Olivo Matto

Gli oli del Pisano chiedono visibilità

Luigi Caricato

Gli oli del Pisano chiedono visibilità

La Toscana dell’olivo e dell’olio è famosa, tutti ne riconoscono il prestigio. Alcuni suoi areali produttivi sono veri punti di riferimento mondiali. Ci sono tuttavia zone meno conosciute, e tra queste l’area del Pisano. Che non è ancora sufficientemente valorizzata per quel che merita. Eppure qui vi sono produzioni d’eccellenza. Ne avevo segnalata in particolare una nei mesi scorsi, su Olio Officina: la Fattoria Monti. Ora è comunque possibile consultare una selezione dell’olivagione 2011 attraverso una pubblicazione messa in piedi dalla locale Camera di Commercio.

Dietro tale pubblicazione c’è l’egregio lavoro condotto dal capo panel Luciano Scarselli e dal Comitato d’assaggio interprofessionale della Camera di Commercio di Pisa, oltre che dell’Istituto per i processi chimico-fisici del Consiglio nazionale delle ricerche di Pisa. Per richiederne copia chiamate le’ente camerale pisano: tel. 050 512230, oppure scrivete all’indirizzo: [email protected]

La responsabile dell’Ufficio agricoltura e tutela delle produzioni tipiche è la dottoressa Maria Tavella.

Il territorio comprende quattro zone di produzione, ma la coltivazione dell’olivo è presente nella maggior parte dei comuni della provincia. Le zone di produzione sono state definite in base alle caratteristiche geomorfologiche del territorio, e sono:

> la zona dei monti pisani

> la zona delle colline litoranee

> la zona delle colline interne

> e infine la zona del val di Cecina

Al momento non esiste una Dop che tuteli il territorio, ma vi è l’Igp Toscano con indicazione geografica “Monti Pisani” riservata ai comuni di Buti, Calci, San Giuliano Terme, Vicopisano e Vecchiano. Le varietà di olive contemplate nel disciplinare di produzione comprendono le cultivar Frantoio, Leccino e Razzo.

Io consiglio caldamente di provare l’olio monovarietale Razzo: straordinariamente seducente, potente nelle sue note sensoriali. Che aspettate a provarne la bontà?

Intanto, per chi voglia approfondire l’area pisana dell’olio, esiste una specifica strada dell’olio. Non solo, chi appartiene alla vasta e qualificata schiera di lettori del mensile “La Cucina Italiana”, sappia che nel numero di marzo 2009 è uscito a mia firma un ampio articolo di due pagine sugli oli pisani. Aveva tra l’altro segnalato tre oli:

> il “Privilegio” Igp Toscano del Consorzio Produttori Olio delle Colline di Pisa a Forcoli,

> l’omonimo olio del Frantoio dei Colli Toscani a Volterra,

> e il “Rubesto”, dell’Azienda agricola Sada di Casale Marittimo.

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.