Corso Italia 7

Rivista internazionale di Letteratura – International Journal of Literature
Diretta da Daniela Marcheschi

I sogni del passato ci aiutano a capire la realtà del presente

Dormire, sognare. Sonno e sogni nella mitologia classica di Anna Ferrari è un viaggio all’interno del mondo dell’altrove, tanto lontano quanto misterioso. Molti i poeti che da Omero a Ovidio hanno provato a descrivere Morfeo, che dà forma ai sogni, ma anche altre suggestive e temibili divinità come l’Incubo, in pagine di altissima poesia. L’autrice, però, ci restituisce anche gli aspetti concreti che gravitano attorno al sogno: Quanto si dormiva? Venivano cantate delle ninne-nanne ai bambini? Una dimensione, questa, che ha sempre affascinato gli uomini di ogni tempo raccontata in un’antologia per comprendere temi tutt’altro che secondari della mentalità antica

Corso Italia 7

I sogni del passato ci aiutano a capire la realtà del presente

La mitologia classica è ricca di riferimenti al sogno e di proposte di interpretazione del mondo misterioso che esso dischiude agli uomini.

Essa presenta i sogni come parte dell’armamentario del dio Sonno (Hypnos), inviati talora direttamente dalle divinità maggiori dell’Olimpo per preannunciare agli uomini avvenimenti futuri, per metterli in guardia da eventuali pericoli, per far loro comprendere quale sia il volere divino, perfino per guarirli dalle loro malattie.

Esiste un dio Sogno personificato, Oneiros, diverso e indipendente da Hypnos, il Sonno; ed esiste un dio che godrà di grande popolarità anche nella letteratura posteriore europea, Morfeo, che come indica il suo nome (morphé in greco significa “forma”) dà forma ai sogni.

Queste e altre suggestive e misteriose divinità, talvolta temibili, come l’Incubo, e imparentate in vario modo con la dea della Notte, vivono nella Casa del Sogno, oscura e silenziosa, che molti poeti, da Omero a Ovidio, hanno provato a descrivere in pagine di altissima poesia.

Non solo i poeti, ma anche gli storici antichi lasciano ampio spazio, nei loro resoconti dei fatti del passato, all’irrompere dell’altrove rappresentato dal sogno, elemento fondamentale di quel versante notturno della storia al quale antropologi e studiosi dell’antichità classica stanno riservando negli ultimi tempi una crescente attenzione.

Un versante della storia fatto di sogni, ma anche di aspetti concreti: che cosa sappiamo dei letti degli antichi? Quando, quanto e come si dormiva? Quale uso si faceva dei sonniferi, o, per i bambini, delle ninne-nanne? E che ruolo aveva il sogno nelle guarigioni, nei riti di incubazione, nella previsione del futuro? Perché condottieri e sovrani, oltre che persone comuni, davano ai messaggi del sogno una grande importanza? E a chi ci si rivolgeva per avere un’interpretazione attendibile dei propri sogni?

Un’antologia di sogni raccontati nella letteratura greca e latina, come quella raccolta nella quarta parte del volume, dischiude sotto questi aspetti scenari impensabili e di grande interesse per comprendere aspetti tutt’altro che secondari della mentalità antica.

Vale dunque la pena di indagare, nella prospettiva del mito, quale ruolo Greci e Romani attribuivano a quella dimensione che non ha mai cessato di affascinare gli uomini di ogni tempo e che secondo qualcuno non è altro che l’essere svegli da qualche altra parte.

L’autrice

Anna Ferrari, laureata in archeologia greca, è saggista e studiosa di mitologia e antichità classiche, ha lavorato per molti anni nell’editoria e ha collaborato con le Università di Torino e del Piemonte Orientale, con la Scuola Holden di Torino e con la rivista «L’Indice».

Ha tenuto numerosi corsi, seminari e conferenze in Italia e in vari Paesi europei e sudamericani.

Tra i suoi libri: Dizionario di mitologia greca e latina (Torino, Utet, 1999), Dizionario dei luoghi letterari immaginari (ivi, 2006), Dizionario dei luoghi del mito (Milano, BUR, 2012), La cucina degli dèi (Torino, Blu Edizioni, 2014), Il Piemonte al tempo dei Romani (Torino, Daniela Piazza Editore, 2015), Decamelone (Torino, Blu Edizioni, 2016), I santi in Piemonte tra arte e leggenda (ivi, 2017).

Copertina Dormire, sognare. Sonno e sogni nella mitologia classica

Anna Ferrari, Dormire, sognare. Sonno e sogni nella mitologia classica, L'artistica Editrice, 2021, pp. 292 con 8 tavole a colori fuori testo, euro 22

In apertura, Anna Ferrari

Corso Italia 7

Commenta la notizia

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati.
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Iscriviti alle
newsletter