Corso Italia 7

Rivista internazionale di Letteratura – International Journal of Literature
Diretta da Daniela Marcheschi

"Te l’avevo detto di non farti i selfie" è un libro festoso da non perdere 

Per gli autori, Areta Gambaro e Guidarello Pontani, è il volume d’esordio. Edito a Roma da Castelvecchi nel 2021, ha la grande capacità di restituire la migliore tradizione dell’umorismo italiano

Daniela Marcheschi

Ben scritto e disegnato a quattro mani da Areta Gambaro e Guidarello Pontani, è uno di quei volumi rari in cui la migliore tradizione dell'umorismo italiano - una grande tradizione internazionale, sebbene non sempre nota e studiata in modo adeguato nella sua complessità multidisciplinare e interdisciplinare - risplende nei suoi tratti più vitali: ironia, paradosso, levità, sostanza delle cose dette e rappresentate. 

Non si ha timore a dichiarare che era dai tempi di Cesare Zavattini e di Giovannino Guareschi che non compariva nelle librerie italiane un'opera di simile, zampillante, giocosità.

Per fortuna la diffusione della cultura in Italia ha ancora un baluardo in tanta "piccola" editoria: complimenti vivissimi a Castelvecchi per aver avuto il coraggio e la perspicacia di pubblicarla.

Gli autori 

Guidarello Pontani è nato a Roma nel 1955 dove vive.

Attore de La Gaia Scienza e di Solari-Vanzi. Ideatore e interprete di spettacoli e performance fra cui: King Kong, 1983;L’immaculée conception, 1984; il ritratto di Dorian Gray, 1985; Fuoco fatuo, 1987; La classe morta (Certosa di Padula), 2008; Un caos di roba (ispirato alla figura di Giuseppe Baretti), 2019.

Concentra l’attenzione all’arte della parola narrata, che sintetizza nel ruolo di conduttore e autore radiofonico. Dopo l’esperienza del suo alter ego Corvo Rosso di RCF, 1976, realizza per la Rai diversi programmi fra cui: Musei (con Federico Zeri), 1997- 1998; Il libro oggetto, 2000; Siti terresti marini e celesti, 2001-2010; Due sulla strada, 2010-2014.

È stato inoltre regista televisivo con Autoritratti d’arte contemporanea (collaborazione di Achille Bonito Oliva), 1993; I punti cardinali dell’arte - Biennale di Venezia per Rai1 Grandi Mostre, 1993.

Il suo primo libro, insieme a Areta Gambaro, è Te l'avevo detto di non farti i selfieedito a Roma da Castelvecchi nel 2021.  

Areta Gambaro nasce a Palermo nel 1980. Vive a Roma.

Musicista in una famiglia che è un piccolo laboratorio d’arte. Costruisce il proprio spazio nel teatro, con spettacoli e performance d’arte audiovisiva, scenografie e illustrazioni.

Tra questi, Guardami mostra personale, 2017; Tentativo di perdersi nel continente Ripellino regia e scenografia, 2018; Extragea performance musicale, 2013; Uno spettacolo non riuscito (tratto da Casi di Daniil Charms) regia, scene e musiche, 2003.

Il suo primo libro, insieme a Guidarello Pontani, è Te l'avevo detto di non farti i selfie, edito a Roma da Castelvecchi nel 2021.

[Cfr. anche, in Corso Italia 7, Arrestato perché amava leggere]

A. Gambaro e G. Pontani

Commenta la notizia

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati.
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Iscriviti alle
newsletter