Olivo Matto

Grandi soddisfazioni a Olio Capitale

Luigi Caricato

Grandi soddisfazioni a Olio Capitale

C’è spazio per un sorriso, nonostante tutto. Il contesto in cui si opera non è tra i migliori, ma le aziende olearie non desistono; e così, anche il pubblico convenuto alla quinta edizione del salone degli oli tipici e di qualità, a Trieste, ha dato un bella immagine di sè. Cresce l’interesse e la curiosità per l’olio extra vergine di oliva, come cresce pure, nel contempo, l’attenzione verso un consumo più consapevole e qualificato. E intanto ecco a voi, a corredo di questa mia nota, una vignetta di Valerio Marini, realizzata nello stand della produttrice Elena Parovel.

I quattro giorni triestini sono stati splendidi, ricchi e intensi. E’ stata vinta una grande sfida, per la quinta volta consecutiva. Contro chi credeva l’olio un prodotto alimentare di secondo piano, che necessita di essere sostenuto e appoggiato da altri richiami, più attrattivi, come il vino, per esempio, o il food in generale. Non è così, non può essere così. L’olio extra vergine di oliva deve per ovvie ragioni camminare sulle proprie gambe, e procedere a testa alta.

Nella giornata di domenica c’è stata tra l’altro la presentazione del progetto “Olio Officina”, alla presenza mia, del maestro di cucina Giuseppe Capano e del cuoco e ristoratore Emilio Cuck. L’olio protagonista, dunque; anche perché è proprio l’olio extra vergine di oliva l’ingrediente su cui spesso anche i grandi chef scivolano.

Esiste infatti un grande punto di debolezza: anche i ristoranti stellati scivolano sull’olio. In tanti selezionano con accuratezza le materie prime alimentari, ma non tengono conto dell’olio nella segmentazione della qualità. Spesso si pensa che un generico e indistinto extra vergine possa essere sufficiente. Non è così.

A livello ristorativo – ha dichiarato il maestro di cucina Giuseppe Capano – c’è ancora scarsa considerazione degli oli di oliva: ci si focalizza soprattutto sul condimento, e non sulla cottura. Ed è proprio sull’evoluzione dell’olio in cucina che ci si dovrà sempre più confrontare; e intanto, in attesa che la percezione dell’olio extra vergine di oliva diventi più qualificata, non resta che dire “evviva Olio Capitale!

Il prossimo appuntamento è per marzo 2012, dal 2 al 5.

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.