Olio Officina Festival

La rivoluzione nel packaging

Nell’ambito del Simei 2019, nel corso del convegno incentrato sul confronto tra Italia e Spagna sul packaging e design degli oli da olive, l’editore e ceo di “Mercacei”, è intervenuto presentando alcuni lavori rappresentativi realizzati dai designer spagnoli. Indubbiamente ci sono idee e progetti molto innovativi. Riportiamo testo e immagini della sua relazione

Olio Officina

La rivoluzione nel packaging

Senza dubbio, una delle grandi rivoluzioni che il settore dell'olio extra vergine di oliva sta vivendo negli ultimi anni, insieme alla costante scommessa per la qualità, è quella del packaging.

Design suggestivi e innovativi che ricevono riconoscimenti in concorsi come Le Forme dell'Olio, creato dal mio caro amico Luigi Caricato e pioniere nel suo genere; o Evooleum Packaging Awards, sponsorizzato dal Gruppo Editoriale Mercacei, nato per riconoscere i migliori design dpackaging a cui partecipano tutti i marchi presentati ai Premi Internazionali di Qualità dell'olio extra vergine di oliva (Evooleum Awards), e il cui obiettivo altro non è che valorizzare la grande rivoluzione creativa che questo segmento sta vivendo negli ultimi anni in termini di presentazione e design delle confezioni di olio Evo.

 Per parlare delle ultime novità, tendenze e innovazioni nel packaging dell'Olio Evo, ho riunito il parere di alcune delle principali agenzie spagnole di branding e packaging specializzate in olio extravergine, i cui design e presentazioni hanno vinto numerosi premi nelle più importanti competizioni internazionali di packaging, come Pentawards, Ipa Awards, The Dieline Awards, WorldStar for Packaging, Selección Anuaria, LiderPack o Dna Paris.

 

Cabello x Mure (Úbeda, Jaén)

Responsabile di alcuni dei design di packaging più premiati a livello internazionale, questa agenzia di Úbeda (Jaén) è senza dubbio una delle grandi referenze nel segmento del branding & packaging dell'olio extravergine degli ultimi anni. Claramunt Extra Virgin Olive Oil è uno dei suoi lavori maggiormente riconosciuti e premiati, diventato già un classico e selezionato nel 2016 per una mostra a Parigi come uno dei migliori design dell'ultimo decennio.

La collezione è composta da quattro bottiglie di altrettante varietà di Olio Evo: arbequina, frantoio, koroneki e picual. Una collezione di oli d'autore per il cui design è stata studiata ogni confezione in modo indipendente, ma con la stessa linea concettuale: quattro illustrazioni originali rappresentano ciascuna delle varietà, tutte espresse sotto forma di un dipinto ispirato ai grandi protagonisti dell'arte contemporanea spagnola del XX secolo, al fine di rafforzare il concetto di "opera d'autore" presente in tutto il progetto.

Da parte sua, la linea concettuale sviluppata nell'intera immagine della marca di Cuac Aove(uno dei suoi ultimi lavori, premiati al Guggenheim Museum di New York) è rappresentata dalla famosa papera di gomma: un prodotto associato a un dolce momento dell'infanzia che fa illusione al nome del posto ("Finca los Patos") e trasmette un messaggio simpatico e differenziante. Nella linea Premium, alla bottiglia è stato applicato uno speciale trattamento gommato che ricorda ancor di più il giocattolo e lo rende ancor più memorabile. I collari a forma di becco e di coda rafforzano il design, mentre la sua estetica minimalista e chiara viene associata a un prodotto biologico.

Debonatinta (El Morell, Tarragona)

Con il design dell'Olio Evo tarraconense Arbor Sacris, lo studio grafico catalano Debonatinta ha cercato di valorizzare un prodotto di alta qualità radicato in una tradizione e una storia di oltre 1.000 anni, ispirandosi alla bellezza di questi ulivi secolari e dei loro maestosi tronchi, i cui anelli riflettono il passare del tempo. Il rigoroso bianco e nero della fotografia, sia nella bottiglia che nella signorile custodia, si combina con lo stamping dorato del marchio, offrendo grande eleganza e semplicità.

Da parte sua, il progetto di packaging di Catalina prende il nome dalla figlia di una coppia di produttori di Olio Evo innamorati dei metodi artigianali. Eva Castro, fondatrice dello studio, è l'autrice dell'illustrazione della protagonista della marca, che compare sull'etichetta della bottiglia, stampata su carta Tintoretto Gesso Greaseproof. Un'illustrazione organica, dai colori mediterranei, caldi e molto brillanti, che incorpora come finitura finale uno stamping blu metallizzato.

Al Margen Comunicación (Cordova)

Legado è il fiore all'occhiello e il più premiato dei progetti di design di packaging per Olio Evo di Al Margen Branging & Packaging. Si tratta di un concetto potente e differenziante che unisce il moderno e il vintage rendendolo elegante e duraturo nel tempo. La sua presentazione include una bottiglia e una scatola, formando un set visivamente compatto che trasmette il valore naturale del prodotto, il suo impegno nei confronti della qualità Premium e i valori di rispetto per l'ambiente, nonché la responsabilità e l'integrazione sociale. Sia la vernice che gli inchiostri utilizzati nella stampa serigrafica sono biodegradabili e rispettosi dell'ambiente, mentre la custodia di presentazione è formata da pezzi di cartone fustellati uniti uno ad uno mediante un processo manuale realizzato da studenti disabili. 

Estudio Colmenero (Jaén)

 

Estudio Colmenero è uno studio di grafica e web design ‎jiennense fondato da David Colmenero. Uno dei suoi progetti più importanti è stato quello realizzato per SCA Ntra. Sra. del Rosario y San Blas (Rus, Jaén), che consisteva nell'omogeneizzazione di tre marchi diversi (Don Ruseño, Valdecanales e Giribaile) corrispondenti ad altrettante qualità di Oli Evo precoce, non filtrato e coupage. Le tre marche sono state unificate sotto la stessa identità grafica, pulita e piena di colore, con un design reticolare e ordinato, che obbedisce ad una strategia di posizionamento nel segmento Premium o di alta gamma.

Il progetto di Oleosierra per Aceites Encinasola (Encinasola, Huelva) consisteva nel lancio, gestione, design e adattamento di un nuovo marchio e packaging per questo primo Olio Evo biologico. Con un concetto grafico e colorato, sono stati scelti gli uccelli come simbolo di un campo sano e senza prodotti erbicidi.

Mendoza Estudio (Úbeda, Jaén)

 

Esperti nella creazione e design di marchi, Mendoza Estudio lavora con una metodologia che scommette sull'innovazione come caratteristica distintiva. Nel suo lavoro per la marca di Olio Evo biologico Ñ Organic, ha optato per un design minimalista e sorprendente nel colore scelto per dipingere la bottiglia, usando per il design del marchio una tipografia classica e moderna come l'Helvetica.

Nel caso di Verde Esmeralda, e ispirandosi alla forma di una pietra preziosa, ha realizzato un design della bottiglia con il colore caratteristico del verde smeraldo, più incentrato sul segmento gourmet. Il logo è una congiunzione delle iniziali del marchio.

 

Per quanto riguarda FR Aove, il cliente voleva che le sue iniziali (Fernando Ruiz) dessero il nome alla marca e per questo lo studio ha pensato ad un design sobrio ed elegante in cui predominasse il colore in base alla varietà di olive. Sono stati scelti una bottiglia molto stilizzata e dei colori metallizzati, ottenendo un packaging dal tocco futuristico. Inoltre, è stata disegnata una bottiglia Premium a forma di mappamondo conservata in una custodia di cartone rigido in cui le pieghe interne simulano lo spazio della Via Lattea.

Habermas (Siviglia)

Il progetto realizzato da Habermas, uno studio grafico sivigliano con oltre 16 anni di esperienza, per Aceites La Matilla si compone di due linee: una incentrata sul canale gourmet (bottiglia bianca con etichetta verde) e un'altra destinata al largo consumo. L'immagine del marchio e l'identità visiva de La Matilla rappresentano i principali valori della marca (artigianato, tradizione e qualità), con un lettering creato in esclusiva, così come la bottiglia in ceramica, omaggio a un'arte tradizionale andalusa. L'illustrazione è il fulcro della grafica e mostra un fiscolo, un elemento unico e differenziante del processo di produzione dell'olio. Dando una seconda interpretazione, viene mostrata la lettera O di olivo.

Frestonia (Madrid)

 

Tra i progetti per il settore olivicolo svolti da questo studio di naming, branding & packaging, spicca quello realizzato per il marchio General Blake. Si tratta di un originale packaging ispirato alle gesta del generale Joaquín Blake, fondatore del Corpo di Stato Maggiore, e rappresenta il suo abbigliamento militare. È un omaggio alla battaglia de El Moclín, combattuta sulle brughiere castigliane dove ora vengono coltivati ​​gli ulivi con cui viene prodotto questo esclusivo olio, e che portò alla sconfitta dell'esercito spagnolo.

iPack (Barcellona)

 

Ipacklab è un laboratorio di innovazione e consulenza in design di branding & packaging per marche gourmet e Premium. Il suo progetto per il marchio di olio biologico MO, acronimo di manzanilla e oleocantale, rappresenta l'esclusività nel senso più profondo del termine. L'espressione "The luxury of Nature" evoca la natura in un ambiente privilegiato. In questo modo, è stato creato un concetto di lusso artigianale e naturale del marchio, con una bottiglia dipinta che ricorda il colore di un metallo prezioso, un tappo in legno certificato, doppia custodia protettiva cilindrica e una tavolozza di colori molto austera, che cerca di creare armonia tra i diversi elementi.

Nel caso di Hejul, è stato proposto un progetto personale e familiare dell'olivicoltore Julio Fernández a La Rioja, per creare un concetto di oli in chiave gastronomica all'insegna dello slogan "Espressioni Gourmet", poiché ogni olio possiede un suo proprio linguaggio e abbinamento gastronomico, evocando un concetto di profumi per la cucina. Il design delle bottiglie piatte in un formato unico di 37,5 ml cerca di trasmettere la raffinatezza dei profumi, con un vetro cosmetico di alta qualità e una base solida che ritrae la fluidità dell'oro liquido.

Buenaventura Estudio (Granada)

Buenaventura è uno studio grafico con sede a Granada specializzato in identità visiva, immagine del prodotto e design editoriale. Per il suo progetto del nuovo set di confezioni di CortijoAbades, la sfida era quella di unire i concetti di tradizione e origine con un design moderno e distintivo che si allontanasse dalla solita immagine legata a questo tipo di prodotti, ispirandosi all'arte delle tradizionali piastrelle idrauliche fatte a mano, che venivano comunemente utilizzate nelle tenute andaluse del XIX e XX secolo. 

Il progetto di Fuenquesada, da parte sua, mira a valorizzare la tenuta "Casería de las Fuentezuelas", situata nella periferia di Jaén, per garantire la sopravvivenza del cognome Quesada e fungere da elemento di coesione di questo ramo della famiglia attraverso un prodotto di alta qualità. Per questo, è stato creato un simbolo che si ispira agli archi del Parral, e la famiglia tipografica scelta acquisisce un ruolo protagonista a partire dall'onestà e dalla semplicità, essendo la base di questo segno d'identità visivo.

Iscriviti alle
newsletter