Codice Oleario

Le olive da tavola: il caso dell’oliva Taggiasca e l’oliva Peranzana dell’alta Daunia

L’appuntamento è per martedì 7 dicembre 2021, al centro dell’attenzione le due olive da mensa poste all’estremità nord e sud della penisola. Si tratta dell’incontro conclusivo del ciclo di undici webinar del Progetto Alive

Olio Officina

Le olive da tavola: il caso dell’oliva Taggiasca e l’oliva Peranzana dell’alta Daunia

Come si suol dire, con una formula ormai entrata nel linguaggio comune Save the date: 7 dicembre 2021.

L’appuntamento è con l’undicesima puntata del ciclo di webinar del Progetto Alive.

Il titolo dell’incontro è “Le olive da tavola: il caso dell’oliva Taggiasca e l’oliva Peranzana dell’alta Daunia”.

È possibile già preiscriversi, CLICCANDO QUI.

Il tutto avviene sotto il coordinamento di Innocenzo Muzzalupo, ciclo di incontri che rientra nell’ambito del progetto Alive denominato “Caratterizzazione e valorizzazione delle olive da mensa e a duplice attitudine”.

Locandina webinar

L’oliva Taggiasca è una varietà ligure, in particolare della Riviera di Ponente, presente soprattutto nell’Imperiese e nel Savonese.

Viene classificata come cultivar da olio, ma in realtà sarebbe a duplice attitudine, visto che viene utilizzata con successo commerciale anche come oliva da tavola, in nero o cangiante.

Ha una produttività elevata e costante ed è conosciuta anche con i sinonimi di Lavagnina, Oliva di Taggia, Pignola d’Oneglia, Tagliasca.

L’area di diffusione è la regione Liguria.

Il frutto ha peso basso (intorno ai 2,5 g) e forma ellittica e simmetrica.

Il calibro è di circa 15 mm, la percentuale di polpa si attesta intorno all’88 per cento.

L’oliva Peranzana è una varietà diffusa in particolare nell’area a nord della Puglia, ed esattamente nella parte nord occidentale della provincia di Foggia.

È una pianta di ridotta vigorìa dal portamento espando e dalla chioma mediamente folta.

I frutti hanno un peso medio di circa 3 grammi e una resa in olio medio-bassa.

È da ritenere a duplice attitudine.

Peranzana, foto di Rosaria d’Errico

Ricordiamo che dietro al Progetto Alive vi è un Comitato scientifico eccellente e un Comitato organizzatore altrettanto operativo ed efficace.

Comitato scientifico

Innocenzo Muzzalupo, Crea-Olivicoltura, Frutticoltura Agrumicoltura

Carmela Pecora, Consiglio Ordine Nazionale Dottori Agronomi e Dottori Forestali

Giovanni Misasi,Coordinatore commissione Ambiente, Territorio e Paesaggio, Onb Calabria

Comitato organizzatore

Innocenzo Muzzalupo, Crea-Olivicoltura, Frutticoltura Agrumicoltura

Carmela Pecora, Consiglio Ordine Nazionale Dottori Agronomi e Dottori Forestali

Giovanni Misasi, Coordinatore commissione Ambiente, Territorio e Paesaggio, Onb Calabria

Laura Frati Gucci, Pirene s.r.l., Roma

Per i professionisti iscritti all’ordine professionale dei dottori agronomi e dei dottori forestali, all’Ordine dei biologi e al Collegio degli agrotecnici, previa registrazione, verranno rilasciati i Cfp.

Foto in apertura del Consorzio di tutela dell’olio Dop Riviera Ligure

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.