Olivo Matto

E’ dolce, mi piace: non gratta in gola

Luigi Caricato

E’ dolce, mi piace: non gratta in gola

Tutti dicono “quest’olio è dolce, delicato, morbido”. Detto e fatto, l’Esselunga ha esordito con una nuova segmentazione di prodotto, affacciandosi sullo scaffale con l’olio extra vergine di oliva “dolce”, in bottiglia da litro. Sappiamo che “dolce” è una sensazione che in realtà non esiste in un olio, perché la dicitura corretta è assenza o scarsa percezione della nota amara, ma sappiamo anche bene come si tenda abitualmente a dire, in maniera più diretta e immediata: “dolce”; anche perché, confessiamolo, appaga di più il consumatore. E così, dopo il “Gentile”, il “Robusto” e il “Fragrante” lanciato anni fa da Bertolli, nasce un nuovo corso per la comunicazione dell’olio. Si storicizza così un’espressione in realtà già ricorrente.

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.