Acquista il biglietto per Olio Officina Festival

Lunedì 10 Dicembre 2018 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

Fatti, non solo parole

Fatti, non solo parole

Le risposte, concrete, del Fooi alle difficoltà dell’ultima campagna olearia. Cosa significa dire olio? Tante cose, tra cui ambiente e salute. Ecco perché la Filiera olivicola e olearia italiana si è riunita a Roma per valorizzare l’olio 100% italiano. L’acquirente, in sostanza, paga al produttore 40 centesimi al kg in più sul prezzo medio dell’extra vergine di produzione nostrana. Presto, inoltre, la costituzione di un Comitato tecnico scientifico, e, soprattutto, un confronto con Gdo e associazioni dei consumatori 


Sottoprodotti o risorsa?

Sottoprodotti o risorsa?

Quelli della filiera olearia: un problema per l’impatto ambientale e quindi per tutto quello che è correlato allo smaltimento. Allo stesso tempo, però, essi rappresentano una fonte importante di molecole potenzialmente bioattive che possono essere recuperate ed utilizzate in vari settori, da quello bio-medico a quello alimentare


I trentacinque anni di Onaoo

I trentacinque anni di Onaoo

Le date parlano chiaro: 1983-2018. L’Organizzazione Nazionale Assaggiatori Olio di Oliva ha festeggiato a Roma il suo storico anniversario, in occasione del quarto Meeting Internazionale alla presenza dei suoi associati provenienti da diverse parti del Mondo. Tante le occasioni di cultura


Cosa significa Onaoo

Cosa significa Onaoo

Il foto reportage della festa dei 35 anni dell'Organizzazione Nazionale Assaggiatori Olio di Oliva a Roma. Tanti volti, tante storie, tante persone da Italia, Francia, Taiwan, Grecia, Cile, Turchia, Svizzera, Belgio, Danimarca, Norvegia, Giappone, U.S.A., Olanda e Ucraina, unite nel nome dell'olio


OLIVO MATTO
LUIGI CARICATO Luigi Caricato

Novità in vista di Olio Officina Festival 2019

Pubblicato il 21-09-2018

Gli eccellenti oli del Marocco

Gli eccellenti oli del Marocco

Con la supervisione di Agro-pôle Olivier, si sono svolte anche quest’anno le accurate selezioni dei migliori extra vergini marocchini, alla presenza di una composita giuria internazionale di dieci super esperti, presieduta dall’eminente studiosa di analisi sensoriale italiana Franca Camurati. Ecco i vincitori del Trophée Premium Volubilis Extra-Vierge Maroc 2018


I migliori oli di Puglia 2019

I migliori oli di Puglia 2019

Ecco, a beneficio di chi crede con piena convinzione nella qualità alta degli extra vergini, la "Selezione Ais" delle eccellenze pugliesi dell'ultima, difficilissima, olivagione 2019. Molto bravi i produttori che hanno saputo gestire una campagna olearia complessa e avara. Questa prima edizione inaugura una brillante iniziativa cura dell'Associazione Italiana Sommelier Puglia


Pietra su pietra

Pietra su pietra

L'Unesco, l'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Educazione, la Scienza e la Cultura, ha iscritto "L'Arte dei muretti a secco" nella lista degli elementi immateriali dichiarati Patrimonio dell'Umanità. Un riconoscimento che ha un suo grande valore nel riconoscere la centralità dell'intervento dell'uomo sulla natura. La soddisfazione del presidente del Comitato Promotore Taggiasca Dop, Roberto De Andreis: "si riconosce la fatica di tante generazioni di agricoltori. Così possiamo salvare l'identità della Liguria"


L’ambiente, prima di tutto

L’ambiente, prima di tutto

Si è discussa in vari eventi l'utilità della produzione di biometano per intervenire sui problemi climatico-ambientale. Secondo il Comitato Termotecnico Italiano, il biometano sarebbe in grado di ridurre l’immissione di gas serra di almeno il 75% rispetto a quella dei combustibili fossili, rivelandosi quindi fondamentale per la lotta contro il surriscaldamento globale > Marcello Ortenzi


PER IMMAGINI
Il colore è verde

Il colore è verde

La pasta delle olive. Il momento prima che si estragga tutto l’olio estraibile

Cosa non fa l’Italia dell’olio

Cosa non fa l’Italia dell’olio

Quanti sono gli imprenditori italiani che investono all’estero? Quante le imprese che coltivano olivi e gestiscono frantoi al di fuori dei confini nazionali? Quanti i confezionatori che acquistano oli dall’estero e ne curano la commercializzazione in ogni angolo del mondo? > Luigi Caricato


Energia dagli scarti oleari

Energia dagli scarti oleari

Le nuove tecnologie di estrazione, oltre a fornire un olio di migliore qualità, permettono anche importanti benefici ambientali, eliminando la necessità di aggiungere grandi quantità d'acqua al processo e limitando il problema dello smaltimento delle acque di vegetazione. La produzione e l’utilizzo del biogas da sottoprodotti dell’industria olearia porta oggi a una svolta. Così, dagli oneri di smaltimento si passa alle opportunità di reddito delle aziende


L'olio da olive salva l'ambiente

L'olio da olive salva l'ambiente

Il Consiglio oleicolo internazionale ha sviluppato un algoritmo per calcolare l’impronta di carbonio dell'olio di oliva.  È quanto è emerso da un seminario che ha riunito i massimi esperti mondiali del tema, dove è stato ribadito che con un litro di olio prodotto si catturano ben 10,65 kg di CO2 dall’atmosfera e che addirittura l’intera produzione mondiale di oli da olive sia in grado di assorbire le emissioni di una città di oltre sette milioni di abitanti, grande come Hong Kong


I consumi d’olio cambiano

I consumi d’olio cambiano

Una indagine su un campione di mille italiani tra i 18 e i 65 anni ci fa comprendere come il passaggio da commodity a bene di valore sia una strada possibile. Tra i canali preferiti per la conoscenza delle novità il passaparola risulta lo strumento più efficace. Le prospettive intanto sono rosee, anche nei consumi fuori casa. Il mercato dell'olio da olive di qualità vale oro. È quanto emerge dalla ricerca Nomisma commissionata da Frescobaldi in occasione del trentesimo anniversario del Laudemio Frescobaldi


La disperazione di Italia olivicola

La disperazione di Italia olivicola

Frantoi chiusi, oleifici cooperativi completamente inoperosi. Per la neonata organizzazione di olivicoltori c'è solo un quadro a tinte fosche. Nessuna progettualità proposta, solo la richiesta del varo di un nuovo Piano olivicolo nazionale. Più che ricerca di soluzioni, si chiede l'attenzione dei politici


Misure di emergenza per Xylella

Misure di emergenza per Xylella

È stato pubblicato l'atteso decreto, con le modifiche introdotte allo scopo di far fronte alle problematiche del batterio che sta decimando gli olivi in Puglia. Tali modifiche riguardano in particolare l’aggiornamento dell'area infetta, come pure le misure di lotta agli adulti del vettore, con riduzione da quattro a due del numero minimo di trattamenti insetticidi obbligatori, da somministrarsi non più tra maggio e dicembre ma tra maggio e ottobre. Il documento da scaricare


L'olio di Puglia al centro

L'olio di Puglia al centro

Prende corpo quest'anno a Villa Castelli, nel cuore della Valle d’Itria, il primo Festival dell’olio extra vergine di oliva pugliese. Valorizzare tutti gli olivi e tutti gli oli che vi si producono,  dal Gargano al Salento. dare seguito a un nuovo corso per l'olivicoltura. L'appuntamento è per sabato pomeriggio, primo dicembre. Un convegno, una tavola rotonda,  degustazioni e premi ai migliori oli e alle più belle foto


Un corretto studio di shelf life

Un corretto studio di shelf life

Le problematiche inerenti la valutazione della shelf life primaria e secondaria di alimenti lipidici nello studio presentato a Bari in occasione del Congresso Sissg.  Nello specifico sono state analizzate le principali cause di incertezza ed errore che possono derivare dall’adozione delle convenzionali metodologie di stima e previsione della shelf life


I conflitti sulla Xylella

I conflitti sulla Xylella

Duro attacco dell’Associazione Libero Comitato Anti-Xylella dell’Alto Salento nei confronti della Regione Puglia: il batterio continua a farla da padrona grazie agli “equivoci “ del presidente Emiliano. I tecnici e i ricercatori della'associazione ci hanno fatto notare dimenticanze quale l’assenza di riferimento agli “innesti” quale unica pratica realizzabile per tentare di salvare la Piana degli olivi monumentali, e si è vaghi anche sulla ricostruzione del patrimonio olivicolo attraverso il reimpianto


95 sfumature d'olive

95 sfumature d'olive

Nella nuova puntata di "Melaverde", nella prima visione numero 604, questa settimana il giornalista Edoardo Raspelli sarà in Valpantena, nella campagna veronese, a visitare il Frantoio Salvagno. E voi? Ci siete stati?


Più economia con la bioenergia

Più economia con la bioenergia

Il 50% di tutta l'energia "green" nel nostro Paese è prodotta dai residui delle lavorazioni e da specifiche colture energetiche. Durante il recente salone Eima Energy a Bologna, sono stati diffusi i dati sull’impiego di fonti rinnovabili, che dimostrano come l’Italia abbia raggiunto, con due anni di anticipo, la “quota target” assegnata > Marcello Ortenzi


Fitofarmaci negli oli vegetali

Fitofarmaci negli oli vegetali

I residui di pesticidi sono una preoccupazione costante del consumatore contemporaneo. Sono presenti negli alimenti e proprio per questo, al fine di garantire un livello elevato di protezione,  sono stati fissati a livello europeo dei limiti di legge, i cosiddetti "livelli massimi di residui". Presentiamo uno studio effettuato dal laboratorio Chemiservice, nello spirito del Congresso Sissg che si è tenuto lo scorso ottobre a Bari, a cura della Società italiana per lo studio delle sostanze grasse. Interessanti i risultati analitici di più di 3000 campioni per anno per un periodo compreso tra il 2015 e il 2017


Promuovere l’olio in Italia

Promuovere l’olio in Italia

Vi ricordate, mesi fa, la campagna di promozione istituzionale “Olio Extra Vergine. La sua ricchezza, la nostra fortuna”? Dimenticatela. È stata una iniziativa fallimentare. Una vergogna inaudita. Uno spreco di danaro pubblico senza precedenti. L’iniziativa più mediocre di sempre. Il Ministero delle Politiche agricole si è illuso di poter sensibilizzare i consumatori. Con la solta tiritera: lettura dell’etichetta per conoscere le caratteristiche nutrizionali, le varietà, l’origine, la tracciabilità del prodotto, ma è stata una operazione disastrosa. Vi raccontiamo il perché > Luigi Caricato


La moda del vino biodinamico

La moda del vino biodinamico

“Corno letame” e “corno silice”. Si riempiono le cavità di corna di vacca con del letame o con polvere di quarzo, per poi interrarle. Oggi in molti ne parlano, ma senza conoscere la realtà, con le sue molteplici contraddizioni. La ciliegina sulla torta viene dal Politecnico di Milano: una istituzione scientifica altamente qualificata fa carta straccia del proprio blasone dando voce e legittimazione a una pseudoscienza con derive eugeniste e razziste > Alberto Guidorzi


Aggregarsi, forzando la mano

Aggregarsi, forzando la mano

Una lettera di Mario Tirotto, dell’Azienda agricola Biomirto, a proposito dell’editoriale di Luigi Caricato dal titolo Le gravi colpe degli agricoltori: “nei bandi dei Psr regionali, quasi non si trova traccia di vantaggi per le aggregazioni delle imprese, se non si ungono, con buon olio, questi gangli, difficilmente la cultura individualista si potrà, non dico eliminare, ma almeno iniziare ad invertire la tendenza”


Più attenzione ai sansifici

Più attenzione ai sansifici

È quanto chiede Assitol, l'associazione italiana per l'industria olearia. La scarsa produzione di olio da olive, unita alla “corsa” ai sottoprodotti olivicoli per il biogas, che usufruisce degli incentivi statali destinati alle fonti rinnovabili, sta mettendo in difficoltà il comparto sansa, anello fondamentale della filiera


Quando maturano le olive

Quando maturano le olive

Non basta soltanto l’occhio e l’esperienza, servono anche strumenti analitici alternativi agli approcci tradizionali. La spettroscopia NIR, per esempio, si rivela uno strumento efficace. La rapida valutazione dell’indice di maturazione è infatti determinante per individuare il momento più opportuno per la raccolta delle olive, al fine di ottenere una buona resa produttiva e una buona qualità dell’olio.  Proseguiamo con la segnalazione dei principali lavori presentati al Congresso Sissg che si è tenuto lo scorso ottobre a Bari, a cura della Società italiana per lo studio delle sostanze grasse


Sommelier ad honorem

Sommelier ad honorem

Luigi Caricato, l’ideatore e direttore del progetto culturale Olio Officina, è stato insignito di un titolo altamente simbolico da parte dell’Ais, l’Associazione italiana sommelier. A Merano, nel corso della edizione numero 52 del congresso nazionale, si è indirettamente riconosciuto all’olio ricavato dalle olive un ruolo da protagonista, non più marginale


INOLTRE
OLTRE

La Xylella fastidiosa in Corsica

AGRICULTURE.GOUV.FR

PARTNERS
Enoplastic Coltura&Cultura Casa dell'Olivo Olea Donne dell'Olio Olio di Famiglia
LA PAROLA

Frìggere

v. tr. e intr. [lat. frīgĕre] - cuocere in olio, burro o in grasso bollente

CHE OLIO SEI

L’olio secondo Gualtiero Marchesi

Lo scrittore Nicola Dal Falco incontra il padre nobile della cucina italiana per un confronto su una materia prima tanto pregiata qual è il succo di oliva. “Quando vivevo con i miei genitori – racconta il grande cuoco – la merenda ideale era di versare l’olio sul piatto e, poi, intingere con del pane casalingo, tagliato a fette. Buonissimo”

Le scelte di Camilla Guiggi

Blogger e degustatrice, si sofferma sull’analisi sensoriale di vari alimenti, in particolare sul vino, senza trascurare l’olio da olive, che non manca mai sulla sua tavola. Ha una predilezione per i monocultivar: da olive Cellina di Nardò, Picholine e Moraiolo in particolare. Non trascura nemmeno gli oli “altri”: quello di Lentisco, sardo; o l’olio di nocciola tonda gentile del Piemonte. Ed evidenzia infine una anomalia: “è difficile trovare ristoranti dotati di un’ampia gamma di oli

Le scelte di Alessandra Lofino

Giornalista e blogger pugliese, con una grande passione per la cucina e i buoni frutti della terra. Predilige gli oli ottenuti da due cultivar: la Leccina, dal sapore delicato, del sud est barese, e la Coratina, del nord barese, dal piacevole piccantino. Il suo ristorante oliocentrico preferito è Menelao a Santa Chiara, di Michele Boccardi, nel centro storico di Turi

Le scelte di Valeria Biagi

Si occupa di letteratura ed è vicepresidente del Centro Studi Sirio Giannini, autrice di un libro dedicato agli scrittori della provincia di Lucca. La sua famiglia produce olio da molte generazioni, ma a scopo esclusivamente privato, nella campagna versiliese. Il ristorante oliocentrico preferito? L'Antico Uliveto di Seravezza

Le scelte di Marina Ferrara

Sempre e solo olio extra vergine di oliva, e, devo dire - ammette l'artista e transformational coach - che anche quel poco di burro della tradizione trentina, da parte di madre, è quasi del tutto scomparso. Il padre napoletano ha influito molto. L'alimento è unico, senza dubbio, ma l'altro senso che l'olio stimola in lei, è quello del tatto nella sua essenza oleosa, spesso utilizzato anche nei trattamenti olistici > Silvia Ruggieri

Le scelte di Antonella Millarte

Giornalista sempre attenta alle materie prime di cui ci s nutre, non smette mai di cercare e segnalare le migliori produzioni in circolazione, e, tra i fornelli si muove con agilità e voce narrante. Ama gli oli Coratina e Nocellara del Belice, come pure il blend di Ogliarola e Leccina. Il suo ristorante oliocentrico? Antichi Sapori, di Pietro Zito

RITRATTI AD OLIO

Olivagione al femminile

La galleria fotografica che potete ammirare è di Stefano Triulzi. Le olive sono tutte di cultivar Taggiasca, proprietà di Ivano Brunengo. Siamo in Liguria. La donna che vedete, intenta a raccogliere i preziosi frutti che si tramuteranno in olio, non è una olivicoltrice ma un’antropologa del cibo: Giulia Ubaldi. "Vivere l’emozione della raccolta, è questo che ci permette di capire cosa sia e quanto valga una materia prima così fondamentale qual è l’olio ricavato dalle olive > Luigi Caricato

L’emozione di chi assaggia

Cosa significa apprendere l’arte della valutazione sensoriale degli oli da olive? Cosa accade dopo aver frequentato un corso di assaggio e aver scoperto le infinite potenzialità che si celano dietro una materia prima che tanti consumano ma senza conoscerne appieno l’identità e le tante potenzialità espressive? Il fatto è che si acquista un olio immaginando che sia eccellente per partito preso, solo perché lo si è prodotto; eppure le sorprese non mancano. La testimonianza di Marco Tribuzio, vice presidente di Confcooperative Bari-Bat

L’unione fa la forza

Si è sempre detto che gli italiani non siano in grado di realizzare progetti comuni e condivisi, inadatti come sono a mettersi insieme e collaborare. E’ drammaticamente vero, ma ci sono le eccezioni. E’ il caso positivo di Domenico Fazio, Giampaolo Lupi e Carlo Bianchi, tutti e tre impegnati a valorizzare i propri extra vergini a partire dal marchio collettivo "Da Vinci" > Luigi Caricato

Il passato lascia tracce

L’azienda agraria della famiglia Clarici a Foligno vanta una tradizione ben radicata, come ben dimostrano alcune tra le immagini tratte dall’archivio storico che vi proponiamo. Ora, la nuova generazione, la quinta, con Pietro e Maria Elisabetta ha in programma un ambizioso progetto di recupero dell’antica struttura > Luigi Caricato

Sì alla terra e agli ulivi

Perché pensare che il lavoro agricolo sia solo pura tecnica e fatica, senza alcuno spazio per i sentimenti e le emozioni? Teresa Marinucci Palermo, molisana di Rotello, a 38 anni produce olio insieme con la famiglia. Le colline sulle quali gli olivi campeggiano, sembrano contorni di corpi femminili dalle linee dolci e morbide. L’olio ricavato dalle olive è per lei elemento indispensabile come l'acqua

Un po’ d’olio per iniziare

Pane e olio, qualunque sia il cibo e il vino che seguiranno. Parola di Aimo Moroni, patron del ristorante Luogo di Aimo e Nadia di Milano. “Ogni volta che mi chiedono il perché, rispondo che l’olio nel piatto riguarda un po’ la mia storia, molto la cultura di questo Paese e altrettanto se non di più la salute”. E aggiunge: “Resto debitore del motto di Ippocrate secondo cui l’alimento è medicamento” > Nicola Dal Falco

ALTRE INCURSIONI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
MERCATI

Quotazioni di mercato per gli oli da olive
del 04 dicembre 2018

ESTERO
  • Grecia
  • Spagna
  • Tunisia
  • Marocco
ITALIA
  • Andria
  • Bitonto
  • Sud Puglia

a cura di Adriano Caramia, Noureddine Ouazzani, Ettore Campobasso, Domenico Petrosillo

SAGGI ASSAGGI
Riviera Garda Classico Chiaretto

Riviera Garda Classico Chiaretto

Non solo per l’olio, il Garda è altrettanto apprezzato anche per i suoi vini, il chiaretto in particolare fa la sua bella figura. Come per esempio quello prodotto da Il Roccolo, profumi fruttati e floreali, gusto fresco, fine e sapido

Non solo biologico, anche biodinamico

Non solo biologico, anche biodinamico

È l’extra vergine del Podere Forte, un Dop Terra di Siena che poggia sugli elementi cardine del germoplasma olivicolo toscano, ovvero la triade varietale Frantoio, Moraiolo, Leccino, unitamente a una parte di Olivastra Seggianese. Un olio a tutto tondo, versatile, dal fruttato medio > Maria Carla Squeo

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

Corzetti o croxetti?

Corzetti o croxetti?

Valgono entrambi i nomi. Si tratta di una pasta tipica della cucina ligure, composta da acqua, farina di grano e sale. Si abbina benissimo alla cipolla egiziana ligure cruda, come pure a una crema di peperoni e al tartufo nero della Val Bormida. Immancabile l'olio extra vergine di oliva Taggiasca in purezza > Marco Damele

EXTRA MOENIA

"Pane e olio" sbarca nella Food Valley

La merenda della tradizione al centro di uno “street event” a Collecchio, luogo simbolo del distretto agroalimentare di Parma. A organizzarlo il Gruppo Panificatori Artigiani di Parma con Assitol e Aibi, l’Associazione italiana Bakery Ingredients. Erano presenti Paolo Bianchi, sindaco di Collecchio, ed Elena Levati, assessore alle Attività produttive

Non si segue più la Dieta Mediterranea

Non si segue più la Dieta Mediterranea

Il professor Michele Carruba, presidente della Onlus Istituto Nutrizionale Carapelli, è intervenuto a Palermo al Mediterranean Biodiversity Forum, nell’ambito del progetto Olive Oil Forum, denunciando la scarsa attenzione per una sana alimentazione da parte degli italiani. Eppure, la nostra salute dipende dalle nostre scelte

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

Il nuovo sito web che ospita Olio Officina Edizioni

Il nuovo sito web che ospita Olio Officina Edizioni

Abbiamo collocato on line il sito della nostra casa editrice. Uno strumento utile per saperne di più sulle nostre pubblicazioni, sia cartacee, sia telematiche. Il nuovo sito è sul dominio olioofficina.eu, e affianca quelli di Olio Officina Magazine (olioofficina.it), Olio Officina Globe (olioofficina.net) e Olio Officina Festival (olioofficina.com). Buona navigazione > Luigi Caricato

OO VIDEO

Il racconto di Olio Officina Festival 2018

A Milano, dall'1 al 3 febbraio 2018, con tema portante "Io sono un albero". Le emozioni attraverso le immagini di una tre giorni interamente dedicata all'olio da olive e ai condimenti

Cosa succede alle olive in frantoio

L'arrivo delle olive in frantoio, in un video amatoriale in cui si racconta - per immagini e suoni originali, senza alcun montaggio - il processo di produzione. Il frantoio, il più importante, grande ed efficiente in Sicilia, si trova a Sciacca, proprietà della famiglia Bono e dell'azienda conosciuta e apprezzata per i suoi oli a marchio Bonolio

In attesa di Olio Officina Festival 2019

L'ottava edizione di OOF 2019 è in programma a Milano nei giorni 31 gennaio, 1 e 2 febbraio 2019, presso il Palazzo delle Stelline, in corso Magenta 61. Mentre fervono i preparativi, ecco alcune immagini del festival. Il tema portante del prossimo appuntamento è NOSTRA SIGNORA PUBBLICITÀ, ovvero come comunica e si promuove l'olio da olive.

BIBLIOTECA OLEARIA
L’olivo nell'area mediterranea

L’olivo nell'area mediterranea

Olive Tree in the Mediterranean Area. A Mirror of the Tradition and the Biotechnological Innovation. La tradizione, l'innovazione biotecnologica. È su questi piani che si delinea il volume di cui è autrice principale, e curatrice, Anarita Leva. È un libro che si prospetta davvero interessante per l'industria vivaistica, nonché per quella agrobiotecnologica e cosmetica, oltre che a tutti coloro che sono sempre più legati alla crescente domanda di prodotti naturali e al richiamo dei polifenoli intesi come antiossidanti e stabilizzanti naturali degli alimenti

OOF International Magazine numero 5

OOF International Magazine numero 5

Una monografia interamente dedicata all’arte e alla scienza del blending e agli extra vergini a misura dei mercati. Ogni numero un tema specifico. È la rivista trimestrale cartacea di Olio Officina, in edizione bilingue italiano/inglese