliare, meglio ricorrere al plurale, visto che ve ne sono di tante tipologie. Noi lo abbiamo chiesto a Massimo Malpighi, quinta generazione di una storica famiglia nel modenese. “Nel tempo - ha affermato - si sta facendo conoscere sempre più, nella maniera giusta. Sta diventando un ingrediente da utilizzare in cucina”. Tra gli aceti spicca il balsamico, il quale “non è ancora considerato una commodity, quanto piuttosto una delicatessen”. C’è anche il segmento del biologico, “ma i numeri non sono poi così elevati” > Luigi Caricato


L’etica del fare

L’etica del fare

In una Italia senza più riferimenti, con una olivicoltura che non vuole modernizzarsi, adeguando i criteri di coltivazione, c’è chi scommette sul futuro e guarda in avanti con la consapevolezza di aver fatto il proprio dovere. La scommessa della famiglia Manca, di Olio San Giuliano, ad Alghero è la prova evidente che il cambiamento si può mettere in atto partendo da se stessi, non aspettando che qualcuno ci tenda la mano > Luigi Caricato


L'olio guarda al futuro

L'olio guarda al futuro

Una tre giorni dedicata all'olio da olive a Pitigliano, in provincia di Grosseto. Con un convegno, "Con Dire ovvero un tufo nell’olio. Dagli etruschi al futuro", alla presenza di Luigi Caricato, Cosimo Taiti, Sveva Di Martino e Fabio Fabbri. Con laboratori, alla presenza di Simona Piccini, Fabio Menchetti e della chef Valeria Piccini


Il congresso Sissg 2019

Il congresso Sissg 2019

Cosa si è visto a Bari, nelle immagini del fotografo Giuseppe Maria Lacitignola. La bellezza di una sala, un pubblico di qualificati studiosi ed esperti del settore oli e grassi che si sono ritrovati presso l'Università Aldo Moro di Bari. Tanta voglia di acquisire nuovi saperi


È arrivata Vitae 2019

È arrivata Vitae 2019

"Giunti al quinto anno di pubblicazione - precisa il presidente nazionale dell'Associazione italiana sommelier Antonello Maietta - per dare 'lustro' alla nostra guida abbiamo rinnovato l’impianto grafico, alla ricerca di un’impostazione più fresca e leggera, che consenta di razionalizzare i contenuti e di renderne la fruizione più rapida e intuitiva. Una soluzione particolarmente efficace, che favorisce sia una lettura più attenta e approfondita, sia una consultazione più pratica e immediata"


INOLTRE
OLTRE

La Xylella fastidiosa in Corsica

AGRICULTURE.GOUV.FR

PARTNERS
Enoplastic Coltura&Cultura Casa dell'Olivo Olea Donne dell'Olio Olio di Famiglia
LA PAROLA

Frìggere

v. tr. e intr. [lat. frīgĕre] - cuocere in olio, burro o in grasso bollente

CHE OLIO SEI

L’olio secondo Gualtiero Marchesi

Lo scrittore Nicola Dal Falco incontra il padre nobile della cucina italiana per un confronto su una materia prima tanto pregiata qual è il succo di oliva. “Quando vivevo con i miei genitori – racconta il grande cuoco – la merenda ideale era di versare l’olio sul piatto e, poi, intingere con del pane casalingo, tagliato a fette. Buonissimo”

Le scelte di Camilla Guiggi

Blogger e degustatrice, si sofferma sull’analisi sensoriale di vari alimenti, in particolare sul vino, senza trascurare l’olio da olive, che non manca mai sulla sua tavola. Ha una predilezione per i monocultivar: da olive Cellina di Nardò, Picholine e Moraiolo in particolare. Non trascura nemmeno gli oli “altri”: quello di Lentisco, sardo; o l’olio di nocciola tonda gentile del Piemonte. Ed evidenzia infine una anomalia: “è difficile trovare ristoranti dotati di un’ampia gamma di oli

Le scelte di Alessandra Lofino

Giornalista e blogger pugliese, con una grande passione per la cucina e i buoni frutti della terra. Predilige gli oli ottenuti da due cultivar: la Leccina, dal sapore delicato, del sud est barese, e la Coratina, del nord barese, dal piacevole piccantino. Il suo ristorante oliocentrico preferito è Menelao a Santa Chiara, di Michele Boccardi, nel centro storico di Turi

Le scelte di Valeria Biagi

Si occupa di letteratura ed è vicepresidente del Centro Studi Sirio Giannini, autrice di un libro dedicato agli scrittori della provincia di Lucca. La sua famiglia produce olio da molte generazioni, ma a scopo esclusivamente privato, nella campagna versiliese. Il ristorante oliocentrico preferito? L'Antico Uliveto di Seravezza

Le scelte di Marina Ferrara

Sempre e solo olio extra vergine di oliva, e, devo dire - ammette l'artista e transformational coach - che anche quel poco di burro della tradizione trentina, da parte di madre, è quasi del tutto scomparso. Il padre napoletano ha influito molto. L'alimento è unico, senza dubbio, ma l'altro senso che l'olio stimola in lei, è quello del tatto nella sua essenza oleosa, spesso utilizzato anche nei trattamenti olistici > Silvia Ruggieri

Le scelte di Antonella Millarte

Giornalista sempre attenta alle materie prime di cui ci s nutre, non smette mai di cercare e segnalare le migliori produzioni in circolazione, e, tra i fornelli si muove con agilità e voce narrante. Ama gli oli Coratina e Nocellara del Belice, come pure il blend di Ogliarola e Leccina. Il suo ristorante oliocentrico? Antichi Sapori, di Pietro Zito

RITRATTI AD OLIO

Olivagione al femminile

La galleria fotografica che potete ammirare è di Stefano Triulzi. Le olive sono tutte di cultivar Taggiasca, proprietà di Ivano Brunengo. Siamo in Liguria. La donna che vedete, intenta a raccogliere i preziosi frutti che si tramuteranno in olio, non è una olivicoltrice ma un’antropologa del cibo: Giulia Ubaldi. "Vivere l’emozione della raccolta, è questo che ci permette di capire cosa sia e quanto valga una materia prima così fondamentale qual è l’olio ricavato dalle olive > Luigi Caricato

L’emozione di chi assaggia

Cosa significa apprendere l’arte della valutazione sensoriale degli oli da olive? Cosa accade dopo aver frequentato un corso di assaggio e aver scoperto le infinite potenzialità che si celano dietro una materia prima che tanti consumano ma senza conoscerne appieno l’identità e le tante potenzialità espressive? Il fatto è che si acquista un olio immaginando che sia eccellente per partito preso, solo perché lo si è prodotto; eppure le sorprese non mancano. La testimonianza di Marco Tribuzio, vice presidente di Confcooperative Bari-Bat

L’unione fa la forza

Si è sempre detto che gli italiani non siano in grado di realizzare progetti comuni e condivisi, inadatti come sono a mettersi insieme e collaborare. E’ drammaticamente vero, ma ci sono le eccezioni. E’ il caso positivo di Domenico Fazio, Giampaolo Lupi e Carlo Bianchi, tutti e tre impegnati a valorizzare i propri extra vergini a partire dal marchio collettivo "Da Vinci" > Luigi Caricato

Il passato lascia tracce

L’azienda agraria della famiglia Clarici a Foligno vanta una tradizione ben radicata, come ben dimostrano alcune tra le immagini tratte dall’archivio storico che vi proponiamo. Ora, la nuova generazione, la quinta, con Pietro e Maria Elisabetta ha in programma un ambizioso progetto di recupero dell’antica struttura > Luigi Caricato

Sì alla terra e agli ulivi

Perché pensare che il lavoro agricolo sia solo pura tecnica e fatica, senza alcuno spazio per i sentimenti e le emozioni? Teresa Marinucci Palermo, molisana di Rotello, a 38 anni produce olio insieme con la famiglia. Le colline sulle quali gli olivi campeggiano, sembrano contorni di corpi femminili dalle linee dolci e morbide. L’olio ricavato dalle olive è per lei elemento indispensabile come l'acqua

Un po’ d’olio per iniziare

Pane e olio, qualunque sia il cibo e il vino che seguiranno. Parola di Aimo Moroni, patron del ristorante Luogo di Aimo e Nadia di Milano. “Ogni volta che mi chiedono il perché, rispondo che l’olio nel piatto riguarda un po’ la mia storia, molto la cultura di questo Paese e altrettanto se non di più la salute”. E aggiunge: “Resto debitore del motto di Ippocrate secondo cui l’alimento è medicamento” > Nicola Dal Falco

ALTRE INCURSIONI
Luigi Caricato
L'INCURSIONE

LUIGI CARICATO

DIXIT
MERCATI

Quotazioni di mercato per gli oli da olive
del 20 novembre 2018

ESTERO
  • Grecia
  • Spagna
  • Tunisia
  • Marocco
ITALIA
  • Andria
  • Bitonto
  • Sud Puglia

a cura di Adriano Caramia, Noureddine Ouazzani, Ettore Campobasso, Domenico Petrosillo

SAGGI ASSAGGI
Riviera Garda Classico Chiaretto

Riviera Garda Classico Chiaretto

Non solo per l’olio, il Garda è altrettanto apprezzato anche per i suoi vini, il chiaretto in particolare fa la sua bella figura. Come per esempio quello prodotto da Il Roccolo, profumi fruttati e floreali, gusto fresco, fine e sapido

Non solo biologico, anche biodinamico

Non solo biologico, anche biodinamico

È l’extra vergine del Podere Forte, un Dop Terra di Siena che poggia sugli elementi cardine del germoplasma olivicolo toscano, ovvero la triade varietale Frantoio, Moraiolo, Leccino, unitamente a una parte di Olivastra Seggianese. Un olio a tutto tondo, versatile, dal fruttato medio > Maria Carla Squeo

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

Corzetti o croxetti?

Corzetti o croxetti?

Valgono entrambi i nomi. Si tratta di una pasta tipica della cucina ligure, composta da acqua, farina di grano e sale. Si abbina benissimo alla cipolla egiziana ligure cruda, come pure a una crema di peperoni e al tartufo nero della Val Bormida. Immancabile l'olio extra vergine di oliva Taggiasca in purezza > Marco Damele

EXTRA MOENIA
Trent’anni di Laudemio Frescobaldi

Trent’anni di Laudemio Frescobaldi

Storie aziendali di successo. La filosofia dei Frescobaldi si riassume nella frase “Cultivating Toscana Diversity”, che sancisce il legame della famiglia con la varietà del territorio toscano. Sono quattro le regole dell'eccellenza da seguire. L’obiettivo è ottenere sempre il più alto livello di qualità nell’assoluto rispetto della tipicità. Da qui l'esempio di un progetto, il Laudemio, che ha dato lustro e valore all'olio extra vergine di oliva

Un protocollo d'intesa per valorizzare l'olio italiano

Un protocollo d'intesa per valorizzare l'olio italiano

Fare squadra. È l'ambizioso obiettivo che è stato sottoscritto dal presidente e ad Carapelli Firenze SpA Pierluigi Tosato, del gruppo Deoleo, e dal presidente di Cia-Agricoltori Italiani Dino Scanavino. L'accordo è stato siglato a Roma e punta su innovazione e sviluppo del mercato degli oli extra vergini  di oliva di qualità superiore. 

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

Il nuovo sito web che ospita Olio Officina Edizioni

Il nuovo sito web che ospita Olio Officina Edizioni

Abbiamo collocato on line il sito della nostra casa editrice. Uno strumento utile per saperne di più sulle nostre pubblicazioni, sia cartacee, sia telematiche. Il nuovo sito è sul dominio olioofficina.eu, e affianca quelli di Olio Officina Magazine (olioofficina.it), Olio Officina Globe (olioofficina.net) e Olio Officina Festival (olioofficina.com). Buona navigazione > Luigi Caricato

OO VIDEO

Il racconto di Olio Officina Festival 2018

A Milano, dall'1 al 3 febbraio 2018, con tema portante "Io sono un albero". Le emozioni attraverso le immagini di una tre giorni interamente dedicata all'olio da olive e ai condimenti

Cosa succede alle olive in frantoio

L'arrivo delle olive in frantoio, in un video amatoriale in cui si racconta - per immagini e suoni originali, senza alcun montaggio - il processo di produzione. Il frantoio, il più importante, grande ed efficiente in Sicilia, si trova a Sciacca, proprietà della famiglia Bono e dell'azienda conosciuta e apprezzata per i suoi oli a marchio Bonolio

In attesa di Olio Officina Festival 2019

L'ottava edizione di OOF 2019 è in programma a Milano nei giorni 31 gennaio, 1 e 2 febbraio 2019, presso il Palazzo delle Stelline, in corso Magenta 61. Mentre fervono i preparativi, ecco alcune immagini del festival. Il tema portante del prossimo appuntamento è NOSTRA SIGNORA PUBBLICITÀ, ovvero come comunica e si promuove l'olio da olive.

BIBLIOTECA OLEARIA
L’olivo nell'area mediterranea

L’olivo nell'area mediterranea

Olive Tree in the Mediterranean Area. A Mirror of the Tradition and the Biotechnological Innovation. La tradizione, l'innovazione biotecnologica. È su questi piani che si delinea il volume di cui è autrice principale, e curatrice, Anarita Leva. È un libro che si prospetta davvero interessante per l'industria vivaistica, nonché per quella agrobiotecnologica e cosmetica, oltre che a tutti coloro che sono sempre più legati alla crescente domanda di prodotti naturali e al richiamo dei polifenoli intesi come antiossidanti e stabilizzanti naturali degli alimenti

OOF International Magazine numero 5

OOF International Magazine numero 5

Una monografia interamente dedicata all’arte e alla scienza del blending e agli extra vergini a misura dei mercati. Ogni numero un tema specifico. È la rivista trimestrale cartacea di Olio Officina, in edizione bilingue italiano/inglese