Codice Oleario

Il database varietale dell’olivo

Si chiama Certolio. E’ un mezzo pensato per la tutela del made in Italy, sostengono dal Cra-Oli, il Centro di ricerca per l’olivicoltura e l’industria olearia. Pochi semplici clic e si ricevono i dati dei profili molecolari di oltre 500 varietà di olivo provenienti dall’Italia e da diversi paesi del Mediterraneo

Olio Officina

Il database varietale dell’olivo

Il consiglio per la ricerca e sperimentazione in agricoltura – centro di ricerca per l’olivicoltura e l’industria olearia (CRA-OLI), nell’ambito del progetto CERTOLIO - “CERTificazione della composizione varietale, dell'origine geografica e dell'assenza di prodotti di sintesi negli OLI extravergini di Oliva” (progetto realizzato con i partner L.A.C.I.A. Libera Associazione Coltivatori e Imprenditori Agricoli e SPIN – Consorzio di Ricerca, Innovazione e Trasferimento Tecnologico S.c.r.l.) e in collaborazione con il consiglio nazionale per la ricerca (CNR) e l’università della Calabria (UNICAL), ha recentemente pubblicato, sulla prestigiosa rivista scientifica internazionale (The Scientific World Journal, QUI) i risultati della caratterizzazione molecolare dell’intero germoplasma olivicolo Nazionale presente presso il campo collezione varietale sito nell’azienda regionale per lo sviluppo dell'agricoltura calabrese (ARSAC) di Mirto – Crosia (CS).

La FAO (food and agriculture organization of the united nations) nel 2010 ha riportato, nel “secondo rapporto sullo stato delle risorse genetiche vegetali”, il suddetto campo collezione al primo posto nel Mondo per il numero di varietà di olivo presenti. Al fine di chiarire il complesso scenario varietale dell’olivicoltura italiana i ricercatori hanno ottenuto i profili genetici di circa 500 varietà di olivo italiane, li hanno inseriti in un database e li hanno utilizzati per determinare i flussi genici e le similarità genetica tra le varietà di olivo analizzate. Inoltre, grazie al confronto tra i profili genetici è stato possibile individuare diversi casi di omonimie (diverso nome stesso profilo genetico) e diversi possibili casi di sinonimie (stesso nome diverso profilo genetico).

Il database varietale dell’olivo, disponibile previa registrazione gratuita al sito www.certolio.org, è il primo al mondo nel suo genere che grazie a pochi semplici ‘clic’ fornisce i dati dei profili molecolari di oltre 500 varietà di olivo provenienti dalle 17 regioni olivicole italiane e da diversi paese del Mediterraneo. Inoltre, per ogni varietà di olivo vengono riportate le coordinate geografiche (GPS) delle piante che hanno prodotto quel profilo molecolare e grazie all’applicazione ‘google maps’ è possibile visualizzare la foto dell’albero e la sua ubicazione nel campo collezione.

La foto di apertura, di Luigi Caricato, risale agli anni Novanta e ritrae gli olivi visti dall'interno di un'automobile

Commenta la notizia

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati.
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Iscriviti alle
newsletter