Giovedì 22 Agosto 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

media > giro web

Quelli che l'olio, oh yeah

Una vera pietra nello stagno è stato facebook, dove impazza ormai di tutto. L'avvento del social ha smosso le acque. Tanti i post che si leggono qua e là. Dal gruppo "Olio & Bufale", riportiamo un testo un po' ironico, un po' canzonatorio, di Massimo Occhinegro sulla scia di "Quelli che" di Enzo Jannacci

OO M

Quelli che l'olio, oh yeah

A quelli che dicono che al mondo non esista altro Dio se non l’olio extra vergine di oliva, oh yeah
A quelli che ritengono che si l’extra vergine, ma solo di altissima qualità, oh yeah
A quelli che ribattono , extra vergini di altissima qualità si ma solo con alti polifenoli, oh yeah
A quelli che gli piace “solo l’olio in purezza” da mono cultivar, oh yeah
A quelli che gli piace solo l’olio artigianale perché fatto a mano da maestri aiutati dalla tecnologia, oh yeah
A quelli a cui piace solo l’olio extra vergine di prima mano perché se passa alla seconda perde l’extra verginità, oh yeah
A quelli che dicono blah alle marche dell’olio di oliva perché multinazionali, senza conoscerne il significato, oh yeah
A quelli che disdegnano i grandi marchi di olio ma che hanno la casa riempita di note marche per altri prodotti, oh yeah.
A quelli che non vedono la crisi e che non vedono gli stipendi bassi ma che devono far comprare per forza oli a 20 euro al litro , oh yeah
A quelli a cui l’olio di oliva e l’olio di sansa fanno ribrezzo però prediligono oli vegetali o oli di semi ad alto acido oleico pur di non prendere l’originale, oh yeah
A quelli a cui fa schifo la sansa ma si mangiano con piacere i wurstel o la mortadella, oh yeah
A quelli che preferiscono avvantaggiare gli oli di seme piuttosto che salvaguardare prodotti migliori ricavati dalle olive, oh yeah
A quelli che non riescono a reggere il dialogo per mancanza di argomenti e ti bannano cancellando anche i tuoi post per lasciare un monologo, oh yeah
A quelli che scrivono cretinate, falsità e non lo ammetteranno mai, oh yeah
A quelli che pensano che dall’olivicoltura sia possibile ottenere solo olio extra vergine di oliva, oh yeah
A quelli che fanno della trasparenza la loro bandiera ma che poi vendono toscano un olio pugliese peranzana, oh yeah
A quelli che pensavano che con l’indicazione dell’origine si risolvessero i problemi dell’olivicoltura, oh yeah
A quelli che pensano che con l’indicazione a caratteri cubitali dell’origine sull’etichetta frontale, si risolvano i problemi dell’olivicoltura, oh yeah
A quelli che “il settore è pieno di frodi” e lo declamano nella speranza di far crescere il proprio portafoglio, oh yeah
A quelli che “solo olio da olive italiane” , l’olio miscela lubrificante olio europeo fa schifo e poi promuovono l’olio europeo , oh yeah
A quelli che ce l’hanno con le industrie , definendole agromafie con passamontagna e poi stringono aleanze con l’agroindustria , propagandandola, senza vendere neanche una bottiglia, ma nessuno lo ricorda, oh yeah
A quelli che pur di avere i seguaci scrivono falsità , oh yeah
A quelli che chiamano “gente con il passamontagna” quelli dell’agroindustria e poi ne chiedono il voto per qualche incarico, oh yeah
A quelli che fino a ieri non sapevano neanche cosa fosse l’olio extra vergine di oliva e adesso ne sono i profeti, oh yeah
A quelli che criticano il lampante quando fino a ieri lo consumavano in abbondanza , oh yeah
A quelli che credono che il lampante sia solo quello ottenuto da olive raccolte da terra, oh yeah
A quelli che non sanno che tutti gli oli da olive hanno la medesima composizione chimica che li ha resi famosi nel mondo, oh yeah.
A quelli che vogliono imporre l’olio extra vergine di oliva anche al popolo del polo sud, oh yeah
A quelli che basta una lampada di wood per smascherare le frodi, oh yeah
A quelli che prima di recensire un olio extra vergibe di oliva, si bevono un cicchetto, per sentirsi più ispirati, oh yeah
A quelli che forse in onore del giornalista americano, riferiscono di una sensazione di Tabasco, oh yeah

Massimo Occhinegro

Testo tratto dal gruppo Olio & Bufale

OO M - 25-03-2014 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
Luigi Caricato
L'INCURSIONE

LUIGI CARICATO

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il Dop Riviera Ligure Riviera di Levante Olea albero della vita

Il Dop Riviera Ligure Riviera di Levante Olea albero della vita

Prodotto da Lucchi & Guastalli a Santo Stefano Magra, in provincia di La Spezia. I meriti di Marco Lucchi?Aver avuto un ruolo importante nella rinascita dell’olivicoltura del Levante ligure e di essere “l’uomo che ha sconfitto la taggiasco dipendenza” > Francesco Bruzzo

RICETTE OLIOCENTRICHE
L’olio con gli asparagi

L’olio con gli asparagi

Un gustosissimo risotto, ecco una ricetta che ci porta a Cavaion Veronese, nel Veneto, in un territorio ben curato dove si ottiene il pregiatissimo olio Dop Garda. Così, per anticipare la Festa degli asparagi che si svolgerà dal 16 al 19 maggio, sappiamo ora cosa fare quando non si sa bene cosa inventarsi in cucina. La proposta dei Fratelli Turri a partire dal loro extra vergine dal gusto e dai profumi fini e delicati > Luigi Caricato

EXTRA MOENIA
Il successo di Carapelli for Art 2019 porta nuovo valore

Il successo di Carapelli for Art 2019 porta nuovo valore

Anche la seconda edizione del concorso è andata molto bene. Si è registrato infatti uno straordinario numero di candidature, oltre a un altissimo livello delle opere candidate. C'è grande attesa: i vincitori saranno annunciati nel mese di settembre. Il montepremi complessivo messo in palio dal concorso è di 12 mila euro, suddivisi tra le categorie "Open" e "Accademia"

OO VIDEO

Le ricette evo. L'olio buono in cucina

OOF 2019. A Olio Officina Festival 2019 grande risalto all'olio extra vergine di oliva come ingrediente. La scelta di una buona materia prima e l'attenzione a utilizzare al meglio l'olio da olive va incentivata sin da subito. La formazione è un buon punto di partenza. Cinzia Boschiero intervista Cristina Santagata

BIBLIOTECA OLEARIA
Il codice sensoriale olio di oliva

Il codice sensoriale olio di oliva

È il libro del tecnologo alimentare William Loria, edito dal Centro Studi Assaggiatori. Un manuale di sole 96 pagine in cui si condensa un sapere essenziale > Maria Carla Squeo