Olivo Matto

Il “Primissimo” 2011, l’extra vergine made in Australia firmato da Zefferino Monini

Luigi Caricato

Il “Primissimo” 2011, l’extra vergine made in Australia firmato da Zefferino Monini

L’Esselunga è per me un buon punto di approdo. Segno che si può fare distribuzione moderna con saggezza e lucidità, senza sacrificare la qualità a vantaggio del prezzo e rimanendo nel contempo competitivi rispetto ad altre insegne. Sull’house organ di Esselunga ho letto l’annuncio di una novità assoluta: il prossimo 4 agosto sarà presentato l’olio extra vergine di oliva che la famiglia Monini produce in Australia nelle campagne del New South Wales. L’ho degustato per voi in anteprima. Ho chiamato e ho gentilmente ricevuto a stretto giro due bottiglie di Primissimo.

Si chiama così, il Primissimo, in quanto ricavato dall’olivagione 2011. In Australia è già stata stagione di raccolta da tempo. Infatti nella retro-eticheta della bottiglia si legge che le olive – tutte di varietà italiane: Frantoio, Leccino e Pendolino – sono state raccolte tra aprile e giugno. L’olio è stato invece imbottigliato in Italia nel mese di luglio.

Si tratta di una anteprima assoluta mondiale. Così viene infatti annunciata la presentazione ufficiale di un’edizione limitata che l’insegna Esselunga è riuscita a guadagnarsi attuando una avvincente operazione di comarketing.

Ho parlato con Zefferino Monini e ho sentito in lui la soddisfazione di chi ha saputo osare e ci è riuscito. L’azienda umbra di Spoleto ha una proprietà di circa 300 ettari a Hillstone, nel New South Wales. Dietro vi è un investimento di 8 milioni di euro. Dietro c’è tanta progettualità.

Gli olivi sono stati piantumati tra il 2004 e il 2005. Sono in tutto 106 mila piante e danno luogo a una produzione di circa 350 mila litri di olio. Sono 40 mila le bottiglie destinate all’Italia. Il battesimo è fissato per giovedi 4 agosto. Il prezzo consigliato al pubblico è di 5,49 euro la bottiglia da mezzo litro.

SAGGIO ASSAGGIO

Il Primissimo è ricavato da olive Frantoio (50%), Leccino (35%) e Pendolino (15%).

Vista > Giallo oro, con una lieve velatura

Olfatto > Ha note fruttate di intensità medio-leggera, vegetali, con chiari sentori di mandorla

Gusto > Ha un’elevata fluidità al palato, e quasi scompare in bocca, lasciandola pulita appena dopo l’assaggio. E’ dolce al primo impatto, morbido, dal gusto vegetale di cicoria, con note di frutta secca, mandorla e nocciola; una lieve sensazione amara e un tocco di piccante in evidenza ma armonico, che termina con una lieve astringenza e una nota speziata

Sensazione retro-olfattiva > Sentori di mandorla in chiusura e un piccante lieve

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.