Olivo Matto

E quest’oggi a pranzo vespe fritte. O forse preferite scorpioni alla brace?

Luigi Caricato

E quest’oggi a pranzo vespe fritte. O forse preferite scorpioni alla brace?

Sì, chi è pronto ad apprezzarne tutta la bontà venga da me, e porti quante più vespe è possibile. Trovarne in giro non è facile? Non è vero, ce ne sono tante in campagna; e in ogni caso si possono anche allevare. L’idea vi piace? In verità non è mia, ma della Fao. Per il 2013 la Food and Agriculture Organization, il noto organismo espressione delle Nazioni Unite, sta mettendo in piedi un congresso proprio sugli insetti da allevare e mangiare. Il motivo?

Risolvere da una parte i problemi alimentari, dall’altra contribuire a ridurre l’effetto serra.

Non solo vespe, tuttavia. Insetti in generale. Anche grilli, perché no? E le cavallette? Gustosissime. Buoni anche gli scorpioni. Questi però molto meglio se alla brace.

Ma se preferite i fritti? Beh, allora con le vespe io consiglierei intanto di utilizzare un buon olio extra vergine di oliva dal fruttato medio, dai piacevoli sentori floreali e dal gusto morbido e rotondo, vegetale, mandorlato. Per esempio un monovarietale Bosana, dalla Sardegna. Che ne dite?

Qualora non vi piacciano gli insetti, provate allora a infarinarli.

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.