Olivo Matto

Il triangolo dell’olio

Luigi Caricato

Il triangolo dell’olio

L’iniziativa è davvero ragguardevole. E’ da prendere a modello. Segno evidente che gli ideatori sono ben più avanti di altri. Il “Triangolo dell’Olio” comprende tre distinte regioni d’Italia – Toscana , Umbria e Lazio – rappresentare da tre differenti aziende: Formica Alta, Podere Ermellino, Essenze di Carma. Insieme hanno realizzato un packaging davvero innovativo, ma anche utile, visto che la confezione si trasforma, una volta aperta, in una oliera pronta per essere riposta sul tavolo.

I saggi ideatori del “triangolo” sono Giulio Figarolo di Gropello, Gianluca Pizzo e Giovanni Bulgari. Tre produttori, dunque, e tre oli uniti da una visione comune: il completo controllo del ciclo produttivo, la produzione secondo i canoni dell’agricoltura biologica e, non meno importante, il conseguimento di una qualità superiore alla media.

Lazio, 350 metri slm > Essenza di Carma è un extra vergine ricavato da olive Leccino (85%) e Frantoio (15%).

Umbria, 480 metri slm > Podere Ermellino è un extra vergine ottenuto da olive Moraiolo (34%), Leccino (33%) e Frantoio (33%).

Toscana, 408 metri slm > Formica Alta è un extra vergine ricavato da olive Frantoio (50%), Moraiolo (25%) e Leccino (25%).

Il “Triangolo dell’Olio” è anche nella versione libro. Insomma, l’inventiva non manca. C’è pure l’olio in tutte e tre le sue declinazioni geografiche.

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.