Terra Nuda

L'olivagione in Marocco

In un focus elaborato dal direttore di Agro-Pole Olivier di Meknes, il bilancio della campagna olivicola 2018-2019 presenta un nuovo record produttivo, con circa due milioni di tonnellate di olive e un incremento del 42% rispetto alla media della produzione degli ultimi cinque anni. Per questa nuova annata, tuttavia, il commercio al dettaglio, presso i frantoi,  si è posizionato tra i 25 e i 30 Dinari a litro, mentre l'anno scorso superava i 40 Dinari

Noureddine Ouazzani

L'olivagione in Marocco

È stata una campagna olivicola eccezionale, quella 2018-2019, dal punto di vista della produzione di olive. L'ultima olivagione si distingue per un nuovo record produttivo, con circa 2.000.000 di tonnellate di olive, con un aumento del 42% rispetto alla media della produzione di olive negli ultimi cinque anni.

Quest'anno l'annata è stata caratterizzata da una grande produzione negli uliveti irrigui, che hanno raggiunto in alcuni bacini di produzione una media di 6-8 tonnellate a ettaro.

La campagna di quest'anno è stata caratterizzata da un ritardo nella maturità e la temperatura non ha superato il 12,5-14 gradi, intorno al 20 dicembre, rispetto ai 18-20 gradi dello stesso periodo di tempo dell'anno scorso.

Solo verso la fine di dicembre e a inizio gennaio è stato possibile raggiungere i normali rendimenti in olio dalla varietà Picholine marocchina. Tale rendimento ha influito sulla prevista produzione di olio.

Si ritiene che si debbano ridurre le previsioni di inizio stagione e di conseguenza ci saranno circa 170-180 mila tonnellate di olio.

Per quest'anno il litro di olio d'oliva viene commercializzato in dettaglio, presso i frantoi, tra i 25 e i 30  Dinari / litro, mentre l'anno scorso era più di 40 Dinari / litro.

Il calo dei prezzi è dovuto all'importanza della produzione di quest'anno. Tuttavia, da un mese, si sta assistendo a una stabilizzazione del prezzo dell'olio extra vergine tra 28 e 32 Dinari / litro, sul mercato all'ingrosso alla rinfusa.

La mancanza di precipitazioni, dal momento dell'inizio della campagna di raccolta, oltre al minor attacco di mosca olearia, hanno avuto un impatto favorevole sulla qualità dell'olio d'oliva prodotto.

Va notato che l'andamento della produzione di quest'anno è il primo risultato della strategia del Piano per il Marocco verde, che ha contribuito ad aumentare lo spazio dedicato a questa coltura. Allo stesso modo, il settore è stato modernizzato e la qualità del prodotto e il posizionamento delle esportazioni sono migliorati, soprattutto per il mercato statunitense. Certo, sono stati favoriti dalle buone condizioni meteorologiche, specialmente dal clima freddo riscontrato a suo tempo nel gennaio 2018.

Nella foto di apertura l'Arc de Triomphe di Volubilis. All'interno dell'articolo la sede di Agro-pôle Olivier e, in chiusura, il ritratto del direttore Noureddine Ouazzani.

Iscriviti alle
newsletter