Economia

Olio, stato dell’arte

L’Ismea ha reso disponibili tendenze e dinamiche recenti del comparto olio da olive. Le ultime stime, sulla base dei dati dichiarativi, attestano la produzione italiana ai minimi degli ultimi decenni. Un quadro per nulla positivo, considerando che a dicembre in molte aree i frantoi avevano chiuso i battenti 

Olio Officina

Olio, stato dell’arte

La produzione mondiale 2018, sulla base delle stime Coi, si dovrebbe attestare sulla soglia dei tre milioni di tonnellate, in flessione del 7% sull'anno precedente. I volumi sono sostenuti da una produzione spagnola particolarmente abbondante e decisamente superiore alle previsioni fatte prima dell'inizio della raccolta. Le stime di Madrid pubblicate dalla Commissione Ue, indicano quantità che sfiorano 1,8 milioni di tonnellate, con un incremento del 42,5% sul 2017. 

Flessioni considerevoli, invece, per gli altri Paesi produttori a partire dall'Italia. Anche per la Grecia le indicazioni che arrivano quasi a fine campagna delineano un'annata peggiore di quanto non si pensasse. Le 185 mila tonnellate stimate attualmente segnano un -47% rispetto al 2017. Dimezzata anche la produzione della Tunisia, stimata a 120 mila tonnellate, mentre la Turchia, con 165 mila tonnellate registra un -37%.

Le ultime stime Ismea, sulla base dei dati dichiarativi, attestano la produzione italiana ai minimi degli ultimi decenni con 175 mila tonnellate, -59% su base annua. Peraltro, a differenza di annate normali, in molte aree già a dicembre i frantoi avevano chiuso i battenti, mentre altri non hanno neanche iniziato le attività. Sono state le regioni del Sud quelle che hanno risentito maggiormente della scure produttiva a partire dalla Puglia per la quale si stima una riduzione del 65%, ma anche per Calabria, Sicilia e per quasi tutte le altre regioni centro-meridionali le flessioni sono particolarmente pesanti. Situazione diametralmente opposta nel Centro-Nord con i notevoli recuperi di Toscana, Umbria e Liguria uniti a quelli delle altre regioni del settentrione.  

 SCARICA IL DOCUMENTO CLICCANDO QUI

Iscriviti alle
newsletter