Olivo Matto

Le due anime distintive dell’olio

Luigi Caricato

Nella giornata di mercoledi 16 dicembre si riunirà la giuria del concorso di design e packaging Le Forme dellOlio. E allora mi chiedo, proprio ora che il concorso è giunto alla sua ottava edizione, se linvestimento sul packaging e il design possa in qualche modo contribuire a far alzare il prezzo del prodotto olio extra vergine di oliva e nel contempo contribuire a far migliorare la percezione del valore intrinseco al prodotto agli occhi del consumatore.

Come ho opportunamente scritto la scorsa settimana, introducendo per esempio lolio da regalare si può creare una nuova abitudine di consumo, che può comportare una svolta concreta al futuro commerciale degli oli di qualità.

So bene quanto ciò sia difficile, ma le sfide daltra parte servono proprio per creare una nuova esigenza di mercato, proprio là dove questo bisogno non esiste, e neppure viene ritenuto necessario, anche se occorre comunque fare in modo che lo diventi.

C’è da osservare che il mondo dellolio dimostra al riguardo poco coraggio, perché ha poca inventiva, quando invece dovrebbe spogliarsi del suo tessuto prettamente agricolo e affrontare i mercati con una visione nuova.

Ciò, evidentemente, non significa trascurare gli altri segmenti di mercato, sia ben chiaro. Io ho teorizzato il concetto di olio democratico, proprio per lasciar intendere che anche un olio da “primo prezzo” ha la sua dignità e valore, perché comunque è sempre una materia prima nobile, pur se espressione di una qualità ordinaria rientrante nei limiti minimi fissati dal legislatore, ma c’è tuttavia bisogno di rendere disponibile anche lolio extra vergine di oliva alle famiglie con minori risorse economiche. Ed è proprio per questo motivo, quando dico valorizzare, intendo dire valorizzare tutte” le categorie merceologiche, e, tra le singole categorie, è fondamentale differenziare anche i vari gradi di qualità, senza creare discriminazioni tra ciò che vi è di ordinario e ciò che vi è di eccellente.

In Italia vi sono due vini simbolici ed emblematici. Da una parte il "Tavernello", prodotto da una società cooperativa, la Caviro, leader di mercato nella fascia di prezzo più accessibile, la quale, proprio con il Tavernello, ha saputo egregiamente offrire al consumatore un prodotto genuino e dalla costante qualità

Dallaltra parte vi è per contro un altro scenario, che invece rappresenta e interpreta alla perfezione il concetto di eccellenza, che possiamo individuare nel nome di un altro marchio storico, il Tignanello, proprietà della famiglia Antinori, che ha saputo realizzare un vino da sogno, altamente simbolico dellalta qualità rinomata universalmente.

Ebbene, è giusto che sul mercato vi siano prezzi bassi e accessibili ma sempre dignitosi, e comunque remunerativi per il produttore che conferisce le uve in cantina?

Allo stesso modo, è giusto che vi siano vini con prezzi elevati e opportunamente adeguati per prodotti di alta gamma, dai prezzi alti, dunque, e, nel caso specifico, pienamente giustificati dalla qualità corrispondente e pertanto credibili e accettati, almeno da quanti possono realmente permettersi vini di così grande prestigio?

Lo stesso vale per un prodotto complesso e stratificato come è lolio extra vergine di oliva, capace di presentare tutte le proprie distintive e peculiari caratteristiche a livello di sensorialità e di prodotto nutraceutico.

Cosa occorre fare? Meno chiacchiere e più mercato, con investimenti in marketing e in comunicazione. Può bastare e assicurare gli operatori del settore?

E infine, chiedo a tutti: il consumatore, oggi, può essere messo nelle condizioni di riuscire a comprendere le due anime distintive dellolio? Da una parte quello democratico, dallaltra quello elitario?

LEGGI ANCHE

A NATALE REGALATE OLIO

Commenta la notizia

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati.
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

gabriella  pravato

gabriella pravato

16 dicembre 2020 ore 09:24

Non credo esista altro che la comunicazione per avvicinare sempre di più il consumatore. Una comunicazione, però, che sia continua nel tempo, che non si limiti solo a qualche mese all’anno, fino a quando l’olio non è stato venduto tutto. Questo aiuterà anche a far comprendere al consumatore che, come esistono vini con prezzi diversi, così esistono sul mercato oli più o meno pregiati, ma sempre di qualità.

Iscriviti alle
newsletter