Olivo Matto

Frittelle magre di pome e fichi. Una ricetta del 1549

Luigi Caricato

Frittelle magre di pome e fichi. Una ricetta del 1549

Quest’oggi è tempo di frittura, la mia passione. Come si fa del resto a rinunciarvi? Ormai lo sanno anche i muli: l’unico olio per friggere, il migliore in assoluto, è l’olio extra vergine di oliva. Sono altrettanto adatti gli oli di oliva, e perfino gli oli di sansa di oliva. Io, però, sono solo per l’extra vergine. Rigorosamente per l’extra vergine. E in passato? Cosa accadeva in passato? Anche nel 1549 si utilizzava l’olio buono, quello ovviamente ricavato dalle olive. Almeno, chi poteva permetterselo.

Una ricetta di Cristoforo da Messimburgo

Frittelle magre di pome e di fichi per piatti sei

La ricetta che vi propongo è tratta dal Libro novo nel qual s’insegna a far d’ogni sorte di vivande (Ferrara, 1549):

“Piglia pome monde tagliate minute numero dieci, e libbra una di fichi tagliati minuti; e poi piglia una scutella e mezza di farina bianca, e oncie 2 d’olio buono e oncie 3 di uva passa, e un bicchiero di vino bianco dolce, e un poco di zaffarano, e incorpora bene ogni cosa insieme, giungendoli tanta acqua che detta composizione venga come una colla. E incorporarai bene ogni cosa insieme; e poi averai la patella con olio caldo, e con la gucchiara gli andrai ponendo le tue frittelle, ad una, ad una, dentro. E fritte, per imbandirsi, gli porrai sopra oncie 6 di miele purgato, e oncie 4 di zuccaro sopra il miele; seranno fatte”.

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.